Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tau zero

Di

Editore: Nord

3.8
(109)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8842903957 | Isbn-13: 9788842903956 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Ti piace Tau zero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'astronave interstellare Leonora Christine con a bordo un equipaggio di cinquanta fra uomini e donne, è diretta verso il terzo pianeta della stella Beta Virginis allo scopo di fondare una nuova colonia. Poiché l'astronave è in grado di procedere ad un'apprezzabile frazione della velocità della luce, il tempo soggettivo di bordo viene rallentato e quindi un viaggio di vari decenni per i componenti della spedizione durerà solo pochi anni. Nella teoria della relatività vi è infatti il fattore tau: più la velocità di un'ipotetica astronave si avvicina a quella della luce e più il valore del tau tende a zero, causando una dilatazione del tempo rispetto al resto dell'universo. Ma ecco che l'innocuo attraversamento di una nube di polvere interstellare scatena l'imprevedibile. Il sistema di decelerazione entra in avaria e non solo la Leonora Christine non è più in grado di rallentare la sua folle corsa, ma rischia di trasformarsi in un proiettile cosmico, sfrecciando attraverso intere galassie in un batter d'occhio e divorando materia interstellare ad un ritmo forsennato, mentre lo spazio esterno invecchia di milioni e milioni di anni. Quando, ma soprattutto dove, potrà concludersi un simile viaggio? Forse alle soglie di una nuova eternità in qualche zona remota e sconosciuta dell'universo... già, ma di quale universo? Infatti, chi può immaginare il destino della Leonora Christine e del suo equipaggio dopo un evento che ha sfidato le leggi dello spazio e del tempo e che potrebbe aver alterato la struttura stessa della realtà come noi la conosciamo?
La più audace ed ingegnosa ipotesi sui segreti dell'universo diventa il nucleo di un'indimenticabile avventura destinata a rimanere nella storia della fantascienza.
Ordina per
  • 3

    Recensione della Biblioteca Galattica

    scheda completa: http://www.bibliotecagalattica.com/romanzi/fattore_tau_…

    Il romanzo basa l'intero suo intreccio sulla Teoria della Relatività Ristretta, e in particolar modo sul concetto di dilatazione temporale secondo il quale il tempo per oggetto che viaggia a velocità relativi ...continua

    scheda completa: http://www.bibliotecagalattica.com/romanzi/fattore_tau_zero.html

    Il romanzo basa l'intero suo intreccio sulla Teoria della Relatività Ristretta, e in particolar modo sul concetto di dilatazione temporale secondo il quale il tempo per oggetto che viaggia a velocità relativistiche (vicine alla velocità della luce) scorre "più lentamente" che nel sistema di riferimento stazionario. Siamo nel campo quindi della pura Hard SF: l'autore esplora con abilità questa ormai risaputa, ma sempre al di là dell'intuizione umana, "bizzarria fisica" portandola fino alle estreme conseguenze.
    I protagonisti del romanzo sono venticinque uomini e venticinque donne, l'equipaggio della Leonora Christine. L'astronave è destinata a colonizzare un pianeta alieno accelerando fino a raggiungere velocità relativistiche, facendo sì che il viaggio duri agli occhi dell'equipaggio soltanto cinque anni quando invece sulla Terra ne passeranno più di trenta. La nave è dotata dell'autoreattore Bussard, un sistema realmente ipotizzato, che sfrutta l'idrogeno disperso nello spazio come combustibile, aggirando così il problema del trasporto del propellente che renderebbe impossibile raggiungere le velocità elevate richieste per un viaggio interstellare.
    Nelle prime pagine dell'opera, l'autore dà qualche accenno alla situazione della Terra al momento della partenza della missione. Sono davvero poche righe ma il contenuto è decisamente originale: Il pianeta sembra essere sopravvissuto ad una guerra nucleare e tutte le nazioni hanno concordato nel fare della Svezia una sorta di "polizia mondiale" per evitare il ripetersi di simili tragedie; Stoccolma è diventata così il centro del pianeta e lo svedese una lingua franca al pari dell'inglese odierno.
    Il viaggio non è destinato ad andare secondo i piani: a causa di un incidente il sistema di decelerazione della Leonora Christine è gravemente danneggiato e deve essere riparato. La nave però non può disattivare il sistema di accelerazione in quanto esso fa da scudo alle particelle e alle radiazioni che bombardano la nave durante il viaggio. La Leonora Christine è così obbligata a continuare la sua folle corsa per il cosmo, in un viaggio che andrà al di là dell'umana immaginazione.
    Il romanzo costituisce una lettura scorrevole e appassionante, grazie alla straordinaria abilità dell'autore di illustrare in maniera chiara i concetti scientifici che fanno da base e sfondo all'intera vicenda. Verosimili e convicenti sono anche i personaggi (spesso il tallone d'achille di opere Hard SF) così come la descrizione dell'evoluzione degli stati d'animo, delle relazioni, dell'atmosfera all'interno dell'equipaggio. Un po' mielosa e prevedibile, se vogliamo trovare qualche difetto, la storia d'amore tra le due figure protagoniste principali, uomo e donna, dell'opera. In conclusione, un'ottima lettura, che non risente i quarant'anni e passa di ultime scoperte scientifiche, e che consigliamo a tutti, non solo agli amanti dell'Hard SF.

