Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tempo fuor di sesto

Di ,

Editore: Fanucci

4.1
(926)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 254 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8834711947 | Isbn-13: 9788834711941 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Tempo fuor di sesto?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In una tranquilla cittadina americana degli anni Cinquanta vive Ragle Gumm, unbravo ragazzo che ogni giorno si impegna a vincere un concorso del quotidianolocale, cercando allegramente di sedurre la moglie del vicino. Ma Ragle Gummsembra essere consapevole di un altro mondo e di un altro tempo, che cospiranocontro di lui, e non si tratta di un semplice caso di paranoia. Ragle Gumm, inqualche modo, è al centro del mondo. Ma di quale?
Ordina per
  • 4

    Trama che al giorno d'oggi sa di già visto ma solo perché cinema e serie tv ne hanno fatto uso in tutte le salse (vedi i vari "The Truman Show" ecc.). Nulla però si può togliere al genio di quest'autore che dimostra ancora una volta che grande visionario è stato.

    ha scritto il 

  • 3

    http://despuesdelnaufragio.blogcindario.com/2014/09/01608-tiempo-desarticulado-philip-k-dick.html


    Un mundo feliz, una pequeña comunidad, la llegada de la televisión, los recuerdos lejanos de la segunda guerra mundial y la guerra fría como algo distante, un concurso de un periódico que cons ...continua

    http://despuesdelnaufragio.blogcindario.com/2014/09/01608-tiempo-desarticulado-philip-k-dick.html

    Un mundo feliz, una pequeña comunidad, la llegada de la televisión, los recuerdos lejanos de la segunda guerra mundial y la guerra fría como algo distante, un concurso de un periódico que consiste en adivinar en qué casilla se esconde un hombrecito verde y un hombre que dedica ocho horas al día a encontrar esa casilla, estar en los años cincuenta y asistir a gestos cotidianos, el trabajo en un supermercado, las visitas nocturnas de los vecinos, las charlas intrascendentes, un niño que encuentra unas revistas en un solar abandonado que dan un vuelco a la realidad y un hombre que teme que su vecino recupere la cordura e intente huir de la pequeña comunidad en la que vive, descubrir que estabas ante unas sombras proyectadas en la pared de una caverna, que lo que vas a leer es un viaje fuera de esa caverna para descubrir qué es real y qué invención.

    Tiempo desarticulado contiene los temas recurrentes de Philip K. Dick, el engaño de la realidad, los extraños caminos dentro de nuestra mente, los instantes de locura donde el mundo se presenta tal y como es, el miedo, las dudas y la incertidumbre en los momentos donde no podemos verificar el mundo que nos rodea. Dick me habla del mito de la caverna, las sombras que vemos y las diferentes realidades que no sabemos ver, la realidad y el aprendizaje condicionados, el viaje fuera de la caverna y descubrir otros mundos que estaban ocultos.

    El inicio de Tiempo desarticulado es lento, aburrido, escenas cotidianas en un supermercado y conversaciones intrascendentes. Por una vez me sorprende el arranque en un libro de Dick, no están el caos y sentirse desubicado ante un exceso de líneas argumentales y personajes. Hay una pequeña comunidad en los años cincuenta y un concurso en el periódico, las veladas nocturnas entre vecinos y la televisión como un nuevo juguete. Todo ordenado, todo previsible. Hasta que Ragle Grumm, el hombre que dedica su tiempo a descubrir dónde se esconde el hombrecito verde del concurso, ve cómo su realidad se desprende para dejar paso a otra más extraña. Es ahí, el hombre que en un ataque de locura ve la realidad tal cual es, donde realmente empieza Tiempo desarticulado. A partir de ahí, un intento de descubrir esa realidad encubierta, una conspiración gubernamental, un viaje fuera de la comunidad, los tiempos entremezclados, los personajes que deambulan entre el miedo, la duda, el escepticismo y la sorpresa constante.

    Tiempo desarticulado me trae un Dick más pausado, menos desmañado, una historia que avanza a trompicones, un viaje en el que se desvanece aquello que teníamos por real y la lucha de un hombre por ajustar lo que creía conocer con la nueva realidad.

    -¿No es la filosofía un refugio y un solaz? -Eso no lo sé. Quizá una vez lo fue. La impresión que tengo de la filosofía tiene que ver con las teorías acerca de la realidad última y cuál es la finalidad de la vida. Imperturbable, Ragle preguntó: -¿Qué tiene eso de malo? -Nada, si crees que eso te ayuda. -Leí un poco en mis tiempos. Estaba pensando en el obispo de Berkeley. Los idealistas. Por ejemplo... -Señaló el piano en un rincón del salón-. ¿Cómo sabemos que ese piano existe? -No lo sabemos -contestó Vic. -Quizá no existe.

