The Black Swan

The Impact of the Highly Improbable. Second Edition, With a New Section: "On Robustness and Fragility"

By

Publisher: Random House

4.0
(1368)

Language: English | Number of Pages: 480 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Spanish , Italian , Chi traditional , Chi simplified , Portuguese , German , French

Isbn-10: 0679604189 | Isbn-13: 9780679604181 | Publish date:  | Edition 2

Also available as: Hardcover , Paperback , Softcover and Stapled , Others , Audio CD

Category: Business & Economics , Philosophy , Social Science

Do you like The Black Swan ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A black swan is an event, positive or negative, that is deemed improbable yet causes massive consequences. In this groundbreaking and prophetic book, Taleb shows in a playful way that Black Swan events explain almost everything about our world, and yet we—especially the experts—are blind to them. In this second edition, Taleb has added a new essay, On Robustness and Fragility, which offers tools to navigate and exploit a Black Swan world.

Nassim Nicholas Taleb has devoted his life to immersing himself in problems of luck, randomness, human error, probability, and the philosophy of knowledge. He managed to transform his interests into three successful careers, as a man of letters, businessman-trader-risk manager, and university professor. Although he spends most of his time as a flâneur, meditating in cafés across the planet, he is currently Distinguished Professor at New York University's Polytechnic Institute and Principal of Universa. His books Fooled by Randomness and The Black Swan have been published in 31 languages. He is widely recognized as the foremost thinker on probability and uncertainty. Taleb lives mostly in New York.
Sorting by
  • 4

    Il punto di vista sull'imprevedibilità degli eventi è interessante. Le parti relative alla statistica (gaussiana, frattali...), a mio avviso, rallentano la lettura: troppo tecniche. Molto più scorrevo ...continue

    Il punto di vista sull'imprevedibilità degli eventi è interessante. Le parti relative alla statistica (gaussiana, frattali...), a mio avviso, rallentano la lettura: troppo tecniche. Molto più scorrevoli e piacevoli gli aneddoti e le esperienze personali.

    said on 

  • 3

    Idee originali, intriganti e dense di conseguenze importanti. Nella prima metà sono raccontate con molto humour (a volte persino eccessivo) ma è semplice comprenderle anche per chi non sia esperto di ...continue

    Idee originali, intriganti e dense di conseguenze importanti. Nella prima metà sono raccontate con molto humour (a volte persino eccessivo) ma è semplice comprenderle anche per chi non sia esperto di scienze cognitive o di statistica. Questa prima parte stimola molte riflessioni sul nostro modo di pensare, sui temi della pianificazione e gestione nelle aziende, sulla politica. E per me il libro poteva fermarsi a questo livello. L’approfondimento frattali vs curva gaussiana appare eccessivamente ridondante, e francamente superfluo. Allo stesso modo appare eccessiva la critica sarcastica a un certo mondo accademico e finanziario che persevera nell’applicazione di modelli di previsione fallaci. Un libro interessante che potrebbe esserlo maggiormente se fosse più focalizzato sul tema principale.

    said on 

  • 2

    Il fattore nazionalità aiuta a creare una bella storia e soddisfa il desiderio di attribuire cause. Sembra che sia la discarica in cui vanno a finire tutte le spiegazioni finché non se ne trova una pi ...continue

    Il fattore nazionalità aiuta a creare una bella storia e soddisfa il desiderio di attribuire cause. Sembra che sia la discarica in cui vanno a finire tutte le spiegazioni finché non se ne trova una più ovvia (per esempio qualche argomento evoluzionistico «sensato»). In realtà la gente tende a ingannarsi narrando a se stessa la storia dell’«identità nazionale», anche se un articolo scritto da sessantacinque autori e pubblicato in Science dimostra che si tratta di una totale invenzione (le «caratteristiche nazionali» possono andare benone per i film, possono aiutare molto in guerra, ma sono nozioni platoniche che non hanno alcuna validità empirica; eppure, per esempio, sia gli inglesi che i non inglesi credono erroneamente in un’«indole nazionale» inglese). Da un punto di vista empirico, il sesso, la classe sociale e la professione sono strumenti per la previsione del comportamento migliori rispetto alla nazionalità (un uomo svedese somiglia più a un uomo togolese che a una donna svedese, un filosofo peruviano somiglia più a un filosofo scozzese che a un bidello peruviano, e così via).

    said on 

  • 4

    Di difficile lettura, non tutto il libro è accessibile. Nel complesso è ottimo per quanto riguarda la visione d'insieme della realtà in cui viviamo e vivremo.

    said on 

  • 2

    Du maron la "curva a campana".

