Tecnica del colpo di Stato

Voto medio di 116
| 31 contributi totali di cui 25 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Pubblicata per la prima volta in Francia nel 1931 "Tecnica del colpo di Stato"ha fin dal suo apparire suscitato aspre polemiche, osteggiata sia da destrache da sinistra. Scritto in stile limpido, dagli echi machiavellici, questolibro si propone ancor ...Continua
Kittymol77
Ha scritto il 04/04/18
Indispensabile quanto lo fu all'epoca la macchina di Alan Turing per decrittare i messaggi nazisti di Enigma. Letto con la passione con cui si legge un romanzo, a ogni analisi dei vari tipi di colpo di Stato già avvenuti fino al momento della pubblic...Continua
Mendustry
Ha scritto il 26/07/17
La destra italiana, a dispetto di molte altre realtà europee, affonda le proprie radici culturali e politiche in un vastissimo panorama di intellettuali che, già prima dell’unificazione italiana, produceva un copioso scambio di idee, arti e proposte....Continua
psicopompo
Ha scritto il 04/07/17
Libro geniale di un autore discusso e geniale. Bisognerebbe poter capire se le riflessioni, le congetture, le considerazioni di Malaparte sono vere e giuste; in ogni caso sono molto convincenti. Di certo il libro, pubblicato in Francia nel 1931, prev...Continua
Federico88
Ha scritto il 05/07/16
Manuale di Curzio Malaparte su come fare e prevenire un colpo di stato (già questo dovrebbe bastare), attraverso la narrazione tanto appassionata quanto nitidamente analitica di cui forse solo lui era capace. Oltre a tutto ciò vi è la sua illuminante...Continua
Somauro
Ha scritto il 18/11/15
Un'interpretazione della storia scritta da uno storico e giornalista mentre la storia la si stava facendo, un libro inviso da tutti i protagonisti che vi sono citati. Due motivi più che sufficienti per leggerlo. Parecchio pesante specialmente nella p...Continua

Somauro
Ha scritto il Nov 18, 2015, 08:56
[...] Bonaparte è un caposcuola: tutti i militari che, dopo di lui, hanno tentato d'impadronirsi del potere civile, si sono attenuti alla regola di apparir liberali fino all'ultimo, cioè fino al momento di ricorrere alla violenza. Bisogna sempre diff...Continua
Pag. 103
Somauro
Ha scritto il Oct 24, 2015, 15:04
il valore dei soldati è inutile, quando i capi ignorano che l'arte di sapersi difendere consiste nel conoscere i propri punti deboli.
Pag. 65
Somauro
Ha scritto il Oct 24, 2015, 15:03
In quasi tutti i paesi, accanto ai partiti che si dichiarano difensori dello Stato parlamentare, [...] (son questi i conservatori d'ogni specie, dai liberali di destra ai socialisti di sinistra), vi sono i partiti che pongono il problema dello Stato...Continua
Pag. 36
DrRestless
Ha scritto il Oct 28, 2012, 14:20
Non è vero, come lamentava Jonathan Swift, che non ci si guadagna nulla a difendere la libertà. Ci si guadagna sempre qualcosa: se non altro quella coscienza della propria schiavitù, per cui l'uomo libero si riconosce dagli altri. Poiché "il proprio...Continua
Pag. 61
DrRestless
Ha scritto il Oct 28, 2012, 14:13
Ma Trotzki sorride, tranquillo: "L'insurrezione non è un'arte", egli dice "è una macchina. Occorrono dei tecnici per metterla in movimento: nulla potrebbe arrestarla, nemmeno delle obbiezioni. Soltanto dei tecnici potrebbero arrestarla."
Pag. 146

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi