Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tales of Ordinary Madness

By

Publisher: Virgin Books

3.9
(6692)

Language:English | Number of Pages: 240 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Spanish , Italian , Portuguese , Czech , Greek

Isbn-10: 0753513870 | Isbn-13: 9780753513873 | Publish date: 

Also available as: Softcover and Stapled , eBook

Category: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like Tales of Ordinary Madness ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Inspired by DH Lawrence, Chekhov and Hemingway, Bukowski's writing is passionate, extreme and has attracted a cult following, while his life was as weird and wild as the tales he wrote. This collection of short stories gives an insight into the dark, dangerous lowlife of Los Angeles that Bukowski inhabited. From prostitutes to classical music, Bukowski ingeniously mixes high and low culture in his 'tales of ordinary madness'. These are angry yet tender, humorous and haunting portrayals of life in the underbelly of Los Angeles.
Sorting by
  • 1

    Volgare

    Di solito mi piace lo stile di Charles Bukowski ma questo libro mi ha delusa molto perché ci sono fantasie dell'autore di contenuti volgari e senza senso.Questo libro per essere uno dei più romanzi di ...continue

    Di solito mi piace lo stile di Charles Bukowski ma questo libro mi ha delusa molto perché ci sono fantasie dell'autore di contenuti volgari e senza senso.Questo libro per essere uno dei più romanzi di Bukowski mi ha delusa molto.

    said on 

  • 0

    Specchio dei tempi?

    Ci sono alcuni romanzi senza tempo. Penso ai grandi russi, a Don Quichote, agli scrittori capaci di delineare storie e personaggi validi per tutte le epoche. E poi invece ci sono i libri che sono trop ...continue

    Ci sono alcuni romanzi senza tempo. Penso ai grandi russi, a Don Quichote, agli scrittori capaci di delineare storie e personaggi validi per tutte le epoche. E poi invece ci sono i libri che sono troppo contestualizzati per essere apprezzati in epoche diverse. Sicuramente quando uscì, "Storie di ordinaria follia", rappresentò una netta cesura rispetto ai tempi. Dissacrante e caustico quanto basta, avrà fatto sobbalzarepiù d'uno sulla sedia di lettura. A me, personalmente, non è piaciuto. Trovo la reiterata presenza di "vizi" dello scrittore un filo conduttore che alla fine si rivela monotono. E' anche un libro duro da leggere, poca ironia, troppe forzature. Di tutte le storie, ne salvo 3 o 4 al massimo. Peccato.

    said on 

  • 2

    Raccolta di racconti molto mediocre

    Ho letto già un paio di libri di Bukowski e conosco abbastanza il suo stile narrativo. Questa raccolta di racconti mi ha convinto molto meno rispetto agli altri libri che ho letto. A mio giudizio si s ...continue

    Ho letto già un paio di libri di Bukowski e conosco abbastanza il suo stile narrativo. Questa raccolta di racconti mi ha convinto molto meno rispetto agli altri libri che ho letto. A mio giudizio si salvano 3 o 4 racconti in totale, i restanti sono tutti molto simili e parlano sempre di alcool, sesso e cavalli, rasentando la monotonia. Inoltre l'ebook che ho letto era pieno di errori lessicali e di battitura. Ho incontrato parecchie difficoltà nel finire questo libro.

    said on 

  • 3

    Bukowski porta le mutande nere, Bukowski ha paura di volare in aereo. Bukowski odia Babbo Natale. Bukowski intaglia figurine deformi nella gomma da cancellare. quando l’acqua sgocciola, Bukowski piang ...continue

    Bukowski porta le mutande nere, Bukowski ha paura di volare in aereo. Bukowski odia Babbo Natale. Bukowski intaglia figurine deformi nella gomma da cancellare. quando l’acqua sgocciola, Bukowski piange. quando Bukowski piange, l’acqua sgocciola. oh sancta sanctorum, oh sancta scrotorum, oh fontane zampillanti, oh zampilli di sperma; oh gran bruttezza dell’uomo dovunque come stronzo di cane che calpesti al mattino non avendolo visto un’altra volta, oh possente polizia, oh armi potentissime, oh potente dittatore, oh dannati imbecilli che siete dovunque, oh la povera piovra solitaria, oh il ticchettio delle lancette che ci trafigge tutti, tutti, equilibrati e squilibrati, santi e stitici, oh barboni, oh vagabondi che giacete nei vicoli di miseria d’un mondo dorato, oh i figli che diventeranno brutti, oh i brutti che imbruttiranno ancora, oh la tristezza e le sciabole e le pareti che si richiudono – niente Babbo Natale, niente Sorcetta, niente Bacchetta Magica, niente Cenerentola, niente Grandi Maestri d’Ogni Tempo – cucu’ – solo merda e frustate per i cani e i bambini, solo merda e smerdamento; solo dottori senza pazienti, solo nubi senza pioggia, giorni senza giorni, oh dio onnipotente che ci hai dato tutto questo. quando invaderemo la Tua eccelsa reggia giudia, fra i tuoi angeli timbracartellini, voglio udire una volta la Tua voce che invoca

    PIETA’

    PIETA’

    PIETA’

    e misericordia PER TE STESSO e per noi e per quel che Ti faremo.

    said on 

  • 3

    alcuni racconti sono come un pugno nello stomaco.. sesso e alcol sono il filo conduttore di tutto il libro che rispecchia fedelmente lo stile di vita dell'autore.

    said on 

  • 0

    Mi piace lo stile di Bukowski: diretto e apparentemente inelegante, fotografa nevrosi, paure e piccinerie dell'umanità.
    La vigliaccheria non è mai giudicata, solo descritta, le devianze, tante, anche. ...continue

    Mi piace lo stile di Bukowski: diretto e apparentemente inelegante, fotografa nevrosi, paure e piccinerie dell'umanità.
    La vigliaccheria non è mai giudicata, solo descritta, le devianze, tante, anche. I mali dell'animo sono resi con straordinaria poesia.
    Bellissimo il racconto d'apertura, incentrato sull'incapacità d'amare e sul bisogno di ridurre tutto e sempre a uno scontato rapporto di coppia.
    Ma in questo libro è tutto una sorpresa, a cominciare dal sottotitolo, feroce presa in giro del perbenismo dell'uomo 'normale'.

    said on 

  • 3

    A chi s'interessi di pazzia,propria o altrui,posso raccontare qualcosa sulla mia...

    Primo libro che leggo di Bukowsky e mi è rimasto un po di scontento.Mi aspettavo decisamente di più , visto quanto me ne avevano parlato bene.
    Il suo modo di scrivere è un elogio alla schiettezza , co ...continue

    Primo libro che leggo di Bukowsky e mi è rimasto un po di scontento.Mi aspettavo decisamente di più , visto quanto me ne avevano parlato bene.
    Il suo modo di scrivere è un elogio alla schiettezza , cosa che ho apprezzato molto. In sostanza è una raccolta di brevi storie senza ne capo ne coda, che raccontano la vita dell'autore. Racconti che alle volte spiccano per genialità e altre per la noia(quelle sui cavalli li ho saltati direttamente , troppo noiosi) altri un po troppo"gonfiati" e un tantino inventati a mio parere.
    Saltano all'occhio le sue svariate(sarà vero) storie di letto e le molteplici bevute(non c'è una pagina in cui non compaia la frase " mi sono bevuto una birra"...)
    comunque tutto sommato un libro da leggere..sarà quel che sarà , ma Bukowsky ci stà!! :)

    said on 

Sorting by
Sorting by