    ( … )

    Que no me confunda más, pensó. Estoy lo bastante desconcertado como para que me dure el resto de la vida. ¿Qué sé yo de cierto? Quizá Ragle tiene razón: tendríamos que echar mano de los grandes libros de filosofía y empezar a estudiar duro al obispo Berkeley y a todos los demás... no recordaba lo bastante como para saber siquiera los nombres de los filósofos. Quizá, pensó, si entrecierro los ojos lo bastante como para captar sólo una línea de luz y me concentro a fondo en el autobús, en las compradoras viejas y pesadas con sus abultadas bolsas y los escolares que parlotean y los empleados que leen el periódico de la tarde y el conductor de cuello rojo, quizá todos ellos desaparezcan. El asiento chirriante sobre el que estoy sentado. Los apestosos humos cada vez que el autobús arranca. Las sacudidas. Los balanceos. Los anuncios en las ventanillas. Quizá todo se desvanezca. Philip K. Dick Tiempo desarticulado (traducción de Rubén Masera. Minotauro)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Rimando all'ottima recensione di Tancredi, per notare anch'io come il romanzo (che ha tutti i meriti che gli vengono attribuiti) parta con un'inquietante discussione su cosa sia la realtà, cosa la parola, se esista la "Dinge an sich"; per approdare, tramite un percorso accidentato ma ammaliante, ...continua

    Rimando all'ottima recensione di Tancredi, per notare anch'io come il romanzo (che ha tutti i meriti che gli vengono attribuiti) parta con un'inquietante discussione su cosa sia la realtà, cosa la parola, se esista la "Dinge an sich"; per approdare, tramite un percorso accidentato ma ammaliante, a una falsificazione della realtà di origine socio-politica. Dick aveva in mente però un discorso più esistenziale fin dall'inizio, quando il protagonista Ragle ha "allucinazioni": una parte di realtà scompare (una fontana, un carretto di gelati..) e al suo posto resta una striscia di carta con stampato il nome dell'oggetto scomparso; il buon Ragle colleziona questi "segnaposto della realtà" (o "appunti del Creatore"?), e altri gliene porta il "nipote" Sammy, trovati tra le rovine.. al tempo stesso suo "cognato", con uno sforzo di astrazione mentale, vede scomparire gli altri passeggeri dell'autobus intorno a sè, ridotti a pupazzi.. autosuggestione? o spunti che Dick ha inserito, per un possibile sviluppo più "mistico" del romanzo? Comunque, momenti di eccezionale suggestione.

    ha scritto il 

  • 4

    “Tempo fuor di sesto” inizia come un racconto realista di una famiglia sgangherata americana degli anni ‘50, a un certo punto diventa la trasposizione delle tesi idealiste del vescovo Berkeley, la realtà che vacilla, le trame piene di vuoti, le illusioni con gli interstizi atroci; poi è un resoco ...continua

    “Tempo fuor di sesto” inizia come un racconto realista di una famiglia sgangherata americana degli anni ‘50, a un certo punto diventa la trasposizione delle tesi idealiste del vescovo Berkeley, la realtà che vacilla, le trame piene di vuoti, le illusioni con gli interstizi atroci; poi è un resoconto dettagliato dei movimenti della psiche di un paronoico, vira improvvisamente all’action-movie con tanto di fuga, finisce con (SPOILER) una guerra interplanetaria sorretta inconsapevolmente da un uomo che risolve, vincendoli sempre, dei giochi a premio. E’ uno dei primi capolavori dickiani.

    Quel che sappiamo su Philip K. Dick è che fu un Kafka amfetaminico, un artefice di universi fantascientifici, sempre sul punto di esplodere o implodere, destinato a essere vittima di interpretazioni disparate e di saccheggi clandestini. Come Cervantes, come Lewis Carroll, come Leopardi, Dick si confuse con la sua opera, fu senza mezzi termini la sua opera. Entrare nella sua mente è entrare in un enorme castello che ha, come direbbe John Keats, un autore a lui forse non estraneo, “magiche finestre aperte sulla spuma di perigliosi mari”. Non ci lasciamo guidare dalla ragione, ma lasciamo che sia il sogno a mostrarci i corridoi o le infinite stanze, lasciamo che sia il sogno a farci bere quel "latte del paradiso" che, se non fosse quel frammento lirico così celebre, suonerebbe molto, anche troppo dickiano.

    ha scritto il 

  • 4

    Disturbante da morire. E la recensione sta in queste tre parole. Terzo romanzo di Dick che leggo, e anche se è poco, lo adoro sempre di più. "Il tempo è fuor di sesto". La vita di Ragle Gumm può apparire come la migliore o la peggiore possibile. La finzione talvolta è giustificata, o almeno, può ...continua

    Disturbante da morire. E la recensione sta in queste tre parole. Terzo romanzo di Dick che leggo, e anche se è poco, lo adoro sempre di più. "Il tempo è fuor di sesto". La vita di Ragle Gumm può apparire come la migliore o la peggiore possibile. La finzione talvolta è giustificata, o almeno, può sembrarlo. Questo libro non è un distopico, è una semplice riflessione, una riflessione che provoca disturbi davvero forti secondo me. Quando il tempo è fuor di sesto è ovvio che si cerchi di riportarlo sulla giusta frequenza, ma come fare? Perché se è il tempo che è fuor di sesto bisogna riportare sulla giusta frequenza tutto quanto. Noi stessi, le nostre convinzioni, progetti, conoscenze. Tutto ovviamente è messo in dubbio. Assolutamente da leggere (e rileggere molto probabilmente). Per come e dove viviamo sicuramente c'è da pagare un debito a questo romanzo. E non si tratta di fare i padroni della morale, è un'ovvietà. (Questo romanzo si applica a chiunque, dovunque. Ovvio che al momento, è molto adatto).