    ha scritto il 

  • 3

    Un classico

    Questo è un classico dei racconti di fantascienza e segue l'idea della colonizzazione umana di altri pianeti, nel caso di questa storia il primo tentativo. Contrariamente ad altri libri, vengono sviluppati ed esposti concetti di fisica e astronomia piuttosto 'spinti' e spesso è facile perdersi. L ...continua

    Questo è un classico dei racconti di fantascienza e segue l'idea della colonizzazione umana di altri pianeti, nel caso di questa storia il primo tentativo. Contrariamente ad altri libri, vengono sviluppati ed esposti concetti di fisica e astronomia piuttosto 'spinti' e spesso è facile perdersi. La storia non prevede un’azione frenetica (anche se ci sono alcuni colpi di scena durante la storia) o un'analisi approfondita dei personaggi, ma sembra voler puntare molto sulla capacità umana di affrontare con determinazione le situazioni più difficili. E' il genere fantascienza che parla dell'esplorazione dello spazio, piuttosto che raccontare di imperi estesi sui centinaia di mondi, come in altri libri. Nel complesso mi è piaciuto molto, anche se le parti descrittive e strettamente scientifiche sono un pò pesanti.

    ha scritto il 

  • 4

    fortunatamente dispongo di qualcosa più di un'infarinatura sulla relatività, altrimenti mi sarei persa in questo libro. anche così, però, non è che abbia colto tutto tutto, e mi dispiace perché in casi come questo vorrei riuscire a capire se l'autore stiracchia oltremodo le cose confidando nell'i ...continua

    fortunatamente dispongo di qualcosa più di un'infarinatura sulla relatività, altrimenti mi sarei persa in questo libro. anche così, però, non è che abbia colto tutto tutto, e mi dispiace perché in casi come questo vorrei riuscire a capire se l'autore stiracchia oltremodo le cose confidando nell'ignoranza del lettore o no. il fatto è che sulla mia ignoranza può contare, anche se non è totale. di certo le sue technicalities mostrano l'età in vari particolari, ma l'essenziale - l'astronave che viaggia nello spazio e nel tempo grazie all'approssimarsi alla velocità della luce - per quel che ne capisco è trattato con coerenza e fantasia. il comportamento dei viaggiatori non sarà forse esaminato con maestria da psicoanalista, ma in linea di massima mi pare credibile. io sarei stata un po' più pessimista, forse. si tratta di un libro impegnativo per il lettore, a meno di saltare interi paragrafi e disinteressarsi del problema spaziotemporale, di quello energetico e della protezione dalle insidie del cosmo. a me è piaciuto.

