Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Terminal Cafe

By

Publisher: Spectra

3.8
(21)

Language:English | Number of Pages: 10 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 055357261X | Isbn-13: 9780553572612 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Library Binding , Hardcover , eBook

Category: Science Fiction & Fantasy

Do you like Terminal Cafe ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
It is a few decades after a revolutionary technology has given humans the ability to resurrect the dead. The ever-increasing population of the risen dead is segregated into areas called necrovilles. Here they have created a wild culture, untouched by the restrictions of the law - except that the dead cannot stray into the realm of the living, nor the living into the teeming necrovilles, after nightfall. It is November 1, the Day of the Dead. Virtual artist Santiago Columbar, creator of drugs and 'ware that melt and reconfigure reality for his many disciples, has grown bored with the realities at his command. There is one reality he has yet to try, the culmination of his life as an artist: He will venture into the forbidden streets of the Saint John dead town, and there walk willingly into the open arms of death. At Santiago's invitation, four of his friends will meet in Saint John to record his death and resurrection. On their way to witness Santiago's transformation, as the necroville erupts into the first volley of a revolution against the living, each will face danger and adventure in the wild streets of the dead...and find that life has changed forever.
Sorting by
  • 5

    In un futuro, non molto lontano, le nanotecnologie permettono agli uomini di compiere cose straordinarie come essere sempre connessi alla rete tramite una tuta che si interfaccia direttamente con il sistema nervoso di chi la indossa, possedere macchine e mezzi di trasporto che mutano la loro form ...continue

    In un futuro, non molto lontano, le nanotecnologie permettono agli uomini di compiere cose straordinarie come essere sempre connessi alla rete tramite una tuta che si interfaccia direttamente con il sistema nervoso di chi la indossa, possedere macchine e mezzi di trasporto che mutano la loro forma e si liquefano in dorate pozze di mercurio una volta utilizzate e, soprattutto, resuscitare i morti.
    Morti che però sono relegati in città-ghetto dalle quali possono uscire solo se autorizzati per eseguire i lavori più umili, oppure spediti nello spazio come forza lavoro per colonizzare il Sistema Solare.

    Come da tradizione cinque amici si danno appuntamento al Terminal Cafè di Necroville nel giorno della Festa dei Morti, ciascuno portando con se un bagaglio di delusioni e speranze.
    Santiago, artista della rete e dispensatore di droghe che esaltano le percezioni, teso verso la realizzazione della sua ultima opera d'arte. Trinidad, sconvolta dalla perdita del suo unico amore a causa delle droghe forse prodotte da Santiago, in cerca di un modo per superare il dolore e ritrovare la capacità di amare. Camaguey, amante delle profondità marine dove ha creato un regno artificiale di nanotecnologie e corallo ma costretto a lasciarlo a causa di una malattia. YoYo ieratica avvocatessa che pratica in un monocromatico mondo virtuale bianco con una scala che sale verso il Paradiso e perseguitata da un'intelligenza, generata dalla stessa rete, con le sembianze di Carmen Miranda. E il giovane Tussaint, figlio ribelle di Adam Tesler il creatore delle macchine per risuscitare i morti, perennemente in fuga dalla pesante eredità del padre.
    Ma nessuno di loro si presenterà puntuale all'appuntamento: chi parteciperà a una Caccia inseguito da eleganti Cavalieri Pallidi a cavallo di dinosauri; chi scoprirà di avere molto in comune con una prostituta morta e risuscitata; qualcuno difenderà gli interessi di una morta contro la più potente corporazione della terra; qualcun altro scoprirà che si può vivere in eterno in uno stato tra la vita e la morte; e uno degli amici diventerà testimone e partecipe di una rivoluzione che cambierà le sorti di tutti, vivi e morti.

    Stilisticamente il romanzo è estremamente complesso per la varietà di neologismi cyberpunk, per il modo in cui le frasi stesse sono costruite in cui si innestano termini spagnoli, giapponesi, italiani, ma anche per la quantità di trame e sottotrame che si intrecciano raccontando eventi passati e presenti tra cui spicca la storia di Quebec e di come venne resuscitato in una splendida città creata nello spazio dove le piante fluttuano nel vuoto siderale.

    Fonte di divertimento sono anche gli innumerevoli riferimenti letterari, inclusi Tolkien e Wilde, e cinematografici, i Morti possono risorgere con le sembianze di un divo del cinema e gli schermi di Necroville trasmettono vecchi film da Via col Vento a Psyco.

    Ogni storia è velata da una leggerissima ma percettibile ombra di erotismo che sfiora la perversione della necrofilia o che si innalza ed esplode in un unica passionale scena di sesso dalla struggente conclusione.

    Si parla di tutto in Terminal Cafe, della vita e della morte, di paure e passioni, di fede in religioni accrocchiate alla meglio per soddisfare i propri bisogni, ma su ogni cosa domina una domanda: è più libero il Vivo che grazie alle tecnologie, alle droghe, alla realtà virtuale può assaporare il gusto dell'adrenalina generata da nuove esperienze sempre più al limite o un Morto per il quale ogni giorno è potenzialmente uguale all'altro ma che può volare liberamente nello spazio e conquistare nuovi pianeti?
    Ognuno dei cinque amici darà il suo personale significato alla parola libertà: riscoprendo quanto si ama vivere una vera vita o lasciandosi di morire per poi rinascere, accettando il peso delle proprie responsabilità consapevole di avere dato la libertà a qualcun altro pur rinunciando alla propria.

    Letto in inglese Terminal Cafe (o Necroville) è una vera sfida dalla quale si esce appagati e soddisfatti...

    e con una domanda: perché Ian McDonald è così poco conosciuto in Italia?

    said on 

  • 5

    Amore a prima vista. Un romanzo che ti riconcilia con la vita l'universo e tutto quanto di fantascientifico ti salti in mente di infilarci.


    In Necroville c'è tutto: l'immortalità e la rete, il cyber più estremo condito con un pizzico di space opera, la tragedia e il romanticismo, un gocci ...continue

    Amore a prima vista. Un romanzo che ti riconcilia con la vita l'universo e tutto quanto di fantascientifico ti salti in mente di infilarci.

    In Necroville c'è tutto: l'immortalità e la rete, il cyber più estremo condito con un pizzico di space opera, la tragedia e il romanticismo, un goccio di misticismo e teologia spicciola insieme a terabytes di azione.
    Nonostante la presenza di un'unica scena di sesso, disperata e travolgente, romantica e molto fantascientifica, in tutto il libro si respira anche una certa atmosfera erotica. Sarà tutto quel parlare di morte, resurrezione, desiderio e carnalità…

    E poi tutte le citazioni cine-bibliofile... (se ne ho colta qualcuna io ce ne saranno a centinaia).
    Ian McDonald è un mago della parola, ha un'immaginazione strepitosa e una coerenza perfetta. Ama i suoi personaggi e li rende assolutamente credibili per quanto impossibili siano le loro vite. Non avrei mai creduto di poter accettare senza batter ciglio (o senza frullare il libro) una frase come "penso che sto rischiando di innamorarmi di te, stupido bastardo", eppure Ian McDonald ci è riuscito.
    Onore al merito.

    (1997)

    said on