The Bell Jar

By

Publisher: Harper Perennial

4.2
(1752)

Language: English | Number of Pages: 244 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , German , Italian , Swedish , Finnish , Catalan , Dutch , Polish , Farsi , Czech , French

Isbn-10: 0060837020 | Isbn-13: 9780060837020 | Publish date: 

Illustrator or Penciler: Sylvia Plath ; Corporate Author: Frances McCullough

Also available as: Hardcover , School & Library Binding , Audio Cassette , Audio CD , Mass Market Paperback , Library Binding , Others , eBook

Category: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like The Bell Jar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

The Bell Jar chronicles the crack-up of Esther Greenwood: brilliant, beautiful, enormously talented, and successful, but slowly going under -- maybe for the last time. Sylvia Plath masterfully draws the reader into Esther's breakdown with such intensity that Esther's insanity becomes completely real and even rational, as probable and accessible an experience as going to the movies. Such deep penetration into the dark and harrowing corners of the psyche is an extraordinary accomplishment and has made The Bell Jar a haunting American classic.

This P.S. edition features an extra 16 pages of insights into the book, including author interviews, recommended reading, and more.

Sorting by
  • 4

    The bell jar was a beautifully written story of a young girl who is going through a break down. Things were going so well for Easther - she is a brilliant aspiring author who has won scholarships and ...continue

    The bell jar was a beautifully written story of a young girl who is going through a break down. Things were going so well for Easther - she is a brilliant aspiring author who has won scholarships and notoriety for her scholarly accomplishments. This all comes crashing down with one rejection letter that sends her on a down ward spiral. This story tells that downward spiral of the young creative girl and her being committed to a asylum and her treatment. This book considers all of the things that are occurring from Easthers eyes so the reader gets a first hand account of everything.

    said on 

  • 5

    Il romanzo è nettamente diviso in due parti, la prima quella di formazione di una giovane promessa, piena di belle speranze che però si sente sempre inadeguata di fronte a se stessa e agli avvenimenti ...continue

    Il romanzo è nettamente diviso in due parti, la prima quella di formazione di una giovane promessa, piena di belle speranze che però si sente sempre inadeguata di fronte a se stessa e agli avvenimenti che le accadono, le amicizie, il lavoro, la relazione con gli uomini, il desiderio di emanciparsi e di perdere la verginità. La seconda parte, continuazione e risultato della prima, è l'alienazione di tutto quello che lei avrebbe desiderato e la consapevolezza che il suo stare al mondo era troppo difficile e diverso da quello che in realtà lei era, una ragazza che desiderava realizzarsi in senso moderno, libero, senza condizionamenti, e non come la società americana e le pressioni che aveva attorno a sé volevano che lei facesse. E in questo cuneo Esther/Sylvia si è persa. Questo romanzo è di una lucidità sorprendente, si legge l'animo di una donna da dentro, senza finzioni. Per riuscire ad essere se stessa Esther ha fatto una scelta, l'unica che in quel momento le sembrava possibile. Lo considero un capolavoro dell'animo umano.

    said on 

  • 5

    "L'oscurità mi cancellò come gesso sulla lavagna"

    Guardo l'immagine [allegata], scovata in rete, di una Sylvia Plath illuminata da uno smagliante sorriso.
    I suoi occhi intelligenti e divertiti. Anch'essi luminosi e apparentemente così felici.
    E non m ...continue

    Guardo l'immagine [allegata], scovata in rete, di una Sylvia Plath illuminata da uno smagliante sorriso.
    I suoi occhi intelligenti e divertiti. Anch'essi luminosi e apparentemente così felici.
    E non mi capacito, non mi capacito che una mente così arguta e brillante abbia potuto fare un gesto così tragico ed estremo. La testa nel forno, non si concilia, non si sovrappone all'immagine che sto osservando ora e a quella che si delinea a fine di una lettura che lascia apertura alla vita.

    La campana di vetro è un racconto marcatamente autobiografico, che descrive in maniera asciutta, con una scrittura priva di pietismi e di sbavature patetiche, ma con sguardo lucido e quasi da narratore esterno, le dinamiche che spinsero l'autrice ad un primo tentativo di suicidio.

    Una prima parte divertente e divertita, in cui la protagonista, vive e descrive con grande ironia la vita di una ventenne di ottime speranze, studentessa eccellente, ammirata e corteggiata, che fa da subito i conti con tutto ciò in cui non si riconosce. Non le tornano le convenzioni, i ruoli preconfezionati e prestabiliti, il dover seguire percorsi tracciati solo perché appartenente al genere femminile.

