Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tentazione

By János Székely

(143)

| Paperback | 9788845923531

Like Tentazione ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La vera identità di Janos Szekely è stata a lungo un segreto molto ben custodito. Per ragioni non chiare, appena sbarcato in America il giovane e brillantissimo sceneggiatore ungherese si scelse uno pseudonimo improbabile - John S. Toldy - col qual Continue

La vera identità di Janos Szekely è stata a lungo un segreto molto ben custodito. Per ragioni non chiare, appena sbarcato in America il giovane e brillantissimo sceneggiatore ungherese si scelse uno pseudonimo improbabile - John S. Toldy - col quale arrivò a vincere nel 1940 un Oscar per Arrivederci in Francia, battendo fra gli altri il Charlie Chaplin del Grande Dittatore. E tre anni dopo, quando pubblicò Non potete fare questo a Svoboda (diventato subito un musical di grande successo), assunse le goffe vesti di un certo John Pen, che nel 1946 avrebbe firmato, direttamente in inglese, Tentazione. Le vicende editoriali del romanzo meriterebbero un racconto a parte, ma anche quelle che nel romanzo sono contenute si riassumono, data la loro ricchezza, a fatica. Forse il modo migliore per farsi un'idea di cosa sia Tentazione è immaginare un film di quegli anni, dove coi tempi comici di Lubitsch e i dialoghi al vetriolo di Wilder si narra di come il giovane Bela, in fuga dall'atroce miseria delle campagne ungheresi, si ritrovi fra le mille luci di Budapest, arrivando così a conoscere il mondo in ogni suo risvolto, nessuno, per scabroso o sconcertante che sia, escluso - anzi, con una certa preferenza per questi ultimi. Della vertiginosa girandola di storie, il lettore di oggi non pu� non essere grato. E se mai si chiedesse dove Szekely sia andato a scovarle, o quale sia il segreto del suo mestiere, scoprirà da sè che l'autore governa il libro esattamente come il suo protagonista manovra il mezzo che gli è stato affidato: l'ascensore di un Grand Hotel.

21 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Appassionante romanzo di formazione che racconta l’infanzia e l’adolescenza di un ragazzo ungherese negli anni fra le due guerre, vissute in una tale miseria personale e generale che la sua sopravvivenza può considerarsi miracolosa. Non è certo un ca ...(continue)

    Appassionante romanzo di formazione che racconta l’infanzia e l’adolescenza di un ragazzo ungherese negli anni fra le due guerre, vissute in una tale miseria personale e generale che la sua sopravvivenza può considerarsi miracolosa. Non è certo un capolavoro letterario, ma è senz’altro una storia molto coinvolgente, così come è molto interessante la storia di questo lungo periodo nero, nerissimo, dell’Ungheria fascista.
    Nonostante le ripetizioni, le ingenuità, le ridondanze, l’eccessiva enfasi retorica e di tanto in tanto certe sbavature di sentimentalismo che ricordano il Cuore di De Amicis… e certe pagine che sembrano (sia detto con simpatia) il Manuale del Giovane Comunista… nonostante tutto questo, merita davvero.

    Is this helpful?

    Xenja said on Apr 14, 2013 | 1 feedback

  • 3 people find this helpful

    Libro ambientato nell'Ungheria del reggente Horthy fra le due guerre mondiali,racconta le vicissitudini di un ragazzino poverissimo ma molto sveglio che alla fine per avere un futuro è costretto ad emigrare.
    Detta così non sembrerebbe così originale ...(continue)

    Libro ambientato nell'Ungheria del reggente Horthy fra le due guerre mondiali,racconta le vicissitudini di un ragazzino poverissimo ma molto sveglio che alla fine per avere un futuro è costretto ad emigrare.
    Detta così non sembrerebbe così originale ma la descrizione della miseria nera e della rigidissima separazione fra classi sociali lascia il segno.Il tutto senza pietismo e con un'energia che fa sussultare ancora.

