Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tatiana & Alexander

By Paullina Simons

(589)

| Paperback | 9788817033831

Like Tatiana & Alexander ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Tatiana ha diciotto anni ed è incinta. E' riuscita miracolosamente a scappare da una Leningrado sconvolta dall'assedio dei nazisti e a rifugiarsi in America. Il suo cuore però è a pezzi, ha perso Alexander l'uomo della sua vita. Eppure qualcosa le di Continue

Tatiana ha diciotto anni ed è incinta. E' riuscita miracolosamente a scappare da una Leningrado sconvolta dall'assedio dei nazisti e a rifugiarsi in America. Il suo cuore però è a pezzi, ha perso Alexander l'uomo della sua vita. Eppure qualcosa le dice che il padre del suo bambino non può averla abbandonata in quella nuova patria...

229 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La storia di Tatiana e Alexander sta diventando peggio di quella di Romeo e Giulietta. Almeno loro avevano solo due famiglie a dividerli, questi hanno l'Unione Sovietica intera che fa di tutto per rovinar loro la vita.
    Scherzi a parte, sapevo che mi ...(continue)

    La storia di Tatiana e Alexander sta diventando peggio di quella di Romeo e Giulietta. Almeno loro avevano solo due famiglie a dividerli, questi hanno l'Unione Sovietica intera che fa di tutto per rovinar loro la vita.
    Scherzi a parte, sapevo che mi sarei dovuta armare di fazzoletti per la lettura, e così è stato. Già il titolo faceva presagire che Tatiana e Alexander sarebbero stati separati per buona parte del libro. È stata una sofferenza leggere di loro separati perché ciò che Paullina Simons trasmette qui e anche ne Il cavaliere d'inverno è proprio che non esiste Tatiana senza Alexander e non c'è Alexander senza Tatiana. Hanno sofferto, hanno quasi perso le speranze ma non si sono mai arresi.
    Stranamente non rimpiango il primo libro come spesso accade, il livello ansia è molto più elevato e ci sono dei piccoli difetti come il precedente, ma ciò non cambia che la storia di Tatia e Shura sia tra le più belle mai lette.

    Is this helpful?

    Laura said on Jun 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Prima lettura 4 stelle. Seconda rilettura 5 stelle... Non il contrario come fa visualizzare Anobii!

    Is this helpful?

    Vioca said on Jun 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Allora... Premetto che non so se sia a causa del mio stato emotivo attuale o del libro, ma non sono stata coinvolta granchè... Il primo romanzo mi ha ammaliata, mi ha fatta sognare, innamorare, amare, mi ha spezzato il cuore e si è divertito a stra ...(continue)

    Allora... Premetto che non so se sia a causa del mio stato emotivo attuale o del libro, ma non sono stata coinvolta granchè... Il primo romanzo mi ha ammaliata, mi ha fatta sognare, innamorare, amare, mi ha spezzato il cuore e si è divertito a stracciarmelo... Insomma mi ha fatta vivere sul SERIO. Ma questo... no, non è stato minimamente all’altezza. Cioè, il mio voto dipende quasi esclusivamente da Il Cavaliere D’Inverno e bè... da Alexander :) Lui non è cambiato, anzi nessun personaggio è cambiato. Sono sempre gli stessi, la scrittura è la stessa, l’atmosfera è la stessa... ma le emozioni che l’autrice cerca di farci provare, non so... sono molto meno intense. E con ciò non voglio dire che non abbia sofferto con Tatiana (e anzi, mi permetterei di dire, anche un po’ più di Tatiana, considerando che non le è servito poi molto tempo per dimanticare il suo Shura... 2 o 3 annetti e siamo pronte per tornare a vivere), che non sia andata in guerra e non abbia combattuto con Alexander, che non abbia vissuto con lui nei gulag e nei ricordi... no, non voglio dire ciò. Ma tutto questo non è stato all’altezza del primo volume.

    Questo libro non è riuscito nemmeno a farmi affezionare più di tanto ad Anthony, e questo è grave visto che ci vuole poco perchè mi affezioni a un bambino :)

    Allora, partendo dal principio, ho trovato delundente che il libro iniziasse con un Alexander di 10 anni e che proseguisse con tutta la sua storia dopo l’arrivo in Unione Sovietica. Cioè, dopo la fine de Il Cavaliere D’Inverno mi aspettavo qualcos’altro... Come può l’autrice far finire il libro nella maniera forse più dolorosa che potesse esistere e iniziare quello successivo come se niente fosse, con un Alexander bambino?? Non dico che non mi interessasse, ma poteva raccontare questa storia in un libro a parte, non in TATIANA & ALEXANDER!!! Insomma, solo il titolo dovrebbe sottolineare quello che ci si aspetta di leggere!!!!

    Poi ho trovato un po’ noiosetta la permanenza di Tatiana a Ellis Island, anzi un bel po’ noiosetta.

    Per quanto riguarda il proseguimento del libro, troviamo una cosa analoga a quella del primo romanzo. Come nel primo volume abbiamo assistito al degrado di Leningrado, qui troviamo la guerra di Alexander. Entrambe queste parti prendono buona parte della narrazione e possono o piacere o risultare assolutamente noiose. Quella del primo libro è molto più facile che coinvolga e appassioni, ma fortunatamente a me è piaciuta anche quella del secondo.

