Madame Raquin, una vecchia merciaia, si trasferisce a Parigi con il figlio Camillo e la nipote Teresa, da poco sposati. Il marito fa conoscere a Teresa il giovane Lorenzo, il quale, intuito il temperamento passionale e l'infelicità coniugale della ...Continua
Ha scritto il 26/09/17
Disturbante
Ogni tanto dovevo interrompere la lettura per qualche tempo. Pensi di essere arrivato al fondo e invece continui a scendere giù, giù, giù...Il capitolo sulla morgue è orrore puro.In generale Zola non ci va giù per il sottile e ti spiattella in ...Continua
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 01/08/17
Parte benissimo, si affloscia un po' nella parte centrale per poi riprendersi sul finale e guadagnare la 4^ stella. E' un romanzo sul senso di colpa. L'evoluzione tragica dei personaggi è tutta legata a questo tema. Therese è un personaggio ...Continua
Ha scritto il 20/02/17
Ossessivo. Mi ha letteralmente perseguitato in un incubo in cui cercavo di sottrarmi al suo influsso.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 26/01/17
Un capolavoro dell'orrore...
...disse Oscar Wilde. Concordo pienamente.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 22/12/16
Indiscreto, esasperato, delirante, illusorio, ossessivo.
Le descrizioni e le analisi degli stati d'animo sono così dettagliate da rendersi quasi indigeste. In fondo, era proprio ciò a cui puntava Zola con questo romanzo, il suo studio dei caratteri umani. Gli eventi vissuti dai due protagonisti ci ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Feb 06, 2014, 11:47
Era obbligato a riconoscere che l'ozio inaspriva i tormenti
Pag. 195
Ha scritto il Feb 06, 2014, 11:47
Quando non c'è più speranza nel futuro, il presente acquista un'amarezza spaventosa.
Pag. 194
Ha scritto il Feb 06, 2014, 11:47
- Era buono, sì, lo so - sogghignava Laurent, - vuoi dire che era stupido, non è vero? O ti sei dimenticata? Sostenevi che una sua minima parola ti irritava, che non poteva aprire bocca senza dire una sciocchezza.
Pag. 186
Ha scritto il Dec 23, 2013, 18:14
Quando il futuro è privo di speranze, il presente acquista un'ignobile amarezza.
Pag. 155
Ha scritto il Mar 05, 2013, 18:08
Ormai sapeva che tutti i suoi giorni sarebbero stati uguali, che tutti avrebbero portato identiche sofferenze. E vedeva le settimane, i mesi, gli anni che lo aspettavano seguire l'uno all'altro tetri e implacabili, cadergli addosso e lentamente ...Continua
Pag. 182

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Jul 11, 2016, 08:04
843.8 ZOL 16846 Letteratura Francese
Ha scritto il May 02, 2016, 07:14
843.8 ZOL 16846 Letteratura Framcese

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi