Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Broken Window

By

Publisher: Hodder & Stoughton Ltd

4.0
(1495)

Language:English | Number of Pages: 448 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Chi traditional , Dutch , Japanese , German , Czech , Portuguese

Isbn-10: 034093722X | Isbn-13: 9780340937228 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Audio CD , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like The Broken Window ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Che Deaver sia nell’olimpo degli scrittori di gialli si sa, che mi piaccia da matti si sa, ma che dopo 8 libri della stessa serie non stufi non è per niente scontato; e invece ecco un altro bel thrillerone che mi ha tenuto debitamente incollato e con il fiato sospeso.
    Tra l’altro qui, oltre alla ...continue

    Che Deaver sia nell’olimpo degli scrittori di gialli si sa, che mi piaccia da matti si sa, ma che dopo 8 libri della stessa serie non stufi non è per niente scontato; e invece ecco un altro bel thrillerone che mi ha tenuto debitamente incollato e con il fiato sospeso. Tra l’altro qui, oltre alla consueta capacità di gestire l’indagine e la suspance, dosando colpi di scena, cambi di prospettiva e momenti di tensione con spiegazioni più scientifiche, c’è “l’aggravante” del tema, ossia il data mining, che è molto interessante e pone interrogativi decisamente interessanti anche al di là del romanzo: quanta della nostra vita ormai largamente digitale è registrata e spiata, e per che scopi? E cosa succede se qualcuno si mette a cambiare i dati “sui computer” come dice Deaver (il libro è del 2008 – oggi si dovrebbe dire nel cloud)? C’è qualche piccolo scivolone e/o semplificazione sulla parte tecnica, che mi ha infastidito in quanto “del settore”, ma che non inficia assolutamente il senso delle cose: dopotutto non è un manuale di hacking, ma un thiller da paura come sempre. Avanti così Jeffrey!

    said on 

  • 5

    ebook

    Nessun difetto riscontrato. L'investigatore tetraplegico ha rinunciato a suicidarsi (fin dal primo libro) e si sottopone a tanta fisioterapia. Una mente quasi extracorporea, fredda al punto giusto per capire cosa si agita nelle testoline dei serial killer.

    said on 

  • 4

    Sicuramente uno dei migliori fin qui letti, tanto da farti pensare che, forse, è meglio tornare nel 19imo secolo, quando ancora non esisteva tutta questa tecnologia.
    La storia incalza il lettore dal primo capitolo fino all'ultimo e, fino all'ultimo, non si comprende chi possa essere l'omicida.
    Da ...continue

    Sicuramente uno dei migliori fin qui letti, tanto da farti pensare che, forse, è meglio tornare nel 19imo secolo, quando ancora non esisteva tutta questa tecnologia. La storia incalza il lettore dal primo capitolo fino all'ultimo e, fino all'ultimo, non si comprende chi possa essere l'omicida. Davvero un'ottimo libro, da leggere d'un fiato.

    said on 

  • 4

    La finestra rotta

    Ottimo giallista, alcuni romanzi sono piu scorrevoli di altri. QUesto lo leggi con inquietudine perché ti senti braccata dai dati che volontariamente o meno sono inseriti in rete. TI fa pensare! Lo consiglio :-)

    said on 

  • 0

    incipit

    C’era qualcosa che la tormentava, anche se non riusciva a capire cosa ...

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/f/la-finestra-rotta-jeffery-deaver/

    said on 

  • 4

    Più che bello è inquietante. E come ho già detto per Profondo blu questo libro è ormai vecchio (5 anni nei tempi di Internet!), e magari era già vecchio e incompleto quando è stato scritto, così chissà adesso a che punto siamo... Brrr. Non lasciare traccia di sè nel WEB!!! Usare solo carta e penn ...continue

    Più che bello è inquietante. E come ho già detto per Profondo blu questo libro è ormai vecchio (5 anni nei tempi di Internet!), e magari era già vecchio e incompleto quando è stato scritto, così chissà adesso a che punto siamo... Brrr. Non lasciare traccia di sè nel WEB!!! Usare solo carta e penna!!! Ci sono sistemi di controllo e sicurezza ma... chi controlla i controllori? Per il resto come thriller è ben costruito e anche questa volta l'assassino mi ha spiazzato ero proprio convinta fosse un altro. Però considerarlo il miglior giallista... non ci riesco proprio.

    said on 

  • 4

    BUONO

    Ottimo giallo dal gran ritmo e dai numerosi colpi di scena. E' un po' prolisso in alcuni punti ma mai noioso. Il finale è bello e imprevedibile ma mi è sembrato un po' forzato in un paio di circostanze.

    said on 

  • 3

    Caterina:

    E' un volume corposo, che solo chi ama Deaver può leggere in un fiato per due notti di seguito (YUC!!).
    Deaver ritrova i suoi personaggi soliti, quelli che ci hanno accompagnato negli altri libri thriller.
    Il criminalista Rhyme e i suoi colleghi della scientifica.
    terrore, alta tensione, romantic ...continue

    E' un volume corposo, che solo chi ama Deaver può leggere in un fiato per due notti di seguito (YUC!!). Deaver ritrova i suoi personaggi soliti, quelli che ci hanno accompagnato negli altri libri thriller. Il criminalista Rhyme e i suoi colleghi della scientifica. terrore, alta tensione, romanticismo, adrenalina. Un vero portento, che tra l'altro mette in ballo un argomento molto controverso di questi tempi, il rispetto alla privacy di ognuno di noi nell'era di internet. Benissimo sotto l'ombrellone.

    said on 

Sorting by