Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tenco a tempo di tango

Con CD audio allegato

Di

Editore: Fandango Libri

3.4
(42)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 53 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8860440785 | Isbn-13: 9788860440785 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Tenco a tempo di tango?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"C'era un poliziotto in una serie di romanzi gialli degli anni Trenta, che diceva una cosa, diceva in un mistero, forse, non è così importante scoprire chi è l'assassino, in un giallo, in un vero giallo, il mistero più importante è sempre lo stesso: quello del cuore umano. Nel dicembre del 1965, poco più di un anno prima di essere ritrovato nella stanza 219 dell'Hotel Savoy di Sanremo ucciso da un colpo di pistola alla testa, Luigi Tenco era andato in Argentina, dove rimase dieci giorni. Cosa ha lasciato, laggiù, in quel viaggio. Cosa si è portato dietro. Cosa si è portato dentro. Il 27 gennaio 1967, dopo che la sua canzone è stata eliminata dal Festival di Sanremo, Luigi Tenco si chiude in quella camera d'albergo e si spara. Per qualcuno c'è qualcosa di poco chiaro in quel suicidio, per altri non è neanche un suicidio, ma questo adesso non ci interessa, questa è un'altra storia. A noi, adesso, interessa un altro mistero. Il mistero del cuore umano." Il mistero che Carlo Lucarelli racconta ha per protagonista un ispettore della polizia di Sanremo, che subito dopo il suicidio di Tenco viene incaricato d'investigare sul viaggio del cantante a Buenos Aires. Una storia sottile, sensuale, malinconica, uno spettacolo teatrale di Giorgio Ugozzoli, con la regia di Gigi Dall'Aglio, le musiche di Alessandro Nidi, interpretato da Masela Foschi e Adolfo Margiotta.
Ordina per
  • 4

    Intrigante lo spunto iniziale ma le suggestive premesse non sembrano per niente poi mantenute, luoghi comuni e battute scontate. Non aveva nessuna intenzione, Lucarelli, di smenarla con la storia che Tenco fosse stato assassinato. Trova un'intrigante sotterfugio su cui ricamare, il fatto che Tenc ...continua

    Intrigante lo spunto iniziale ma le suggestive premesse non sembrano per niente poi mantenute, luoghi comuni e battute scontate. Non aveva nessuna intenzione, Lucarelli, di smenarla con la storia che Tenco fosse stato assassinato. Trova un'intrigante sotterfugio su cui ricamare, il fatto che Tenco, un anno e mezzo prima del suo suicidio, si fosse recato in Argentina. Un Tenco visto nella prospettiva del tango. Si adattava bene la sua canzone triste al tango che si balla. Del che ci fece li in quei dieci giorni? "Cosa ha lasciato, laggiù, in quel viaggio. Cosa si è portato dietro. Cosa si è portato dentro." Un mito si costruisce anche cosi, paventando l'oscuro che ognuno di noi cela. Attrae più il torbido di ogni altra cosa, infine. Alimentato poi da quel colpo tirato alla tempia nella stanza 209 dell'Hotel Savoy di Sanremo.
    In fondo, quello che a Lucarelli par interessare, piu che le trame di servizi segreti o interessi discografici è il mistero del cuore umano. Un comissario che è tutto un programma già dal nome : Faina viene inviato a Buenos Aires ad indagare. Li scopre che la sua vita poteva anche prendere un'altra piega da quella che si trascinava senza affetti e sussulti del cuore, piatta e amara come un disamore. Non cava un ragno dal buco e il libro pare un pretesto per ricordare l'uomo Tenco, gli anni 60, l'esistenzialismo francese e i germi della ribellione che covavano. Un musicista che aveva intuizioni e talento più sviluppati degli altri. Gli è rimasta appiccicata addosso la maledizione di quella notte all'Hotel Savoy, quell'immagine diffusa dai rotocalchi, mistificatrice e fraintendimentosa. Lui era già annoiato del fenomeno di massa della rivolta, forse snob cercava altro. Vabbè che adesso sto qua a dire quel che poco c'entra ma, piu di ogni altra cosa, di questo libro mi è piaciuto il cd allegato. Che risentirle ricantate a quel modo di tango,le sue canzoni, con la voce di Mascia Foschi beh, è stata la cosa piu bella di questo libro che per questo si becca due stellette in più.