    Le avventure di Tania, invece, non mi sono piaciute e non hanno fatto che accrescere e ingigantire la mia avversione verso di lei. Sì lo ammetto, non mi è mai stata simpatica.... Ma come si fa a provare sentimenti positivi per lei, quando ci frega il NOSTRO Shura?? Scherzo eh... o forse no :) Comunque, nemmeno quando finalmente Tatiana si sveglia e va a cercare Alexander, la narrazione non si fa più avvincente quindi, mi dispiace ma, a mio parere, questo libro vive di rendita del precente....

    Inoltre ho trovato che tutte le avventure di Tatiana e Alexander vissute separatamente, siano state solo una lunga tiratura da parte dell’autrice, che non sapeva più cosa scrivere.

    Nonostante abbia letto, in alcune recensioni, che le parti prese da Il Cavaliere D’Inverno risultino troppo ripetitive e che non siano state gradite, io devo proprio dire il contrario.... A me sono piaciute e, anzi, le ho preferite di gran lunga ad altre... E’ stato un po’ come ritornare nel libro che mi ha fatta sognare...

    Spreco solo poche parole per Pasha, per dire: ''Sììììì!!! Io l’avevo detto che non era morto!! :D'' Anche se, però, questo mi fa pensare che il libro sia un pochetto scontato no?

    Comunque mi dispiace ma, nonostante abbia fatto innumerevoli critiche e nonostante ne abbia tralasciate altrettante, non posso e ripeto, non POSSO dare meno di 4 stelle.
    Insomma, Alexander è sempre Alexander.... Se lo facessi, ''Il Cavaliere di Bronzo mi inseguirebbe ogni giorno e ogni notte della mia vita''.

    Is this helpful?

    Iustinabradan said on Jun 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Splendido! Questa scrittrice riesce a farti soffrire e gioire insieme ai personaggi. La storia poi è davvero unica.

    Is this helpful?

    Patri&Marti said on May 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Anche questo è un libro meraviglioso seppure molto diverso rispetto al precedente. La guerra continua ma la si vive attraverso gli occhi di Alexander e le immagini del presente sono, soprattutto all'inizio, intervallate con immagini del passato che r ...(continue)

    Anche questo è un libro meraviglioso seppure molto diverso rispetto al precedente. La guerra continua ma la si vive attraverso gli occhi di Alexander e le immagini del presente sono, soprattutto all'inizio, intervallate con immagini del passato che riprendono e ampliano le scene che più abbiamo amato ne "il cavaliere d'inverno". Un po', questo tornare al passato, mi ha reso la lettura più noiosa e lenta, tuttavia non si può non notare un netto miglioramento nello stile della scrittrice fino a divenire, in alcuni tratti, pura poesia.
    Tatiana continua a essere un personaggio ricco di sfumature e di forte cattere, un coraggio ai limiti dell'avventatezza. Alexander continua a far sognare le lettrici.
    Se nel primo libro lo sfondo principale era questa travagliata e importante storia d'amore, nel secondo libro si vive di ricordi per la maggior parte del tempo seppure sia un amore entrambi non riescono a dimenticare e che non permettere loro di proseguire la vita. Anzi, per Alaxander, la speranza di ritrovare Tatiana diviene essa stessa vita.
    Molta suspense soprattutto nella seconda metà del libro e fiumi di lacrime, ovviamente!
    In definitiva, un seguito che non non si può perdere se si amano Shuro e Tatia.

    Is this helpful?

    *Sara*SS* said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro, che a mio parere, poteva fare molto di più!
    Continui flashback, lunghi diversi capitoli, che permettono sì di comprendere la storia appieno, ma che disperdono continuamente l'attenzione del lettore.
    Tra l'altro ho capito, che nel libro prec ...(continue)

    Un libro, che a mio parere, poteva fare molto di più!
    Continui flashback, lunghi diversi capitoli, che permettono sì di comprendere la storia appieno, ma che disperdono continuamente l'attenzione del lettore.
    Tra l'altro ho capito, che nel libro precedente dell'autrice, si parlava proprio del passato dei due protagonisti!
    Le ripetizioni non fanno mai bene, io fortunatamente il primo libro non l'ho letto!
    La noia e la confusione regna spesso sovrana comunque, soprattutto all'inizio e la tentazione di abbandonare questo tomo da quasi 800 pagine c'è.
    La guerra stempera il rapporto stucchevole dei due (a volte sono rimasta quasi infastidita: capitoli degni di un Harmony) anche se in alcuni momenti tocchiamo l'impensabile: sei in serissimo pericolo di vita, ti metti ad amoreggiare nei boschi???
    Altro punto che mi ha lasciata alquanto perplessa è la figura dei russi e della Russia, per quanto io non ami particolarmente questa nazione, anzi...mi chiedo: è davvero sempre così necessario rendere l'America paladina della giustizia e questi poveracci miseri, cattivi e sporchi prima durante e post guerra?

    Is this helpful?

    Lady Diana said on Apr 24, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book