Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Boys vol. 14

Una buona preparazione e pianificazione.

Di ,

Editore: Panini Comics

3.7
(40)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8865897716 | Isbn-13: 9788865897713 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace The Boys vol. 14?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con il Piccolo Hughie ancora assente, Butcher riesamina il primo incontro dei Boys con i Sette cercando di capire cosa sia andato storto. Ma c’è del malcontento nella squadra, per non dire del ritorno di un vecchio e inaspettato nemico che, incredibilmente, ha fatto fortuna. Nel frattempo, nel quartier generale fluttuante dei Sette, una lezione di volo finisce in maniera disastrosa… L’epica dei supereroi si è fatta caustica ed estrema! Sceneggiatura di Garth Ennis (Punisher, Preacher), copertine di Darick Robertson (Nick Fury) e disegni di Russell Braun. 17x26, B., 96 pp., col.
Ordina per
  • 3

    Non so se è colpa mia, che ho letto il volume un po' di fretta oppure questo capitolo della serie The Boys è il peggiore in assoluto. Il mix tra presente e passato mi è sembrato confuso e il flashback sul primo scontro con i sette, tanto atteso, è stato una delusione totale. La trama nel compless ...continua

    Non so se è colpa mia, che ho letto il volume un po' di fretta oppure questo capitolo della serie The Boys è il peggiore in assoluto. Il mix tra presente e passato mi è sembrato confuso e il flashback sul primo scontro con i sette, tanto atteso, è stato una delusione totale. La trama nel complesso si ferma e non beneficia dei nuovi spunti presentati in più mancano momenti di genialità tipici di Ennis. Speriamo che sia solo un incidente di percorso e la serie torni dal prossimo numero ai suoi livelli abituali.

    ha scritto il 

  • 4

    E alla buon ora, ci si ricorda di usare la testa.
    Niente più inutili filler, sparito per un intero numero l'ormai logoro e quasi insopportabile personaggio di Hughie con tutti i suoi piagnistei e paturnie da bravo ragazzo un po' fesso, in questo numero è Butcher il vero protagonista, nel bene e ...continua

    E alla buon ora, ci si ricorda di usare la testa. Niente più inutili filler, sparito per un intero numero l'ormai logoro e quasi insopportabile personaggio di Hughie con tutti i suoi piagnistei e paturnie da bravo ragazzo un po' fesso, in questo numero è Butcher il vero protagonista, nel bene e nel male (per usare un infelice ma quanto mai azzeccato luogo comune). Tra eventi presenti ormai vicinissimi ad una escalation, con il Patriota sempre più instabile e la Vought in dirittura d'arrivo con il suo piano di occupazione strategica della Casa Bianca, interrotti da flashback post 11/9 con la fine della "gestione Mallory" per i Boys, quando la determinazione fredda e cieca dello spietato soldato inglese venne pagata a caro prezzo dal vecchio boss dei ragazzi in nero, viene davvero da esclamare: "dai che ci siamo" e da rileggersi i vecchi volumi per verificare che tutti gli indizi complottistici e la storia segreta dei super tornino. Lasciati fuori dal campo di battaglia i sentimenti, a questo giro si osa domandare: cosa accadrebbe in uno scontro diretto tra i Boys e i Sette? Restiamo in attesa.

    ha scritto il