    Is this helpful?

    paolo said on Mar 20, 2013 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello per cio' che ha da offrire: l'avvincente racconto della estrema miseria contadina di un bambino nell' Ungheria del 1930 che si evolve nell' estrema miseria urbana - anche morale - dell' ormai adolescente a Budapest. Finisce l' adolescenza e ...(continue)

    Bello per cio' che ha da offrire: l'avvincente racconto della estrema miseria contadina di un bambino nell' Ungheria del 1930 che si evolve nell' estrema miseria urbana - anche morale - dell' ormai adolescente a Budapest. Finisce l' adolescenza e finisce il libro.Se non si chiede profondità e introspezione si chiude il libro contenti, dopo averlo letto tutto d' un fiato, nonostante le quasi settecento pagine.

    Is this helpful?

    plob said on Feb 24, 2013 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    E' un libro che regala immagini indimenticabili, con una nitidezza che è difficile ritrovare, e che rimangono impresse nella mente anche dopo qualche tempo. Ho avuto l'impressione di leggere qualcosa di antico, intriso della nostalgia di un tempo pas ...(continue)

    E' un libro che regala immagini indimenticabili, con una nitidezza che è difficile ritrovare, e che rimangono impresse nella mente anche dopo qualche tempo. Ho avuto l'impressione di leggere qualcosa di antico, intriso della nostalgia di un tempo passato per certi versi dorato ma soprattutto duro; allo stesso tempo ho ritrovato delle figure e delle situazioni estremamente attuali. Non è un libro sorpassato, ha un linguaggio, forse anche per merito della traduzione, vivo ed attuale, che mantiene sempre sveglia l'attenzione.

    Is this helpful?

    cloudbuster said on Dec 15, 2012 | 1 feedback

  • 6 people find this helpful

    Un magnifico libro, con personaggi che si farà fatica a dimenticare.
    In primis Béla il protagonista, ragazzino povero abbandonato dalla madre in un semi orfanatrofio, gestito da un lurido personaggio,; la madre che a 14 anni lo riprende con se e in ...(continue)

    Un magnifico libro, con personaggi che si farà fatica a dimenticare.
    In primis Béla il protagonista, ragazzino povero abbandonato dalla madre in un semi orfanatrofio, gestito da un lurido personaggio,; la madre che a 14 anni lo riprende con se e infine il padre che ricompare. Attorno a loro una miriade di altri volti, i poveri e derelitti come loro e i ricchi che vivono e passano nell'albergo lussuoso dove Béla lavora.
    Il romanzo ti prende e malgrado le quasi 700 pagine lo finisco, per i miei ritmi, abbastnza velocemente, approffittando di ogni momento libero.

    Is this helpful?

    *__* Rigoletto*__* said on Aug 29, 2012 | Add your feedback

  • 8 people find this helpful

    "La mia vita è iniziata come un autentico romanzo d'appendice. Mi volevano assassinare. Per fortuna che questo accadeva a cinque mesi dalla mia nascita, per cui non credo che la cosa mi abbia sconvolto più di tanto. Eppure, se è vero ciò che racconta ...(continue)

    "La mia vita è iniziata come un autentico romanzo d'appendice. Mi volevano assassinare. Per fortuna che questo accadeva a cinque mesi dalla mia nascita, per cui non credo che la cosa mi abbia sconvolto più di tanto. Eppure, se è vero ciò che raccontano al mio villaggio, avrei avuto ottime ragioni per preoccuparmi. Per un pelo non mi ammazzarono ancor prima che fossero spuntate le cinque dita con le quali ora tengo la penna".
    Splendido incipit e splendido libro, inziate a leggerlo e non vorrete più abbandonarlo.

    Is this helpful?

    Sibal said on Aug 4, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (143)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 677 Pages
  • ISBN-10: 8845923533
  • ISBN-13: 9788845923531
  • Publisher: Adelphi
  • Publish date: 2009-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book

Margin notes of this book

Page 27 , 33 , 35 , 36 , 37 , 39 , 99 , 112 , 170 , 230 , 231 , 232 , 245 , 246 , 267 , 270 , 280 , 284 , 310 , 311 , 320 , 321 , 326 , 327 , 395