    "Non riuscivo a sopportare l'idea che una donna dovesse avere una sola vita e pura, mentre un uomo potesse averne due: una pura e l'altra no"

    Una seconda parte in cui la malattia [depressione] si palesa. L'impossibilità di uscire dalle convenzioni, l'impossibilità di vivere assecondando il proprio pensiero e la propria vocazione. L'insonnia, l'impossibilità di leggere, l'impossibilità di nutrirsi, l'impossibilità di scrivere.
    La campana di vetro entro cui, in una immagine molto cruda, il fidanzato aspirante medico, le mostra feti abortiti, immagine che torna a definire stato d'animo e condizione della protagonista.

    "Per la persona che è sotto la campana di vetro, vuota, e che è bloccata là dentro come un bimbo morto, il mondo è in sé un brutto sogno."

    La campana di vetro delle convenzioni, che probabilmente per la più parte delle persone, rappresenta una sicura zona di comfort, per chi si distingue, per chi nasce postumo come Sylvia, non è che una terribile prigione, una condizione che impedisce il proseguimento della vita.

    "Mi sentivo come un cavallo da corsa in un mondo senza piste"

    E mi vien da pensare, parafrasando le tue parole, Sylvia, felice di averti conosciuto attraverso queste pagine, non ha ragione il tuo prosaico fidanzato, la poesia non è polvere, così come la letteratura non è polvere, "la gente, piuttosto, è fatta di niente come la polvere, curare tutta quella polvere non è meglio che scrivere poesie, che la gente ricorderà e ripeterà a se stessa quando sarà infelice, con lo stomaco in disordine o l'insonnia"

    Peccato, davvero peccato, che quella campana tu non sia riuscita a romperla in altro modo.

    said on 

  • 5

    IL BRUTTO SOGNO E' IL MONDO

    Un momento brillante, vissuto a New York, grazie ad una borsa di studio per lavorare in una rivista di moda, si trasforma, per Esther Greenwood, in un salto nel vuoto, come la fine che fanno tutti suo ...continue

    Un momento brillante, vissuto a New York, grazie ad una borsa di studio per lavorare in una rivista di moda, si trasforma, per Esther Greenwood, in un salto nel vuoto, come la fine che fanno tutti suoi vestiti, la sera in cui lei stessa li lancia fuori dalla finestra dell’ultimo piano dell’albergo.

    Il ritorno alla provincia per la pausa estiva, il senso di irrisolto, l’incapacità di decidere del suo futuro, la sensazione di sentirsi “come una cavallo da corsa senza pista” nell’America galoppante degli anni Cinquanta, l’oppressione, come se fosse schiacciata da una campana di vetro che le toglie l’aria, la perdita del sonno e di tutte quelle cose che, prima, la facevano stare bene, come leggere, scrivere, mangiare, la portano ad una lenta e graduale alienazione, ai limiti di una follia che le fa ripetutamente studiare il modo migliore per farla finita, fino all’ultimo tentativo messo in atto, quello che la farà rinchiudere in manicomio, affrontare la pazzia, propria e altrui, sperimentare la pratica dell’elettroshock, tecnica molto in voga in quegli anni.

    Il disagio di Esther ti permea, mentre leggi la sua storia, fino a farti vivere in apnea, proprio come sotto ad una campana di vetro e lasciandoti un forte senso di vuoto e tristezza.

    Unico romanzo di Sylvia Plath, semi-autobiografico, per le molteplici similitudini tra la protagonista e l’autrice, morta suicida nel 1963.

    “Un’altra cosa che detesto è quando la gente ti chiede allegramente come stai, sapendo benissimo che stai da cani, e si aspetta pure che rispondi: – Bene.”

    “Dovunque mi fossi trovata, sul ponte di una nave o in un caffè di Parigi o a Bangkok, sarei stata sotto la stessa campana di vetro, a respirare la mia aria mefitica.”

    “Per chi è chiuso sotto una cmpana di vetro, vuoto e bloccato come un bambino nato morto, il brutto sogno è il mondo. Un brutto sogno. Io ricordavo tutto.”

    LA CAMPANA DI VETRO – SYLVIA PLATH

    EDIZIONI OSCAR MONDADORI

    TRADUZIONE DI: Adriana Bottini

    PREZZO DI COPERTINA: € 9,50

    said on 

  • 5

    prima sei immerso nel mondo delle ragazze di buona famiglia dell'america del dopoguerra e qui il libro sembra avere quasi un tono più leggero (anche se -inaspettate- arrivano le sensazioni che qui fin ...continue

    prima sei immerso nel mondo delle ragazze di buona famiglia dell'america del dopoguerra e qui il libro sembra avere quasi un tono più leggero (anche se -inaspettate- arrivano le sensazioni che qui finirà male) e non possiamo non condividere lo sguardo disgustato di esther e ti aspetti una sua ribellione, poi arriva la crisi e la seconda metà: suicidi e manicomi e elettroshock, paure e solitudine, e il tono quasi "distaccato" (uso le virgolette perchè non ho idea se sia il termine migliore da usare: ma è quello che si avvicina di più) rafforza la sensazione di gelo che senti pagina dopo pagina.
    la forza della plath come narratrice era enorme: il punto non è che le vicende narrate vengano dalla sua vita privata (per quanto il fatto che molte situazioni e sensazioni le abbia vissute in prima persona è un dato di fatto), il punto è la sua capacità di farti sentire quello che sta provando.