    ha scritto il 

  • 4

    La caratterizzazione dei personaggi come al solito lascia un po' a desiderare. Gli svedesi sono tutti perfettini, c'è il cuoco italiano, l'americano un po' razzista e attaccabrighe, il poliziotto tutto d'un pezzo che impone ordine e disciplina; sembra che tutti gli ingegneri responsabili del funz ...continua

    La caratterizzazione dei personaggi come al solito lascia un po' a desiderare. Gli svedesi sono tutti perfettini, c'è il cuoco italiano, l'americano un po' razzista e attaccabrighe, il poliziotto tutto d'un pezzo che impone ordine e disciplina; sembra che tutti gli ingegneri responsabili del funzionamento dell'astronave siano uomini mentre le donne non si capisce bene che ruolo abbiano se non quello di piangere, cucire vestiti, dipingere le grige paratie dell'astronave e magari, se la missione ha successo, fare anche qualche bambino sul nuovo pianeta.
    Ma a parte questo, tutta la parte dedicata al viaggio della Leonora Christine , con gli impatti della teoria della relatità sulla meccanica dell'astronave e del suo rapporto con lo spazio e il tempo dell'intero universo che fa da osservatore al suo viaggio, è strepitoso.
    Alla fine i veri protagonisti del romanzo sono la Leonora Christine, l'universo e la teoria della relatività.

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente un libro di fantascienza che non mi fa rimpiangere Asimov. Un romanzo sulla relatività di Einstein che, nonostante la scienza sia andata avanti e alcune cose del libro non hanno più senso, rimane godibilissimo e ti lascia la voglia di andare subito al capitolo successivo.
    Lo cons ...continua

    Finalmente un libro di fantascienza che non mi fa rimpiangere Asimov. Un romanzo sulla relatività di Einstein che, nonostante la scienza sia andata avanti e alcune cose del libro non hanno più senso, rimane godibilissimo e ti lascia la voglia di andare subito al capitolo successivo.
    Lo consiglio agli amanti della fantascienza e a chi capisce un pò di fisica.

    ha scritto il 

  • 4

    Otra buena novela con una horrible traduccion. Y van...

    ¿Que pasaría si una nave estelar acelerara continuamente en su viaje a una estrella cercana? ¿Y si no pudiera parar? ¿ Y si continuara moviendose entre las galaxias hasta el final del Universo?


    El tiempo de la nava pasa a una fracción infinetisimal del tiempo del Universo...


    ¿Que p ...continua

    ¿Que pasaría si una nave estelar acelerara continuamente en su viaje a una estrella cercana? ¿Y si no pudiera parar? ¿ Y si continuara moviendose entre las galaxias hasta el final del Universo?

    El tiempo de la nava pasa a una fracción infinetisimal del tiempo del Universo...

    ¿Que pasaría si vieramos colapsarse el Universo y vieramos el nacimiento de uno nuevo?

    Todo ello y mas en Tau Cero

    ha scritto il 

  • 5

    Ecco la mia recensione di alcuni anni fa:
    Tau Zero: definirlo un libro di fantascienza è riduttivo. Diciamo che questo libro permette di avvicinarsi alla complessa teoria della relatività generale, attraverso una trama perfetta ed intrigante: cosa succede se una potente astronave in avaria ...continua

    Ecco la mia recensione di alcuni anni fa:
    Tau Zero: definirlo un libro di fantascienza è riduttivo. Diciamo che questo libro permette di avvicinarsi alla complessa teoria della relatività generale, attraverso una trama perfetta ed intrigante: cosa succede se una potente astronave in avaria si trovasse in condizioni di continua accelerazione con una velocità quindi asintoticamente prossima a "c"? Raramente nei vari saggi in cui mi sono imbattuto, ho trovato così intuitiva ed accessibile la prodigiosa formula "E=mc2".
    Oggi dopo 14 anni dalla sua lettura, ancora lo consiglio come alternativa ai libri di fisica e/o saggi. Peccato che sia irreperibile come nuovo.

    ha scritto il