That Awful Mess on the Via Merulana

(New York Review Books Classics)

By ,

Publisher: NYRB Classics

3.9
(3357)

Language: English | Number of Pages: 400 | Format: Softcover and Stapled | In other languages: (other languages) Italian , French , German , Catalan , Spanish

Isbn-10: 1590172221 | Isbn-13: 9781590172223 | Publish date: 

Translator: William Weaver

Also available as: Hardcover , Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like That Awful Mess on the Via Merulana ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In a large apartment house in central Rome, two crimes are committed within a matter of days: a burglary, in which a good deal of money and precious jewels are taken, and a murder, as a young woman whose husband is out of town is found with her throat cut. Called in to investigate, melancholy Detective Ciccio, a secret admirer of the murdered woman and a friend of her husband’s, discovers that almost everyone in the apartment building is somehow involved in the case, and with each new development the mystery only deepens and broadens. Gadda’s sublimely different detective story presents a scathing picture of fascist Italy while tracking the elusiveness of the truth, the impossibility of proof, and the infinite complexity of the workings of fate, showing how they come into conflict with the demands of justice and love. Italo Calvino, Pier Paolo Pasolini, and Alberto Moravia all considered That Awful Mess on the Via Merulana to be the great modern Italian novel. Unquestionably, it is a work of universal significance and protean genius: a rich social novel, a comic opera, an act of political resistance, a blazing feat of baroque wordplay, and a haunting story of life and death.
Sorting by
  • 3

    Son rimasta incantata per l'uso del linguaggio, ma per tutto il resto mi stavo per suicidare dalla noia. Lo considero un straordinario esercizio di stile, da leggere a piccole dosi.

    said on 

  • 3

    Pietro Citati, "Ricordo di Gadda", prefazione a "Quer Pasticciaccio brutto de via Merulana", Garzanti, Milano, 2015, XVI-XVII.

    [...] Grazie ai "Promessi Sposi", la morte fu più lieta. Aveva sempre pro ...continue

    Pietro Citati, "Ricordo di Gadda", prefazione a "Quer Pasticciaccio brutto de via Merulana", Garzanti, Milano, 2015, XVI-XVII.

    [...] Grazie ai "Promessi Sposi", la morte fu più lieta. Aveva sempre provato un "sentimento di venerazione privata" verso la persona di Manzoni. Da ragazzo, tra i nove e i sedici anni, aveva letto dieci volte "I Promessi Sposi", abbandonandosi alla lettura, mi scrisse, "con la semplicità è profonda gioia di chi si disseta in montagna a una fonte di acqua chiara". Ora, giunto alla fine, voleva ripetere l'esperienza di adolescente, e chiese a Ludovica Ripa di Meana, a Giancarlo Roscioni e a me di leggergli "I Promessi Sposi". Ci alternammo al capezzale. Mi ricordo che qualche giorno prima (o il giorno prima) della morte, gli lessi il meraviglioso ottavo capitolo: don Abbondio che non conosce Carneade: Agnese che distoglie e allontana Perpetua chiedendole se era stata rifiutata, come dicevano, da Beppe Suolavecchia e da Anselmo Lunghigna: Tonio e il fratello che, a tarda sera, pagano il loro debito a don Abbondio: la sorpresa di Renzo e Lucia che vogliono farsi sposare, la sorpresa dei bravi nella casa di Agnese e Lucia: il suono delle campane a martello; quel casuale e gioioso formicolio della vita, che Manzoni e Gadda amavano tanto. Disteso sul letto, con la testa rialzata dai cuscini, Gadda rideva sussultando nel suo grande corpo moribondo - il riso, che tante volte lo aveva salvato. Allora pensai che la letteratura è davvero una cosa bellissima, se conserva la vita come la vita non riesce a conservarsi, e se fa ridere di gioia in punto di morte. Infine giunse la gloria: assoluta, incontaminata, quasi incontestata: la gloria dimostrata dal lavoro scrupoloso degli interpreti, come nei "Quaderni dell'Ingegnere", diretti da Dante Isella con tanta attenzione e precisione. Qualche volta rimpiango il fervore cieco dei giovani scrittori del 1957, quando Gadda era la letteratura "vivente": questi giovani sono, adesso, diventati vecchi o vecchissimi, o sono morti. Ma, forse, il vero segno della gloria di Gadda è un altro. Dopo la sua morte, mi raccontò Ludovica Ripa di Meana, la "fedele" ed "eroica" Giuseppina, che aveva servito, venerato e vessato il padrone per tanti anni, tornò a casa, a Ferentino. Aveva ereditato i diritti d'autore, i mobili, i vestiti: non i libri e i manoscritti. Ora, finalmente, Giuseppina dormiva nel letto di Gadda: una specie di consacrazione della sua vita. Tutte le domeniche apriva l'armadio, dove stavano i vestiti e le grandi scarpe di Gadda. Prendeva le scarpe e le lucidava con infinita cura, sino a renderle brillanti, come se Gadda, chissà dove, camminasse per le strade della vita o della sopra-vita. Questo - ne sono certo - è il "tocco" definitivo.

