Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tatiana y Alexander

By

Publisher: Circulo de lectores

4.2
(1462)

Language:Español | Number of Pages: 631 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Italian

Isbn-10: 8467228644 | Isbn-13: 9788467228649 | Publish date: 

Also available as: Paperback

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like Tatiana y Alexander ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sobrevivir al sitio de Leningrado fue una prueba de fuego para el profundo amor de la joven Tatiana Metanova y el oficial del Ejército Rojo, Alexander Belov, un amor acaso destinado a convertirse en un sueño imposible.
Desde que abandonara las calles de Leningrado, Tatiana demostró su valor y su coraje para reunirse, en primera línea del frente, junto al hombre al que amaba.
Pero la guerra, implacable, sigue su curso, demostrando a ambos enamorados qeu no hay cabida para ellos en un mundo que ha saltado por completo por los aires. Tatiana consigue huir a través de las fronteras escandinavas y posteriormente se embarca en Estocolmo con rumbo a Nueva York, embarazada y sin ninguna noticia sobre si Alexander aún vive... Su vida sigue, ajena al hecho de que, al otro extremo del globo, en las gélidas tierras de la Unión Soviética Alexander sufre el hostigamiento de las fuerzas represoras del régimen a causa de su origen norteamericano. Sea cual sea el resultado final de la contienda, el valeroso oficial sabe que su futuro se vislumbra oscuro. Sólo el recuerdo de su esposa alimenta su espíritu ante la adversidad... junto con la secreta e inconfesable esperanza de que siga con vida.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Era da tanto che non mi capitava di leggere una trilogia che mi lasciasse così tanta sofferenza, tristezza, ma anche amore, coraggio e voglia di vivere. Ma sopratutto che mi lasciasse i personaggi nel cuore. Alexander che sacrifica la sua vita per quella di Tatiana e Anthony. Tatiana che nel suo ...continue

    Era da tanto che non mi capitava di leggere una trilogia che mi lasciasse così tanta sofferenza, tristezza, ma anche amore, coraggio e voglia di vivere. Ma sopratutto che mi lasciasse i personaggi nel cuore. Alexander che sacrifica la sua vita per quella di Tatiana e Anthony. Tatiana che nel suo profondo del cuore sa che suo marito si salverà per lei. Come gli aveva sempre promesso. Un amore che va aldilà di tutto. Ci sarebbe tantissime cose da dire, ma riassumerle è davvero difficile. E ancora una volta "omnia vincit amor".

    said on 

  • 5

    E' da poco che conosco quest'autrice, ma il suo stile mi ha catturata sin dal primo libro e non vedevo l'ora di leggere il secondo. E - mano a mano che procedo con la lettura di questa storia indimenticabile - sono sempre più convinta che la Simons abbia creato la miglior trilogia di sempre.
    In ...continue

    E' da poco che conosco quest'autrice, ma il suo stile mi ha catturata sin dal primo libro e non vedevo l'ora di leggere il secondo. E - mano a mano che procedo con la lettura di questa storia indimenticabile - sono sempre più convinta che la Simons abbia creato la miglior trilogia di sempre. In questo libro i punti di vista si alternano ad ogni capitolo (i POV sono due: Tatiana e Alexander). Inutile dire che il mio amore per quest'uomo cresce sempre di più. Ma procediamo con ordine. Se all'inizio del libro sei convinto che Tatiana e Alexander ritorneranno insieme, Paullina Simons riesce a farti dubitare persino del loro amore tenendoti con il fiato sospeso fino all'ultimissima pagina. Inutile dire che - come nel primo libro - le lacrime (di gioia? di tristezza? di nervosismo?) sono assicurate (la Simons mi deve una quantità industriale di fazzoletti). La guerra continua e continua anche la lotta di Tatiana e Alexander per il loro immenso, epico amore.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Se con "il cavaliere di bronzo" si ama, si sogna, si piange e ci si dispera con il seguito ci si dispera, si piange, si sogna e si ama.


    Si rivede la storia dal punto di vista di Alexander e ci si innamora nuovamente di questi due amanti veramente molto sfortunati.
    Manca la magia del prim ...continue

    Se con "il cavaliere di bronzo" si ama, si sogna, si piange e ci si dispera con il seguito ci si dispera, si piange, si sogna e si ama.

    Si rivede la storia dal punto di vista di Alexander e ci si innamora nuovamente di questi due amanti veramente molto sfortunati. Manca la magia del primo libro ma non per questo la storia perde di vivacità e colpi di scena.

