Tango e gli altri

Romanzo di una raffica, anzi tre

Di ,

Editore: A. Mondadori (Oscar bestsellers; 1803)

3.9
(691)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 338 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804576863 | Isbn-13: 9788804576860 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Tango e gli altri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il partigiano Bob viene accusato di aver massacrato la famiglia di un fascista. Una strage che può alienare ai partigiani il favore della popolazione e così sono gli stessi compagni della brigata Garibaldi a fucilare Bob. Ma qualcosa non torna, e a far luce viene chiamato Benedetto Santovito, ex maresciallo dei carabinieri, reduce dalla Russia e ora partigiano di Giustizia e Libertà. L'escalation degli eventi bellici impedisce a Santovito di portare a termine un'indagine appena iniziata ma molti anni dopo, nel 1960, il passato bussa di nuovo alla porta e una lettera appassionata e struggente obbliga il maresciallo a ritornare sul caso.
Ordina per
  • 4

    Piano piano ho tutta serie Santovito...e continuo a trovarmi bene in compagnia di questi personaggi...la scrittura di Guccini e Macchiavelli è impeccabile...sono veramente libri ben scritti!
    Mi permet ...continua

    Piano piano ho tutta serie Santovito...e continuo a trovarmi bene in compagnia di questi personaggi...la scrittura di Guccini e Macchiavelli è impeccabile...sono veramente libri ben scritti!
    Mi permetto solo una piccola critica...dal primo all'ultimo...la presentazione dei personaggi, presenti in tutti gli episodi, è sempre la stessa...nel senso che vengono usate le stesse identiche parole...ecco...al quarto libro si possono recitare a memoria!!

    ha scritto il 

  • 4

    Appennino e Resistenza

    Un luogo (l'appennino tosco-emiliano) e un tempo (la Resistenza) cari a Guccini fanno da cornice a un bel libro a metà tra giallo e romanzo storico.
    E gli autori sono anche bravi a confondre le acque: ...continua

    Un luogo (l'appennino tosco-emiliano) e un tempo (la Resistenza) cari a Guccini fanno da cornice a un bel libro a metà tra giallo e romanzo storico.
    E gli autori sono anche bravi a confondre le acque: fino all'ultima pagina è difficile identificare il "cattivo", ma poi ti accorgi che tutti i pezzi del mosaico vanno al loro posto.
    Bravo Guccini, e non solo a scrivere canzoni.

    ha scritto il 

  • 3

    Noioso all'inizio (troppa confusione di personaggi e non si capisce molto) ma dopo alcune pagine (direi il 30% del libro) comincia a farsi interessante...e alla fine bene, non è un gran che in definit ...continua

    Noioso all'inizio (troppa confusione di personaggi e non si capisce molto) ma dopo alcune pagine (direi il 30% del libro) comincia a farsi interessante...e alla fine bene, non è un gran che in definitiva!

    ha scritto il 

  • 4

    una piacevole lettura estiva

    diciamoci la verità: niente di eccezionale, quello di Varesi su una tematica analoga è una spanna sopra. Ma un libro piacevole e accattivante, che ti prende e ti porta per mano fino all'ultima riga de ...continua

    diciamoci la verità: niente di eccezionale, quello di Varesi su una tematica analoga è una spanna sopra. Ma un libro piacevole e accattivante, che ti prende e ti porta per mano fino all'ultima riga del romanzo con una scrittura senza grandi sbalzi ma continua e lineare, quasi da sagra paesana. e poi questa montagna appenninica la assapori al meglio, la sua neve, i suoi alberi, i suoi abitanti. concludendo: a me è piaciuto

    ha scritto il 

  • 4

    Che dire di questa mia virata nella tanto deprecata letteratura (letteratura?) contemporanea? Un tentativo sincero alla luce della speranza di trovarvi Avati, l'Appennino dolce e severo della Nuda e d ...continua

    Che dire di questa mia virata nella tanto deprecata letteratura (letteratura?) contemporanea? Un tentativo sincero alla luce della speranza di trovarvi Avati, l'Appennino dolce e severo della Nuda e dell'Alpe di Succiso, e tanta tanta ruralità, ferma e secolare, ma rifugio accogliente e amico dove dimenticare anche per poco il gorgo feroce di ogni giorno.
    A presto.

    ha scritto il 

  • 4

    La scrittura ogni tanto è un po'pasticciata e un filo contorta, però la storia è davvero bella, oltre a riprendere (romanzandolo) un fatto realmente accaduto.

    ha scritto il