Testimone inconsapevole

Noir italiano n. 5

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

4.0
(5565)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 251 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Svedese

Isbn-10: A000016894 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , CD audio , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Legge , Mistero & Gialli

Ti piace Testimone inconsapevole?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
E' stato commesso un crimine atroce. Sul fondo di un pozzo è stato ritrovato il corpo senza vita di un bambino di nove anni. Tutte le prove e le testimonianze sembrano accusare inequivocabilmente un ambulante extracomunitario. Il suo destino sembra segnato fino a quando la sua vicenda incrocia quella di Guido Guerrieri, un avvocato che sta cercando di ricostruire la propria vita dopo il recente divorzio, il quale accetta la sfida di assumerne la difesa. Muovendosi con abilità nelle pieghe dei codici e della burocrazia Guido conduce la sua coraggiosa battaglia alla ricerca della verità scontrandosi contro un muro di pregiudizi e ipocrisie ma trovando in essa un’opportunità di riscatto personale e un’occasione preziosa per conoscere meglio sé stesso e la società che lo circonda.
Ordina per
  • 4

    Ho voluto subito leggerne un altro di Carofiglio dopo aver letto la regola dell'equilibrio. Beh, il primo impressiona, il secondo un po' meno (indipendentemente dall'ordine di pubblicazione). Intendia ...continua

    Ho voluto subito leggerne un altro di Carofiglio dopo aver letto la regola dell'equilibrio. Beh, il primo impressiona, il secondo un po' meno (indipendentemente dall'ordine di pubblicazione). Intendiamoci, è un bel libro e si legge piacevolmente. Ma appare chiaro che la vena veramente creativa si è espressa probabilmente nel primo romanzo. Per i successivi si tratta di una buona organizzazione/costruzione del racconto, un po' meno di creatività.
    Ho un rapporto contrastato con le serie di romanzi, con lo stesso protagonista. Vale il ragionamento sopra. Per alcuni, però, mi sembra che la "ripetizione" della struttura sia più evidente (in Carofiglio e Manzini, ad esempio). In altri (Hieronimus Bosch per Michael Connelly, o Charlie Parker per John Connolly) la riproposizione del personaggio non comporta la stessa struttura e sembra mantenersi una certa vena creativa.
    Ciò detto Carofiglio e Manzini scrivono alla grande!

    ha scritto il 

  • 4

    I ggiovani a scuola sono coinvolti in un progetto di scambio con ggiovani di altri paesi, per una cosa legata alla lettura, ragion per cui abbiamo dovuto individuare una cinquina di libri su cui costr ...continua

    I ggiovani a scuola sono coinvolti in un progetto di scambio con ggiovani di altri paesi, per una cosa legata alla lettura, ragion per cui abbiamo dovuto individuare una cinquina di libri su cui costruire il percorso di scambio, propriamente due classici e tre ‘moderni’...

    Continua qua: https://cheremone.wordpress.com/2016/01/05/lettore-consapevole/

    ha scritto il 

  • 4

    L'autore mi è stato consigliato da conoscenti qualche giorno fa è quindi ho deciso di provare a leggerlo. Veramente divertente: facile, scorrevole, appassionante, non banale. Veramente un bel legal th ...continua

    L'autore mi è stato consigliato da conoscenti qualche giorno fa è quindi ho deciso di provare a leggerlo. Veramente divertente: facile, scorrevole, appassionante, non banale. Veramente un bel legal thriller, per di più basato sul NOSTRO sistema giudiziario, di cui magari si capisce anche qualcosa di più. Davvero divertente e facile da leggere. Approfondirò la conoscenza!

    ha scritto il 

  • 3

    Bel giallo legale. Lettura facile e soddisfacente. Un piacere leggerlo! Avvincente ma nin esagerato. ....un giallo possibile nella vita di ogni giorno...soprattutto oggi!!

    ha scritto il 

  • 4

    Epifania

    nel senso di 'rivelazione'. Non avevo mai letto nulla di Carofiglio e mi rendo conto solo adesso di aver sbagliato :-) una storia ben scritta, il protagonista viene descritto così bene che è facile id ...continua

    nel senso di 'rivelazione'. Non avevo mai letto nulla di Carofiglio e mi rendo conto solo adesso di aver sbagliato :-) una storia ben scritta, il protagonista viene descritto così bene che è facile identificarsi nelle sue debolezze. L'autore non indulge a descrizioni di scene di sesso o di violenza, e questo per me è un pregio.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro piacevole e scorrevole con una discreta suspence, tanto da leggerlo tutto d'un fiato. La scrittura è molto accattivante e ironica, con una buona introspezione del personaggio principale. Partico ...continua

    Libro piacevole e scorrevole con una discreta suspence, tanto da leggerlo tutto d'un fiato. La scrittura è molto accattivante e ironica, con una buona introspezione del personaggio principale. Particolare nota alla sua arringa finale al processo: molto interessante e porta inequivocabilmente alla riflessione, in quanto noi esseri umani, il più delle volte, crediamo di essere testimoni veritieri e assoluti di qualche fatto, mentre nella realtà questo pare sia molto difficile; da cui la difficoltà enorme nel giudicare una persona indagata di omicidio, sulla base delle testimonianze.

    ha scritto il 

  • 3

    "[...] quando hai tante cose da fare non hai il tempo di pensare che la tua vita è finita, [...]."