    Magari era opportuno evitare di ripetere cose già dette e raccontare l'incontro di Alexander con suo figlio. Magari era opportuno spiegare cose che si sono date per scontate, ma nonostante questo un libro che cattura.

    said on 

  • 4

    Continua la storia di Tatia e Shura, anche se divisi da un oceano, e forse questa separazione il libro la patisce un pò troppo.
    Molto bella la parte dedicata alle vicende di lui: malinconica, ricca di poesia e al tempo stesso spietata; meno toccante quella di lei.
    Arrivati a questo punto però amo ...continue

    Continua la storia di Tatia e Shura, anche se divisi da un oceano, e forse questa separazione il libro la patisce un pò troppo. Molto bella la parte dedicata alle vicende di lui: malinconica, ricca di poesia e al tempo stesso spietata; meno toccante quella di lei. Arrivati a questo punto però amo talmente tanto i personaggi, che se la Simons scrivesse un libro in cui non fanno altro che fissarsi in silenzio, lo leggerei lo stesso.

    said on 

  • 5

    La storia di Tatiana e Alexander continua ed è più travagliata che mai. Lui prigioniero di guerra nell'Unione Sovietica vive nella speranza di ritrovare Tatiana e il ricordo del loro amore lo fa andare avanti ed è tutto ciò che lo tiene in vita, lei in America a cercare di andare avanti ma non è ...continue

    La storia di Tatiana e Alexander continua ed è più travagliata che mai. Lui prigioniero di guerra nell'Unione Sovietica vive nella speranza di ritrovare Tatiana e il ricordo del loro amore lo fa andare avanti ed è tutto ciò che lo tiene in vita, lei in America a cercare di andare avanti ma non è per niente facile dimenticare quell'amore così unico e tormentato. Tra continui flashback e colpi di scena la storia avanza e le lacrime scendono a fiumi, si continua nuovamente a lottare per questo Amore che niente e nessuno fermerà.

    said on 

  • 5

    La storia di Tatiana e Alexander sta diventando più tragica di quella di Romeo e Giulietta. Almeno loro avevano solo due famiglie a dividerli, questi hanno l'Unione Sovietica intera che fa di tutto per rovinar loro la vita.
    Scherzi a parte, sapevo che mi sarei dovuta armare di fazzoletti per la l ...continue

    La storia di Tatiana e Alexander sta diventando più tragica di quella di Romeo e Giulietta. Almeno loro avevano solo due famiglie a dividerli, questi hanno l'Unione Sovietica intera che fa di tutto per rovinar loro la vita. Scherzi a parte, sapevo che mi sarei dovuta armare di fazzoletti per la lettura, e così è stato. Già il titolo faceva presagire che Tatiana e Alexander sarebbero stati separati per buona parte del libro. È stata una sofferenza leggere di loro separati perché ciò che Paullina Simons trasmette qui e anche ne Il cavaliere d'inverno è proprio che non esiste Tatiana senza Alexander e non c'è Alexander senza Tatiana. Hanno sofferto, hanno quasi perso le speranze ma non si sono mai arresi. Stranamente non rimpiango il primo libro come spesso accade, il livello ansia è molto più elevato e ci sono dei piccoli difetti come il precedente, ma ciò non cambia che la storia di Tatia e Shura sia tra le più belle mai lette.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Allora... Premetto che non so se sia a causa del mio stato emotivo attuale o del libro, ma non sono stata coinvolta granchè... Il primo romanzo mi ha ammaliata, mi ha fatta sognare, innamorare, amare, mi ha spezzato il cuore e si è divertito a stracciarmelo... Insomma mi ha fatta vivere sul SER ...continue

    Allora... Premetto che non so se sia a causa del mio stato emotivo attuale o del libro, ma non sono stata coinvolta granchè... Il primo romanzo mi ha ammaliata, mi ha fatta sognare, innamorare, amare, mi ha spezzato il cuore e si è divertito a stracciarmelo... Insomma mi ha fatta vivere sul SERIO. Ma questo... no, non è stato minimamente all’altezza. Cioè, il mio voto dipende quasi esclusivamente da Il Cavaliere D’Inverno e bè... da Alexander :) Lui non è cambiato, anzi nessun personaggio è cambiato. Sono sempre gli stessi, la scrittura è la stessa, l’atmosfera è la stessa... ma le emozioni che l’autrice cerca di farci provare, non so... sono molto meno intense. E con ciò non voglio dire che non abbia sofferto con Tatiana (e anzi, mi permetterei di dire, anche un po’ più di Tatiana, considerando che non le è servito poi molto tempo per dimanticare il suo Shura... 2 o 3 annetti e siamo pronte per tornare a vivere), che non sia andata in guerra e non abbia combattuto con Alexander, che non abbia vissuto con lui nei gulag e nei ricordi... no, non voglio dire ciò. Ma tutto questo non è stato all’altezza del primo volume.