    said on 

  • 3

    Dipende

    Il libro è ben scritto, indubbiamente ci troviamo davanti un'autrice in contatto con le sue emozioni: è febbrile e desiderosa di far crollare le speranze del lettore parola dopo parola. Ti rendi conto ...continue

    Il libro è ben scritto, indubbiamente ci troviamo davanti un'autrice in contatto con le sue emozioni: è febbrile e desiderosa di far crollare le speranze del lettore parola dopo parola. Ti rendi conto che non è un finale felice quello che t'aspetta. Lo consiglio se si è in un momento della propria vita sereno e rilassato, altrimenti si rischierebbe di calcare ancora di più un certo sconforto di vivere insensato e che spesso ci accompagna. Io personalmente non ho gradito questo libro perché mi ha molto infastidita lo stacco emotivo tra le due "parti" del libro, nel senso: non ho capito l'elemento scatenante della brusca e rovinosa scivolata di Esther verso l'oblio. Mi è rimasto fino all'ultimo un "MA PERCHé" in canna. Magari voi la risposta la trovate.

    said on 

  • 5

    Tremendamente bellissimo!
    Una discesa nell'universo femminile in primo luogo e contemporaneamente nella psicosi.
    Non riesco e non posso decidere quale dei due percorsi mi abbia conquistato di più.
    Mer ...continue

    Tremendamente bellissimo!
    Una discesa nell'universo femminile in primo luogo e contemporaneamente nella psicosi.
    Non riesco e non posso decidere quale dei due percorsi mi abbia conquistato di più.
    Meravigliosa Sylvia Plath.

    said on 

  • 4

    Comunque da leggere

    Libro un pochino lento, non c'è quella bramosia di girare pagina e finire il capitolo a tutti i costi...anche se la scrittrice è molto brava alcune pagine sono veramente ottime (sicuramente avrebbe d ...continue

    Libro un pochino lento, non c'è quella bramosia di girare pagina e finire il capitolo a tutti i costi...anche se la scrittrice è molto brava alcune pagine sono veramente ottime (sicuramente avrebbe dato molto alla letteratura) così come sono belle molte sue poesie.
    La storia è semplice, una ragazza che cerca di vivere una vita normale ma che non trova stimoli in niente...e sente che tutto intorno a lei, amici,lavoro,famiglia si stringe in un enorme campana di vetro.
    Consigli di leggerlo

    said on 

  • 4

    settimane d'insonnia

    Ma quanto mi piace leggere del male di vivere.
    Esther è giovane, libera e brillante, ma si sente inadeguata, incompleta, inutile e strana. Una ragazza che sembra ben inserita nel contesto di amicizie ...continue

    Ma quanto mi piace leggere del male di vivere.
    Esther è giovane, libera e brillante, ma si sente inadeguata, incompleta, inutile e strana. Una ragazza che sembra ben inserita nel contesto di amicizie e lavoro, ma che piano piano nel racconto mostra la sua stanchezza, l'oppressione di una campana di vetro invisibile agli altri che la avvolge togliendole l'aria e il benessere.
    Esther potrebbe essere felice per quello che ha, ma vede solo ipocrisia nella gente, e imbrogli, ignoranza ed egoismo: passa metà del libro a pensare al suicidio, tanto da farlo apparire in superficie anche per la madre e i dottori che la hanno in cura.
    Esther finisce in manicomio, ma quello non sembra un posto adatto a lei. Vuole solo dormire.

    said on 

  • 4

    Per quanto mi sia sforzata, durante ogni pagina di questo libro leggevo la storia di Esther ma sapevo che in fondo stavo leggendo la storia di Sylvia. Sylvia non è riuscita, nemmeno nel suo unico roma ...continue

    Per quanto mi sia sforzata, durante ogni pagina di questo libro leggevo la storia di Esther ma sapevo che in fondo stavo leggendo la storia di Sylvia. Sylvia non è riuscita, nemmeno nel suo unico romanzo, a prendere le distanze dalla sua sofferenza, dal suo male di vivere, che anche in queste pagine, è sempre protagonista. E’ un romanzo di rara delicatezza, lieve pur nella disperazione di ciò che racconta. Ma l’ha scritto Sylvia Plath, non potrebbe essere altrimenti.

    said on 

Sorting by
Sorting by