    Mascia Foschi in "Yo Te Canto Poeta"
    http://www.youtube.com/watch?v=O_V02lGKneI
    tenco a tempo di tango
    http://www.youtube.com/watch?v=x5_dtRuhv64
    Angela
    http://www.youtube.com/watch?v=__01SMl8bWY
    Luigi Tenco - Vedrai Vedrai
    http://www.youtube.com/watch?v=BrW67O3HX48&feature=PlayList&p=E5285D43F407FA5D&playnext_from=PL&playnext=1&index=36
    Sanremo 1967: Luigi Tenco - Ciao amore ciao
    http://www.youtube.com/watch?v=5wWhGBCLoJk&feature=PlayList&p=E5285D43F407FA5D&playnext_from=PL&playnext=1&index=38
    Epitaffio a Luigi Tenco - prima parte
    http://www.youtube.com/watch?v=H7NAKT12EHk
    Servizio RAI News 24
    http://www.youtube.com/watch?v=k49g7MLtho0&feature=related

    ha scritto il 

  • 3

    Preso sempre per pensarne una messa in scena con il mio gruppo teatrale. Si, si potrebbe fare. Avrei il genovese che potrebbe fare il vicebrigadiere, avrei Angela (Anghela)... ma senza musica dal vivo sarebbe lo stesso caldo e avvolgente come un tango?? Ho qualche dubbio. Dovrei pensare a delle m ...continua

    Preso sempre per pensarne una messa in scena con il mio gruppo teatrale. Si, si potrebbe fare. Avrei il genovese che potrebbe fare il vicebrigadiere, avrei Angela (Anghela)... ma senza musica dal vivo sarebbe lo stesso caldo e avvolgente come un tango?? Ho qualche dubbio. Dovrei pensare a delle modifiche che non ne guastino l'atmosfera.

    ha scritto il 

  • 2

    Un monologo teatrale confuso e poco convincente. Il libro contiene un cd di brani di Luigi Tenco rifatti "a passo di tango" utilizzati nello spettacolo teatrale: qualche brano risulta ben riuscito ed il cd è interessante da ascoltare.

    ha scritto il 

  • 5

    Bello e toccante come reso unico dallo stile inconfondibile di Lucarelli.
    Un brevissimo racconto che è poi testo di uno spettacolo teatrale che DEVO vedere, la morte di Tenco era già preannunciata nei testi delle sue canzoni? Forse.

    Cita Lucarelli nell'aletta introduttiva:
    "C'era ...continua

    Bello e toccante come reso unico dallo stile inconfondibile di Lucarelli.
    Un brevissimo racconto che è poi testo di uno spettacolo teatrale che DEVO vedere, la morte di Tenco era già preannunciata nei testi delle sue canzoni? Forse.

    Cita Lucarelli nell'aletta introduttiva:
    "C'era un poliziotto in una serie di romanzi gialli degli anni Trenta che diceva una cosa, diceva in un mistero, forse, non è così importante scoprire chi è l'assassino, in un giallo, in un vero giallo, il mistero più importante è sempre lo stesso: quello del cuore umano."

    ha scritto il 

  • 3

    Prima ancora di leggerlo ho ascoltato il cd allegato. Alcune versioni sono ottime; i duetti un po' meno. Forse un po' troppo "meno".


    Una volta letto il libro... la storia scorre veloce, ma la caratterizzazione dei personaggi è grossolana. Sembrano tutti degli stereotipi ambulanti. Effetto ...continua

    Prima ancora di leggerlo ho ascoltato il cd allegato. Alcune versioni sono ottime; i duetti un po' meno. Forse un po' troppo "meno".

    Una volta letto il libro... la storia scorre veloce, ma la caratterizzazione dei personaggi è grossolana. Sembrano tutti degli stereotipi ambulanti. Effetto sicuramente voluto, ma n0n per questo, più gradevole.

    ha scritto il