    Si salva solo nella parte dedicata ad aneddoti, citazioni, racconti: il 10% del libro.
    Ampissima bibliografia.

    said on 

  • 4

    Ammetto che non sono abituato a libri di filosofia e quindi ho fatto fatica a seguire certi passaggi. Comunque nel complesso mi ha colpito e fatto pensare, soprattutto nei passaggi che riguardano le n ...continue

    Ammetto che non sono abituato a libri di filosofia e quindi ho fatto fatica a seguire certi passaggi. Comunque nel complesso mi ha colpito e fatto pensare, soprattutto nei passaggi che riguardano le notizie che riceviamo.
    Direi illuminante sul rapporto che si può avere con il mondo delle notizie

    said on 

  • 3

    Questo libro secondo me colpisce alcuni bersagli nel tentativo di gettare una luce diversa sul perché facciamo spesso errori grossolani nello stimare la probabilità che un evento accada. Però è costru ...continue

    Questo libro secondo me colpisce alcuni bersagli nel tentativo di gettare una luce diversa sul perché facciamo spesso errori grossolani nello stimare la probabilità che un evento accada. Però è costruito male. Troppe ripetizioni, troppe chiacchiere a vuoto, troppa aneddotica (di norma saccente), troppe petizioni di principio (spesso non abbastanza supportate da fatti), troppi tentativi di risultare simpatico (peraltro di scarsissimo risultato) e a fronte di questo poca sostanza. Speravo molto nei tre capitoli finali, quelli che "se non siete degli esperti potete tranquillamente evitare di leggerli" (non detto: "perché tanto non li capirete"). Ero pronto a rompermi la testa per trovare finalmente "la sostanza". Ma purtroppo nel libro non c'è. Non sono un esperto, ma i due grafichini che fa vedere sono banalità. Leggendo ho capito che nella sua testa della "sostanza" c'è (da valutare poi quanta di questa è da ritenere "buona"), avevo però comprato il libro perché la dicesse anche a me!

    said on 

  • 5

    Fatto per aprire gli occhi

    Il cigno nero (2007) è un libro fatto per aprire gli occhi al lettore. Taleb scrive per aneddoti, racconta le sue esperienze, riporta esperimenti, ha un tono simpatico e scherzoso e si fa leggere con ...continue

    Il cigno nero (2007) è un libro fatto per aprire gli occhi al lettore. Taleb scrive per aneddoti, racconta le sue esperienze, riporta esperimenti, ha un tono simpatico e scherzoso e si fa leggere con piacere. Ma il messaggio che vuole dare è molto forte: la casualità, l’incertezza e gli eventi inaspettati sono molto più presenti di quanto crediamo e ci viene raccontato. Purtroppo tendiamo a negarlo, a fidarci delle nostre previsioni e a considerare i rischi “controllabili”. Soprattutto l’economia e la politica sono preda di questa illusione e sono quindi vulnerabili all’arrivo di un Cigno nero, un evento inaspettato, capace di demolire certezze e schemi consolidati, cambiando le carte in tavola. Bastò infatti scoprire un cigno nero in Australia per polverizzare millenni di osservazioni che avevano portato alla certezza che tutti i cigni fossero bianchi.

    said on 

  • 5

    io so di non sapere

    Tutto si può prevedere "meglio" ... L'imprevedibilità ha un unica soluzione non definitiva: alzare il numero delle variabili a più infinito... Cercando di non impazzire

    said on 

Sorting by