    said on 

  • 5

    Ori e miseria.

    Ori e miseria: un “topaccio” e una sciarpa verde, straccio da rinfrescare.
    Basteranno questi due particolari per far riaffiorare il contenuto di quest'opera letta con estremo piacere perché, dove la p ...continue

    Ori e miseria: un “topaccio” e una sciarpa verde, straccio da rinfrescare.
    Basteranno questi due particolari per far riaffiorare il contenuto di quest'opera letta con estremo piacere perché, dove la parola guizza, dove c'è musica, dove dialoghi e personaggi sono vividi, sto a teatro.
    Non so dire se per un toscano, abituato alla parola risciacquata in Arno, sia più o meno facile la comprensione dei dialetti regionali rispetto ad altri, so solo che un orecchio allenato, aiuta eccome, quando la parola ne fa di tutti i colori. O la si acchiappa al volo, oppure non importa in un secondo tempo, o se qualcuna mai; conta non perdere il ritmo e godersi la scena.
    Siamo nel 1927, ci troviamo a Roma e andiamo a conoscere per primo “Don Ciccio, lo statale della mobile, sezione investigativa, una certa conoscenza degli uomini e delle donne, onnipresente sugli affari tenebrosi”.
    Tutto si svolge mentre in certa gente “tonificatrici risonanze, suscita la boce del buce”.
    Resta alla fine un grande ritratto di un'epoca e di una città, restano, tra il riso, l'amarezza e la pietà per la povera gente, il disgusto per l'ipocrisia sconfinata della società borghese, a suo modo infelice, resta il cielo di Roma. E la soddisfazione di aver mandato a quel paese, con l'irriverente gesto dell'ombrello, “l'onnivisibile fetente, salutato salvatore d'Italia” insieme a “sto branco de fregnoni e de fiji de mignotte che stanno ar monno”.

    P.S. Dimentico forse, semmai ci fosse necessità, e non credo ce ne sia, la cosa principale: Gadda un genio per la sua ricerca linguistica. Ho pensato all'impossibilità di una traduzione fedele del testo; ho pensato, amando Céline, cosa possa essere arrivato a noi quanto a traduzione. Ho appreso ora quanto a Gadda piacesse Céline, e allora mi chiedo come ho fatto a non accorgermi prima di questo capolavoro. Con gran sollievo di aver fatto in tempo, mi sento del tutto gratificata da questa lettura.

    said on 

  • 5

    Un unicum per la letteratura italiana

    Uno dei libri più difficili che abbia mai letto. Ma non per questo non godibile. Anzi.
    Un noir ambientato a Roma sul finire degli anni ’20 con protagonista un giovane commissario meridionale, che di n ...continue

