Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Book of Disquiet

By

Publisher: Allen Lane

4.4
(3275)

Language:English | Number of Pages: 544 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Chi simplified , Portuguese , Chi traditional , Italian , German , French , Catalan , Dutch , Hungarian

Isbn-10: 0713995270 | Isbn-13: 9780713995275 | Publish date:  | Edition New Ed

Translator: Richard Zenith

Also available as: Paperback , Softcover and Stapled , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Do you like The Book of Disquiet ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Fernando Pessoa was many writers in one. The Portuguese author attributed his work to literary alter egos that he called "heteronyms," each of which had a fully developed identity. When Pessoa died, he left behind a trunk filled with disorderly scraps of unpublished poems and unfinished works, among which was The Book of Disquiet. Published for the first time some fifty years after his death, this unique collection of short, aphoristic paragraphs comprises the "autobiography" of Bernardo Soares, one of Pessoa's alternate selves. Part intimate diary, part prose poetry, part descriptive narrative, captivatingly translated by Richard Zenith, The Book of Disquiet is one of the greatest works of the twentieth century.

Edited and Translated with an Introduction by Richard Zenith
Sorting by
  • 4

    Choises

    ... le immagini mutano lasciando sempre tracce dentro di noi.
    Immagini, appunto. Tabucchi non è poetico ma pittorico, di più impressionista.
    Non suono le lineette nere che compongono grafemi e divengo ...continue

    ... le immagini mutano lasciando sempre tracce dentro di noi.
    Immagini, appunto. Tabucchi non è poetico ma pittorico, di più impressionista.
    Non suono le lineette nere che compongono grafemi e divengono senso ma paesaggi, scene, rappresentazioni perennemente in movimento.
    Regge il tutto una ironia impalpabile e delicata che qui non è espressione di dissenso, critica o evitazione ma insegnamento e proposizione di alternative visioni del mondo.

    Noiosissimo, rispose Isabella, davvero noiosissimo, se non ci fossero gli ideali, per fortuna ci sono gli ideali.
    - Certo, confermò l'uomo, per fortuna nella storia ci sono gli ideali [...] e cosa mi sai dire degli ideali?
    - Che sono tutti rispettabili se uno ci crede, rispose Isabella [...] la Coca -Cola e il McDonald's sono la rovina dell'umanità, disse Isabella, lo sanno tutti [...]
    - Isabél ti posso dire una cosa in confidenza?
    L'uomo si passò un fazzoletto sulla fronte. Sudava.
    - La Coca-Cola e il McDonald's non hanno mai portato nessuno ad Auschwitz, in quei campi di sterminio di cui a scuola ti avranno parlato, invece gli ideali sì, ci avevi mai pensato, Isabél?
    - Ma quelli erano i nazisti, obiettò Isabella, gente orribile.
    - Perfettamente d'accordo, disse l'uomo, i nazisti erano gente davvero orribile, ma anche loro avevano un ideale e facevano la guerra per imporlo, dal nostro punto di vista era un ideale perverso, ma dal loro no, in quell'ideale avevano una grande fede, agli ideali bisogna starci attenti, che ne dici, Isabél? [...]

    Alternative che potrebbero allargare la mente. Lasciando a ognuno di noi e sempre la scelta. Innanzitutto di non crearci dei totemici ideali che ci diano senso, giustificazione e densità. Ideali. O meglio ideologie...

    said on 

  • 3

    Lettura molto sofferta: ho impiegato molti mesi per terminarlo. Inizialmente pensavo di ritenerlo noioso e prolisso ma il vero motivo per cui l'ho spesso abbandonato è un altro: ho scelto inconsciamen ...continue

    Lettura molto sofferta: ho impiegato molti mesi per terminarlo. Inizialmente pensavo di ritenerlo noioso e prolisso ma il vero motivo per cui l'ho spesso abbandonato è un altro: ho scelto inconsciamente di leggerlo in piccole dosi. Questo libro è molto arricchente ma genera malessere e mostra la vita come in un negativo fotografico.

    said on 

  • 5

    CATARSI

    UN PUGNO NELLO STOMACO AD OGNI RIGA. UNA LOTTA CONTINUA CON I MIEI FANTASMI E CON QUELLI DELL'AUTORE. CATARTICO MA ESTREMAMENTE DIFFICOLTOSO.

    said on 

  • 5

    Esistenzialismo come se piovesse

    Ho,con difficoltà, messo la spunta su "finito" ma è stata solo una prima passata.In realtà che questo libro mi resterà sempre accanto,credo.

    said on 

  • 5

    BEST BOOK 2015

    Pessoa non è soltanto LO scrittore portoghese ma - estendendo il pensiero di Federico Buffa che cita un certo Mourinho - come Amalia Rodriguez ed Eusebio, lui E' il Portogallo ed è capace di esserlo a ...continue

    Pessoa non è soltanto LO scrittore portoghese ma - estendendo il pensiero di Federico Buffa che cita un certo Mourinho - come Amalia Rodriguez ed Eusebio, lui E' il Portogallo ed è capace di esserlo anche solo in una frase:

    "Ho fatto naufragio senza tempesta in un mare nel quale si tocca il fondo con i piedi."

    said on 

  • 5

    Frasi dal libro

    “Nostalgia! Ho nostalgia perfino di ciò che non è stato niente per me, per l’angoscia della fuga del tempo e la malattia del mistero della vita. Volti che vedevo abitualmente nelle mie strade abituali ...continue

    “Nostalgia! Ho nostalgia perfino di ciò che non è stato niente per me, per l’angoscia della fuga del tempo e la malattia del mistero della vita. Volti che vedevo abitualmente nelle mie strade abituali: se non li vedo più mi rattristo; eppure non mi sono stati niente, se non il simbolo di tutta la vita.”
    https://frasiarzianti.wordpress.com/2015/01/29/il-libro-dellinquietudine-di-bernardo-soares-f-pessoa/

    said on 

  • 5

    Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares

    Scrivere di questo libro non è facile, perché si rischia di essere banali. Scrivere di questo libro senza guardare a tutta l'opera di Pessoa, si rischia di essere banali. Scrivere di questo libro senz ...continue

    Scrivere di questo libro non è facile, perché si rischia di essere banali. Scrivere di questo libro senza guardare a tutta l'opera di Pessoa, si rischia di essere banali. Scrivere di questo libro senza conoscere la biografia di Pessoa, si rischia di essere banali. Se continuo così rischio di essere banale......

    said on 

  • 5

    Ne parla molto bene Andrea Inglese in questo articolo che consiglio http://www.nazioneindiana.com/2011/09/29/l%E2%80%99ambigua-familiarita-del-libro-dell%E2%80%99inquietudine/

    said on 

  • 4

    La più alta Poesia in questo romanzo prende la forma di prosa. Pessoa traccia la mappa interiore del sentire di Bernardo Soares, una mappa discontinua e confusa, eppure a tratti persino troppo raziona ...continue

    La più alta Poesia in questo romanzo prende la forma di prosa. Pessoa traccia la mappa interiore del sentire di Bernardo Soares, una mappa discontinua e confusa, eppure a tratti persino troppo razionale e logica.
    La depressione e l'inquietudine di un uomo che scrive un diario di non-memorie, in quanto la sua marginalità nel mondo e agli eventi rendono la sua esistenza una non-vita, diventano protagoniste del romanzo in un universo solipsista, a discapito del personaggio principale che è semplice strumento stilistico.
    Elegante, raffinato, pulito (se si può usare come termine per descrivere un romanzo).
    Piacevole e malinconico quanto solo un'uggiosa domenica novembrina può essere.

    said on 

Sorting by