Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Teatro

By Samuel Beckett

(16)

| Paperback

Like Teatro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

43 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sameul Beckett - Le opere

    Le opere presenti nel libro:
    - Aspettando Godot
    - Finale di partita
    - Tutti quelli che casono
    - L'ultimo nastro di Krapp
    - Giorni felici
    - Parole e musica
    - Commedia
    - Di' Joe
    - Respiro
    - Non io
    - Quella volta
    - Dondolo

    Di proprietà di: Flavia

    Is this helpful?

    Luce Nella Tenebra said on Nov 19, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    ESTRAGONE Troviamo sempre qualcosa, eh, Didi, per darci l'impressione di esistere?
    VLADIMIRO (spazientito) Ma sì, ma sì, siamo dei maghi.
    -Aspettando Godot
    --------------------
    HAMM Preghiamo Dio.
    CLOV Ancora?
    NAGG Il mio confetto!
    HAMM Prima ...(continue)

    ESTRAGONE Troviamo sempre qualcosa, eh, Didi, per darci l'impressione di esistere?
    VLADIMIRO (spazientito) Ma sì, ma sì, siamo dei maghi.
    -Aspettando Godot
    --------------------
    HAMM Preghiamo Dio.
    CLOV Ancora?
    NAGG Il mio confetto!
    HAMM Prima Dio! (Pausa). Pronti?
    CLOV (rassegnato) Pronti.
    HAMM (A Nagg) E tu?
    NAGG (giungendo le mani, chiudendo gli occhi, recita a precipizio) Padre nostro che sei nei cieli...
    HAMM Silenzio! In silenzio! Un po' di contegno! Su, cominciamo. (Atteggiamento di preghiera. Silenzio. Scoraggiato prima degli altri) Allora?
    CLOV (Riaprendo gli occhi) Zero assoluto. E tu?
    HAMM Un buco nell'acqua. (A Nagg) E tu?
    NAGG Aspetta (Pausa. Riaprendo gli occhi) Un cavolo!
    HAMM Che carogna! Non esiste!
    -Finale di partita
    --------------------

    Non devo aggiungere altro. Chi vuol capire capisca.

    Is this helpful?

    Lastië • Dream now, fearless. said on Nov 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    - "Aspettando Godot" (finito il 16/09/2012) *****
    - "Finale di partita"
    - "Tutti quelli che cadono"
    - "L'ultimo nastro di Krapp"
    - "Giorni felici"
    - "Parole e musica"
    - "Commedia"
    - "Dì Joe" (LE ...(continue)

    - "Aspettando Godot" (finito il 16/09/2012) *****
    - "Finale di partita"
    - "Tutti quelli che cadono"
    - "L'ultimo nastro di Krapp"
    - "Giorni felici"
    - "Parole e musica"
    - "Commedia"
    - "Dì Joe" (LETTO)
    - "Respiro" (LETTO)
    - "Non io" (LETTO)
    - "Quella volta" (LETTO)
    - "Dondolo" (LETTO)

    Beckett riesce sempre a stupirmi. I suoi testi non sono facili, lo capisco, ma io ne rimango sempre affascinata... e stordita.

    Is this helpful?

    CaraLioTiScrivo said on Sep 16, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Che dirò di questa giornata? [...] In tutto questo quanto ci sarà di vero? [...] Dal fondo della fossa, penosamente, il becchino maneggia i suoi ferri. Abbiamo il tempo di invecchiare. L'aria risuona delle nostre grida. [...] Ma l'abitudine è una gr ...(continue)

    "Che dirò di questa giornata? [...] In tutto questo quanto ci sarà di vero? [...] Dal fondo della fossa, penosamente, il becchino maneggia i suoi ferri. Abbiamo il tempo di invecchiare. L'aria risuona delle nostre grida. [...] Ma l'abitudine è una grande sordina. [...] Anche per me c'è un altro che mi sta a guardare, pensando. Dorme, non sa niente, lasciamolo dormire (Pausa) Non posso più andare avanti. (Pausa) Che cosa ho detto?" (Vladimir - Aspettando Godot)

    In un tempo fuori dal reale personaggi dalla consistenza irreale vivono alla ricerca di un senso dichiaratamente inesistente, ripensando ossessivamente alla loro inconsistenza. La morte e la vita si mescolano in un infinità di gesti governati dal caso che si accumulano senza formare mai un intero. La postmodernità, a teatro. E noi dentro.

    Is this helpful?

    Alessandro Colleoni said on Sep 13, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un buon modo per capire che Beckett non è soltanto Godot. Anzi, soprattutto non è Godot (opera che ha i suoi meriti, indubbiamente). I veri capolavori di questa raccolta sono altri, a partire dall'eccellente "Finale di partita", passando per "Tutti q ...(continue)

    Un buon modo per capire che Beckett non è soltanto Godot. Anzi, soprattutto non è Godot (opera che ha i suoi meriti, indubbiamente). I veri capolavori di questa raccolta sono altri, a partire dall'eccellente "Finale di partita", passando per "Tutti quelli che cadono", "Giorni felici" e l'ultimo testo della raccolta, "Dondolo". Questi in particolare saranno i motivi per cui ricorderò questa raccolta, davvero dei simboli - e di gran forza - di ciò che l'umanità è divenuta negli ultimi decenni. Beckett presenta un'umanità disumanizzata, smembrata, in cui ogni uomo è un'isola a sé stante che non ascolta né vede chi gli sta accanto, e questo è tanto più forte quanto più si ha a che fare con persone, in teoria, care (si vedano a proposito la signora Rooney - che poi è ben più umana di lui, a modo suo - e suo marito). Ci sono persone che parlano, perché non possono fare altro, e persone che ascoltano o che fanno finta di. E persone, passanti perlopiù, che giudicano. Ho trovato commovente la Winnie di "Giorni felici" e il modo disperato in cui cerca di trovare "qualcosa di bello" in ogni sua monotona giornata, senza crederci. La speranza viene, perennemente, sbriciolata. Restano i ricordi, quei pochi ricordi belli (Nagg e Nell, Krapp, il protagonista di "Quella volta"), che sbiadiscono però con l'andare del tempo e col confronto col presente, così inumano e grigio. E c'è il terrore, quello di Hamm nel sentire che c'è uno scarafaggio e che "da quello l'umanità potrebbe ricostituirsi". C'è una sfiducia profonda, un'altrettanto profonda solitudine. Quelli di Beckett sono fantasmi di persone, frammenti di persone.
    Non do la quarta stella per un motivo soltanto: questi testi erano pensati per una fruizione teatrale, o comunque radiofonica, e leggerli soltanto è come percepirne solo un terzo.

    Is this helpful?

    Vitani Days said on Jul 20, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (16)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 349 Pages
  • ISBN-10: A000027317
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: xxxx-xx-xx
  • Also available as: Hardcover , Softcover
Improve_data of this book