    Questo libro non è riuscito nemmeno a farmi affezionare più di tanto ad Anthony, e questo è grave visto che ci vuole poco perchè mi affezioni a un bambino :)

    Allora, partendo dal principio, ho trovato delundente che il libro iniziasse con un Alexander di 10 anni e che proseguisse con tutta la sua storia dopo l’arrivo in Unione Sovietica. Cioè, dopo la fine de Il Cavaliere D’Inverno mi aspettavo qualcos’altro... Come può l’autrice far finire il libro nella maniera forse più dolorosa che potesse esistere e iniziare quello successivo come se niente fosse, con un Alexander bambino?? Non dico che non mi interessasse, ma poteva raccontare questa storia in un libro a parte, non in TATIANA & ALEXANDER!!! Insomma, solo il titolo dovrebbe sottolineare quello che ci si aspetta di leggere!!!!

    Poi ho trovato un po’ noiosetta la permanenza di Tatiana a Ellis Island, anzi un bel po’ noiosetta.

    Per quanto riguarda il proseguimento del libro, troviamo una cosa analoga a quella del primo romanzo. Come nel primo volume abbiamo assistito al degrado di Leningrado, qui troviamo la guerra di Alexander. Entrambe queste parti prendono buona parte della narrazione e possono o piacere o risultare assolutamente noiose. Quella del primo libro è molto più facile che coinvolga e appassioni, ma fortunatamente a me è piaciuta anche quella del secondo.

    Le avventure di Tania, invece, non mi sono piaciute e non hanno fatto che accrescere e ingigantire la mia avversione verso di lei. Sì lo ammetto, non mi è mai stata simpatica.... Ma come si fa a provare sentimenti positivi per lei, quando ci frega il NOSTRO Shura?? Scherzo eh... o forse no :) Comunque, nemmeno quando finalmente Tatiana si sveglia e va a cercare Alexander, la narrazione non si fa più avvincente quindi, mi dispiace ma, a mio parere, questo libro vive di rendita del precente....

    Inoltre ho trovato che tutte le avventure di Tatiana e Alexander vissute separatamente, siano state solo una lunga tiratura da parte dell’autrice, che non sapeva più cosa scrivere.

    Nonostante abbia letto, in alcune recensioni, che le parti prese da Il Cavaliere D’Inverno risultino troppo ripetitive e che non siano state gradite, io devo proprio dire il contrario.... A me sono piaciute e, anzi, le ho preferite di gran lunga ad altre... E’ stato un po’ come ritornare nel libro che mi ha fatta sognare...

    Spreco solo poche parole per Pasha, per dire: ''Sììììì!!! Io l’avevo detto che non era morto!! :D'' Anche se, però, questo mi fa pensare che il libro sia un pochetto scontato no?

    Comunque mi dispiace ma, nonostante abbia fatto innumerevoli critiche e nonostante ne abbia tralasciate altrettante, non posso e ripeto, non POSSO dare meno di 4 stelle. Insomma, Alexander è sempre Alexander.... Se lo facessi, ''Il Cavaliere di Bronzo mi inseguirebbe ogni giorno e ogni notte della mia vita''.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Anche questo è un libro meraviglioso seppure molto diverso rispetto al precedente. La guerra continua ma la si vive attraverso gli occhi di Alexander e le immagini del presente sono, soprattutto all'inizio, intervallate con immagini del passato che riprendono e ampliano le scene che più abbiamo a ...continue

    Anche questo è un libro meraviglioso seppure molto diverso rispetto al precedente. La guerra continua ma la si vive attraverso gli occhi di Alexander e le immagini del presente sono, soprattutto all'inizio, intervallate con immagini del passato che riprendono e ampliano le scene che più abbiamo amato ne "il cavaliere d'inverno". Un po', questo tornare al passato, mi ha reso la lettura più noiosa e lenta, tuttavia non si può non notare un netto miglioramento nello stile della scrittrice fino a divenire, in alcuni tratti, pura poesia. Tatiana continua a essere un personaggio ricco di sfumature e di forte cattere, un coraggio ai limiti dell'avventatezza. Alexander continua a far sognare le lettrici. Se nel primo libro lo sfondo principale era questa travagliata e importante storia d'amore, nel secondo libro si vive di ricordi per la maggior parte del tempo seppure sia un amore entrambi non riescono a dimenticare e che non permettere loro di proseguire la vita. Anzi, per Alaxander, la speranza di ritrovare Tatiana diviene essa stessa vita. Molta suspense soprattutto nella seconda metà del libro e fiumi di lacrime, ovviamente! In definitiva, un seguito che non non si può perdere se si amano Shuro e Tatia.

    said on 

Sorting by