Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tecniche di seduzione

By Andrea De Carlo

(298)

| Others | 9788806159245

Like Tecniche di seduzione ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Roberto, aspirante romanziere soffocato dalla routine lavorativa di unasettimana milanese, incontra uno scrittore di successo e si lascia convincerea trasferirsi a Roma. In una babele di personaggi, tra fasulli politicanti etipi dalla morale facilmen Continue

Roberto, aspirante romanziere soffocato dalla routine lavorativa di unasettimana milanese, incontra uno scrittore di successo e si lascia convincerea trasferirsi a Roma. In una babele di personaggi, tra fasulli politicanti etipi dalla morale facilmente adattabile allo scopo, Roberto percorrerà letappe di una complessa e a tratti dolorosa formazione. All'inizio, infatti,crederà di poter realizzare il suo sogno di scrittore e, risucchiatonell'atmosfera seducente del colpo di fortuna inatteso, vedrà modificarsi ogniaspetto della sua esistenza. Ammaliato dal carisma del suo pigmalione, non siaccorgerà che la sua vena creativa si va inesauribilmente disseccando. Per poiscoprire che la realtà è assai lontana da come se l'era immaginata.

121 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un elogio all'ipocrisia, all'insoddisfazione e meschinità degli esseri umani.

    Vivere o meglio: sopravvivere, a ogni costo! Di cosa necessità veramente al genere umano per sentirsi davvero parte di qualcosa. Perché il gene dell'insoddisfazione, al di là del fatto di appartenere a un ceto sociale privilegiato (ed è ancora peggio ...(continue)

    Vivere o meglio: sopravvivere, a ogni costo! Di cosa necessità veramente al genere umano per sentirsi davvero parte di qualcosa. Perché il gene dell'insoddisfazione, al di là del fatto di appartenere a un ceto sociale privilegiato (ed è ancora peggio) - o disagiato, non riesce a essere gratificato da nulla. Non bastano gli affetti, le aspirazioni, il denaro, le "amicizie" né il successo; qualsiasi esso sia, e neppure quella precaria fede a farci comprendere il significato della parola gratitudine. Prevarichiamo il mondo intero, in preda al potere dell'ipocrisia e della menzogna reiterata in ogni nostro passo o relazione. Ecco, anche qui, sotto la semplice forma narrativa di una storia credibile, colma di aspirazioni e insoddisfazioni, l'autore ci racconta alcuni aspetti del disagio umano e dei suoi sentimenti disattesi, attraverso il tradimento - in senso generale - ancora una volta.

    Is this helpful?

    Roberto Anzaldi said on Jul 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La grande bellezza...vent'anni prima

    Col senno di poi, questo romanzo, in un certo qual modo, precorre l'opera di Sorrentino nella descrizione della decadente, sordida e amorale borghesia romana.

    Is this helpful?

    Acquamarina07 said on Jul 28, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Tutti belli i libri di de Carlo, ma questo in particolare è seducente! Rispecchia alla grande la realtà di oggi, e nel mio piccolo, in circostanze diverse dal mondo politico e dell'editoria, ho avuto la stessa esperienza del protagonista.

    Is this helpful?

    Tiumetnegotium said on Nov 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Romanzo dal sapore autobiografico scritto nel 1991.
    Ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale, si legge in prima pagina.
    Ed è vero, tanto vero che dopo quasi vent’anni nulla sembra cambiato.
    Ciniche verità universali, con le invari ...(continue)

    Romanzo dal sapore autobiografico scritto nel 1991.
    Ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale, si legge in prima pagina.
    Ed è vero, tanto vero che dopo quasi vent’anni nulla sembra cambiato.
    Ciniche verità universali, con le invariate modalità di manifestazione, continuano ad insediarsi in una società dove solo chi vive a discapito degli altri, anche nel modo totalmente naturale con cui lo fa l’antagonista del romanzo Marco Polidori, è destinato al successo.
    Il giovane esordiente Roberto Bata viene ‘letteralmente’ sedotto dal famoso scrittore Marco Polidori che, oltre a promettergli la pubblicazione del suo primo romanzo, si erige a maestro di vita, impartendogli a piccole ma continue dosi, laboriose teorie di seduzione.
    Prossimo al premio nobel grazie anche alle proprie conoscenze in campo politico e letterario, ma in realtà in piena crisi di identità, il Polidori non si esime dal giudicare severamente la mala politica e l’immoralità che imperversa nella Roma della Prima Repubblica, ma appare assai chiaro quanto lo stesso vi sia ben introdotto come se, in fondo, approfittare di un mondo di corruzioni e disonestà, vizi ormai radicati nella mentalità umana, distaccandosene moralmente, non sia che indizio di intelligenza superiore. O una forma evoluta di sopraffazione della specie.
    Le tecniche di seduzione applicate in teoria alle donne da conquistare, ed in pratica nei confronti del giovane ingenuo scrittore in erba, non possono che produrre le conseguenti inevitabili tecniche di possesso e successivamente di abbandono, dalle quali però, pagato lo scotto sicuramente salato, il giovane Roberto Bata ne esce infine vittorioso.
    Perchè è la rabbia, e la capacità di esternare l’autenticità che sgorga direttamente dall’anima, attingendo agli insegnamenti talvolta crudeli della vita, in un racconto destinato innanzitutto a se stessi, che raggiunge le profondità pulsanti di chi si appresta a leggerlo.
    La scrittura possiede un ritmo serrato ed incoraggia alla lettura per arrivare ad un finale che, sebbene risulti già scontato a metà libro, lascia al lettore un ripagante senso di rivalsa di cui ne è testimone il racconto stesso. Il messaggio, vagamente rivolto al sottobosco degli scrittori esordienti, è la necessaria maturante conoscenza di un mondo cinico dominato dall’inossidabile mala politica, e dalla ‘falsa’ cultura mercerizzata, ma soprattutto il vitale ammonimento a non perdere mai la genuinità della scrittura, arte che sgorga da un canale interiore da cui il ‘vero’ scrittore attinge, spontaneamente e senza ipocrisia, in maniera quasi inconsapevole.

    Is this helpful?

    Nicoletta Stecconi said on Sep 29, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il buono, il cattivo e la confusa.


    Il triangolo giovane idealista (il buono)-vecchio pigmalione (il cattivo)-donna confusa e contesa (la mignotta?) è un'assoluta novità nel panorama letterario universale. Così come l'ipotesi metanarrativa finale.

    Tra personaggi originali e riflessi ...(continue)


    Il triangolo giovane idealista (il buono)-vecchio pigmalione (il cattivo)-donna confusa e contesa (la mignotta?) è un'assoluta novità nel panorama letterario universale. Così come l'ipotesi metanarrativa finale.

    Tra personaggi originali e riflessioni mai banali (che so,i politici sono magnoni, i ricchi sono ricchi, Roma è diversa da Milano), la trama si snoda davvero imprevedibile, tanto che solo a pagina 9, si capisce come si concluderà la vicenda.

    Is this helpful?

    Nipert said on Sep 15, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (298)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 350 Pages
  • ISBN-10: 8806159240
  • ISBN-13: 9788806159245
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2001-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover , eBook
Improve_data of this book

Groups with this in collection