Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tessera city

Di

4.5
(2)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 36 | Formato: Altri

Isbn-10: 8895124235 | Isbn-13: 9788895124230 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Tessera city?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "Quadrante Tessera": speculazione immobiliare pubblico-privata

    Il libro è molto interessante e racconta come si è arrivati alla situazione attuale in cui una nuova polarità sarà creata nel Comune di Venezia senza rispondere ad alcun bisogno reale della cittadinanza salvo quello di soddisfare finanziariamente l'acquisto di terreni agricoli da parte di alcuni ...continua

    Il libro è molto interessante e racconta come si è arrivati alla situazione attuale in cui una nuova polarità sarà creata nel Comune di Venezia senza rispondere ad alcun bisogno reale della cittadinanza salvo quello di soddisfare finanziariamente l'acquisto di terreni agricoli da parte di alcuni "furbastri" per la classica pipa di tabacco con la certezza che, prima o poi, avrebbero spuntato un bel cambio di destinazione d'uso e un mare di cubatura.
    Un consigliere comunale del centrosinistra ha avuto l'ardire di affermare che, con il nuovo PAT, Tessera City è morta.
    Purtroppo è una grandissima balla: essa è viva e vegeta e, attualmente, si estende su circa 54 ettari di aree agricole (il doppio rispetto a quanto previsto prima) ma potrà ancora crescere in futuro! Di certo la sua espansione non sarà fermata da quel buffo compromesso che è stato trovato in consiglio comunale tra le forze del centro-centrosinistra.
    Altra balla, raccontata abbondantemente da amministratori e giornalisti servili, è quella riguardante le funzioni insediabili. Non è assolutamente vero che non si farà alcun centro commerciale: questa funzione è infatti prevista e nell'ATO 5 (Dese-Aeroporto) vi sono 350.000 mq di nuove potenziali aree commerciali-direzionali (uffici). La parte del leone, comunque, non la farà la città dello sport o dell'intrattenimento (case chiuse?) bensì gli alberghi-alveari per gruppi turistici low cost che sono previsti per un massimo di 110.000 mq. Un quinto cioè, del totale previsto per la funzione ricettiva, potrebbe essere riversato qui.
    E "qui" significa: in mezzo alla campagna su aree a forte rischio idraulico. I miei più vivi complimenti a PD-L, IDV, PSI, UDC, IN COMUNE.

    ha scritto il