    Nelle mie escursioni estive (in ordine sparso) nei casi dell'Avv. Guerrieri, Testimone inconsapevole è stata la terza tappa, pur essendo in realtà il primo libro ad essere stato scritto e pubblicato.
    ...continua

    Nelle mie escursioni estive (in ordine sparso) nei casi dell'Avv. Guerrieri, Testimone inconsapevole è stata la terza tappa, pur essendo in realtà il primo libro ad essere stato scritto e pubblicato.
    E del primo romanzo di una serie, infatti, Testimone inconsapevole ha tutti i crismi: i temi trattati negli episodi successivi proprio da qui prendono avvio. I rimpianti, la nostalgia, ma anche l'autoironia e la capacità di riadattarsi a una nuova condizione. Anche lo stile dei successivi romanzi trae da qui la sua impronta originaria: Carofiglio scrive con mano leggera e pur trattando la materia tecnica (o in questo caso si dovrebbe dire giudiziaria) in maniera impeccabile, il cuore del romanzo resta sempre la vita personale e interiore del protagonista.
    In questa prima avventura, poi, non lo troviamo in crisi - la condizione normale di Guerrieri - bensì addirittura a un passo dal crollo psicofisico. Sara - sua moglie - decide di separarsi, il loro matrimonio è arrivato al capolinea da tempo, ma se lei non avesse preso l'iniziativa, la situazione sarebbe andata avanti così ancora a lungo. L'impressione è che Guerrieri fino ad allora fosse vissuto in apnea e questo scossone è come un'onda che lo travolge d'improvviso e lo trascina a fondo. Ma si tratta soltanto di risalire perché l'aria è là fuori che ci aspetta. E questo più che i dottori, più che gli psicofarmaci, è una signora appena conosciuta un giorno al mare a rivelarglielo (le sue parole sono il titolo di questa recensione).
    E' questa la difficile sfida con cui si apre la sua prima avventura: ricominciare a vivere, e dunque ad avere paura e a volte a gioire.

    ha scritto il 

  • 3

    "Quella del teste che riferisce una certa versione dei fatti nella erronea convinzione che essa sia vera. Si tratta di quella che potremmo definire la falsa testimonianza inconsapevole."

    Il libro parla di Guido Guerrieri avvocato che esercita presso il tribunale di Bari, chiamato a difendere Abdue Thiam colpevole prima di aver rapito un bambino e poi di averlo ucciso per asfissia.
    Il ...continua

    Il libro parla di Guido Guerrieri avvocato che esercita presso il tribunale di Bari, chiamato a difendere Abdue Thiam colpevole prima di aver rapito un bambino e poi di averlo ucciso per asfissia.
    Il personaggio di Guido è ben caratterizzato, oltre al processo nel libro ci viene raccontata la vita dell'avvocato che è costretto ad affrontare la separazione dalla moglie Sara, tutto il suo mondo è messo in discussione e l'autore ci racconta benissimo le difficoltà e il travaglio psicologico del protagonista.
    Bravo Carofiglio che con la sua scrittura fluente e diretta mi ha fatto apprezzare un genere che avrebbe potuto risultarmi pesante, soprattutto nella parte processuale!

    ha scritto il 

  • 4

    “Due terzi di quello che vediamo, è dietro i nostri occhi."

    Guido Guerrieri , avvocato brillante ed infallibile oltre che simpatico ed attraente scapolo dai gusti raffinati , non delude mai .
    E pazienza se le trame ed i personaggi dei romanzi si assomigliano u ...continua

    Guido Guerrieri , avvocato brillante ed infallibile oltre che simpatico ed attraente scapolo dai gusti raffinati , non delude mai .
    E pazienza se le trame ed i personaggi dei romanzi si assomigliano un po' tutte perché in fondo chi legge i libri di Gianrico Carofiglio non si aspetta niente di diverso da storie semplici , credibili , sviluppate in maniera accattivante grazie ad uno stile disinvolto e spumeggiante che , a mio giudizio , pongono l'autore fra i migliori per questo genere di lettura disimpegnato e leggero.

    ha scritto il 

Ordina per