    ha scritto il 

  • 4

    Tempo fuor di sesto, oltre ad essere una frase dell’Amleto di Shakespeare, è il titolo del romanzo di Philip K. Dick scritto nel 1958-59. Scrittore postmodernista, Dick è autore di numerosi romanzi di fantascienza dai quali sono stati tratti vari film tra cui, per esempio, il fantastico The Truma ...continua

    Tempo fuor di sesto, oltre ad essere una frase dell’Amleto di Shakespeare, è il titolo del romanzo di Philip K. Dick scritto nel 1958-59. Scrittore postmodernista, Dick è autore di numerosi romanzi di fantascienza dai quali sono stati tratti vari film tra cui, per esempio, il fantastico The Truman show che è stato ispirato proprio da questo libro.

    La mia recensione completa la trovate qui: http://ildilemmadelporcospino.wordpress.com/2014/01/11/il-sabato-spaziale-tempo-fuor-di-sesto/

    ha scritto il 

  • 3

    Le percezioni di Ragle Gumm e di Truman Burbank

    Un buon romanzo, con considerazioni non banali, sulla differenza tra realtà percepita e realtà autentica, a partire dal romanzo stesso (la mistificazione coatta attraverso le parole) per arrivare ad un complotto interplanetario (tanto simile, nella sua essenza, agli intrighi politici di qualsiasi ...continua

    Un buon romanzo, con considerazioni non banali, sulla differenza tra realtà percepita e realtà autentica, a partire dal romanzo stesso (la mistificazione coatta attraverso le parole) per arrivare ad un complotto interplanetario (tanto simile, nella sua essenza, agli intrighi politici di qualsiasi epoca). Dick non è ancora al proprio apice di scrittore, ma ci si sta avvicinando, e non è difficile, leggendo questo libro, rinvenire numerosi spunti di ispirazione per il tanto osannato film "The Truman Show" di Peter Weir.

    ha scritto il 

  • 4

    Non so perché, ma trovo sempre affascinanti le ambientazioni “U.S.A. anni’50” dei primi libri di PKD. Il clima che riesce a creare è perfetto nel descrivere la tranquillità, l’ordine felice, l’ottimismo di una società uscita vincente dalla II guerra mondiale che si abbandona innocentemente agli a ...continua

    Non so perché, ma trovo sempre affascinanti le ambientazioni “U.S.A. anni’50” dei primi libri di PKD. Il clima che riesce a creare è perfetto nel descrivere la tranquillità, l’ordine felice, l’ottimismo di una società uscita vincente dalla II guerra mondiale che si abbandona innocentemente agli agi apportati dal progresso e da un’economia ormai affermatasi come dominante sulla scala planetaria. Ma che dietro questa facciata nasconde inquietudini, incubi, profonde contraddizioni che esploderanno più apertamente nei due successivi decenni. . Dick è uno dei maestri maggiormente capaci di smascherare nei suoi romanzi (e non solo quelli di SF) il malessere di base nascosto sotto lo zerbino della tipica “happy family” americana: la paura della guerra fredda e del conflitto atomico sfociano talvolta (negli animi più sensibili) in timore di vivere una realtà fasulla, dietro la quale si nascondono complotti, verità tenute nascoste dal potere, sfiducia verso lo Stato, bugiardo e manipolatore, e che possono facilmente sfociare in vera paranoia. E in questo “Tempo fuor di sesto” (una frase di Amleto) i peggiori incubi si trasformano in realtà. Precursore di film come “Plaesantville” o “Truman Show”, o di altri romanzi di tema simile (scritti però in anni successivi in cui la “finzione” degli “happy ‘50s” era già stata superata e tutta l’inquietudine venuta ormai a galla), la trovata geniale di PKD è quella di far scoprire alla fine al protagonista, paranoico e sospettoso di vivere in un mondo faullo, di essere lui stesso, in un altro tempo, in un’altra realtà, uno degli ideatori di quel teatro di cartapesta, per assecondare il suo bisogno di regredire all’infanzia (un bisogno che sembrava attanagliare tutta la società americana in quell’epoca, forse in cerca di ritrovare la propria innocenza dopo Hiroshima) per svolgere tranquillamente e come per gioco i suoi reali compiti bellici. Molti i riferimenti letterari (oltre a quello del titolo) all’interno del romanzo (Dick era uno scrittore colto, e soffriva nell’essere relegato alla letteratura di genere minore, come veniva considerata la SF, una specie di SerieB), tutti segnalati nell’interessante prefazione di Carlo Pagetti.

    ha scritto il