    Uno dei libri più difficili che abbia mai letto. Ma non per questo non godibile. Anzi.
    Un noir ambientato a Roma sul finire degli anni ’20 con protagonista un giovane commissario meridionale, che di nome fa Francesco Ingravallo, detto Ciccio.
    Il poliziotto – un tizio sui 35 anni, astuto, cocciuto, perspicace, diffidente, furbo, ma allo stesso tempo prevenuto – si trova ad indagare contemporaneamente su di uno strano furto che avviene in un palazzo di via Merulana e su di un omicidio che avviene pochi giorni dopo nello stesso palazzo, sullo stesso pianerottolo, nell’appartamento di fronte a quello in cui è avvenuto il furto. Peraltro la vittima – la signora Liliana Balducci – è una conoscente di Ingravallo, per la precisione si tratta della moglie di un tizio nella cui casa il protagonista si è trovato a cenare diverse volte e per cui nutre una certa forma di attrazione.
    Il corso della vicenda permette all’autore di descrivere la vita della campagna romana, i primi grandi agglomerati urbani del novecento, i rapporti tra condomini, la vita di due conuigi benestanti, lo stile di conduzione delle indagini (interrogatori soprattutto) da parte della polizia dell’epoca, lasciando che siano i pensieri di Ingravallo a parlare. Ingravallo, che ci si aspetterebbe abbastanza gretto e ignorante, sfodera invece in più occasioni nel suo soliloquio interiore una cultura davvero fuori dall’ordinario, sia per profondità che per varietà.

    Da molti considerato – a buon diritto – un capolavoro della Letteratura Italiana dell’800, “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” è davvero un unicum, qualcosa di mai scritto prima, una grande insalata fatta di termini mutuati (e traslitterati) dal dialetto, dalle lingue straniere, dall’Italiano aulico (e in parecchi casi obsoleto) e parole completamente inventate. Anche la sintassi e la struttura del racconto sono particolarmente ostici e contorti; alcuni passaggi, ad esempio, prevedono incisi lunghi, lunghissimi, capaci di durare anche due o tre pagine.
    Se non l’avete ancora letto, fatevi un favore: prendetene una copia e dedicatevi.

    said on 

  • 1

    Io l'ho trovato una noia mortale, una complessità linguistica feroce e inutile, e in conclusione una storia incompleta. La trama mi piaceva, ed è stata quella anzi a farmi proseguire nonostante la pes ...continue

    Io l'ho trovato una noia mortale, una complessità linguistica feroce e inutile, e in conclusione una storia incompleta. La trama mi piaceva, ed è stata quella anzi a farmi proseguire nonostante la pesantezza della lettura. Più che altro mi sono trascinata, intervallando poche righe agli appisolamenti, per capire dove sarebbe andato a parare. E la beffa finale è che in dirittura d'arrivo non è approdato ad alcuna conclusione. Tuoni, fulmini e saette! Però il film di Germi "Un maledetto imbroglio" voglio concedermelo. Tanto per coronare la frustrazione!

    said on 

  • 4

    Dialettale, eccessivo, straborda da tutti i lati.
    L'indagine del nostro Ciccio Ingravallo devìa continuamente verso divagazioni di tutti i tipi, il cosmo sembra esploso e se ne leggono più o meno a ca ...continue

    Dialettale, eccessivo, straborda da tutti i lati.
    L'indagine del nostro Ciccio Ingravallo devìa continuamente verso divagazioni di tutti i tipi, il cosmo sembra esploso e se ne leggono più o meno a caso i frammenti sparsi.
    Per esempio gli alluci dei Santi. O le cagate delle galline.

    Ma ne esce anche un ritratto dei poveri, dei vinti che cercano di sopravvivere con ogni mezzo legale e non, e i borghesucci che si perdono nella loro vita patinata e senza sforzi.

    Quindi insieme vita e deformazione grottesca della vita, la cosa e la sua ombra contorta, in mezzo ad un caos causale e inestricabile dove smarrirsi è cosa di un attimo.

    said on 

  • 3

    Cosa mi ha colpito di questo libro? Le descrizioni, di situazioni, stati d'animo, persone, di cani e pure di galline. Descrizioni meticolose, che non sai mai dove vanno a parare. Ma esatte e fantasios ...continue

    Cosa mi ha colpito di questo libro? Le descrizioni, di situazioni, stati d'animo, persone, di cani e pure di galline. Descrizioni meticolose, che non sai mai dove vanno a parare. Ma esatte e fantasiose, con particolari che a nessuno verrebbe di citare. Lettura a volte faticosa, ma sempre godibile, tanto che alla fine ti dispiace di aver finito...

    said on 

Sorting by