Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Brooklyn Follies

By Paul Auster

(38)

| Hardcover | 9780571224975

Like The Brooklyn Follies ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

So begins Paul Auster's remarkable new novel, "The Brooklyn Follies". Set against the backdrop of the contested US election of 2000, it tells the story of Nathan and Tom, an uncle and nephew double-act. One in remission from lung cancer, divorced, an Continue

So begins Paul Auster's remarkable new novel, "The Brooklyn Follies". Set against the backdrop of the contested US election of 2000, it tells the story of Nathan and Tom, an uncle and nephew double-act. One in remission from lung cancer, divorced, and estranged from his only daughter, the other hiding away from his once-promising academic career, and life in general. Having accidentally ended up in the same Brooklyn neighbourhood, they discover a community teeming with life and passion. When Lucy, the little girl who refuses to speak, comes into their lives there is suddenly a bridge from their pasts that may offer them the possibility of redemption. Filled with stories and characters, mystery and fraud, these lives intertwine and become bound together as Auster brilliantly explores the wider terrain of contemporary America - a crucible of broken dreams and of human folly.

545 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Stavo cercando un posto tranquillo per morire. Qualcuno mi raccomandò Brooklyn". Un incipit simile pare aprire la strada ad un romanzo sulla vecchiaia e l'attesa della morte, invece Paul Auster ridona vita al suo protagonista immergendolo nella viva ...(continue)

    "Stavo cercando un posto tranquillo per morire. Qualcuno mi raccomandò Brooklyn". Un incipit simile pare aprire la strada ad un romanzo sulla vecchiaia e l'attesa della morte, invece Paul Auster ridona vita al suo protagonista immergendolo nella vivace realtà di Brooklyn e in una serie di eventi ed incontri. specialmente incontri, dato che la vita si compone principalmente di incontri e grazie ad essi muta e si ridefinisce. e questo può accadere ad ogni età, anche quando si è ormai convinti di dover solo cercare un posto tranquillo per morire.

    Is this helpful?

    Marco said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Leggere Paul Auster è sempre un piacere, e certe volte rimpiango di non avere il tempo e la passione da dedicare alla narrativa. Alcuni tipi di lettura dovrebbero essere patrimonio universale dell'umanità, perchè racchiudono un insieme di pensieri e ...(continue)

    Leggere Paul Auster è sempre un piacere, e certe volte rimpiango di non avere il tempo e la passione da dedicare alla narrativa. Alcuni tipi di lettura dovrebbero essere patrimonio universale dell'umanità, perchè racchiudono un insieme di pensieri e dialoghi così profondi da poter toccare con mano. Auster muove i suoi personaggi in una staffetta di racconti ed aneddoti di vita quotidiana, reale, genuina. Anche il finale netto e tagliato con garbo, pur non sorprendendo riesce a toccarti e lasciarti dentro un qualcosa di molto prezioso. Le elucubrazioni sono incisive, ma al tempo stesso possono risultare innate ed è impossibile non immedesimare se stessi o un nostro conoscente in uno qualsiasi dei personaggi, creati in maniera molto profonda. ognuno ha infatti un carattere massiccio, con tanto di forze e debolezze. Lo stile poi si fa apprezzare a più riprese, rendendo il lavoro unico ed originale.

    Is this helpful?

    Old_Glory said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Adoro Paul Auster, per i suoi pensieri, ma soprattutto per la sua scrittura .

    Is this helpful?

    Valepaz said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

  • 8 people find this helpful

    Gioco d'azzardo

    "Che te ne fai della conoscenza se non la usi per impedire ai tuoi amici di venire fatti a pezzi?"
    Come Cassandra: avere il dono della profezia e la dannazione di non essere creduti. Dall'esterno è semplice essere obiettivi. Chi però è emotiva ...(continue)

    "Che te ne fai della conoscenza se non la usi per impedire ai tuoi amici di venire fatti a pezzi?"
    Come Cassandra: avere il dono della profezia e la dannazione di non essere creduti. Dall'esterno è semplice essere obiettivi. Chi però è emotivamente coinvolto non ha scampo. Non vede. Non sente. Non percepisce. E' travolto dalla follia, dalla perdita della ragione. E al diavolo le regole, il sistema, le aspettative degli altri! Vero, ci si può sempre rifugiare in un mondo interiore e continuare a sognare all'infinito. A ognuno la scelta di agire (con possibili rimorsi) o no (con possibili rimpianti).
    Rien ne va plus, les jeux sont faits, ma si ha tempo di puntare fino a quando la pallina non è in movimento.

    http://www.youtube.com/watch?v=ZK9I0NOebsU

    Is this helpful?

    dascama said on Jun 15, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Auster es muy buen escritor, la novela es muy amena en todo momento y los personajes me han gustado, pero el argumento me ha parecido bastante flojo. La historia va de un lado a otro, tocando muchos temas sin profundizar en ninguno. Espero mucho mas ...(continue)

    Auster es muy buen escritor, la novela es muy amena en todo momento y los personajes me han gustado, pero el argumento me ha parecido bastante flojo. La historia va de un lado a otro, tocando muchos temas sin profundizar en ninguno. Espero mucho mas de Paul Auster.

    Is this helpful?

    grimaud said on Apr 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nathan Glass è un pensionato appena guarito da un cancro ai polmoni che, separatosi dalla moglie e in grosse difficoltà nel mantenere dei rapporti pacifici con la figlia Rachel, torna nel suo quartiere d'infanzia, Brooklyn, alla ricerca di «un posto ...(continue)

    Nathan Glass è un pensionato appena guarito da un cancro ai polmoni che, separatosi dalla moglie e in grosse difficoltà nel mantenere dei rapporti pacifici con la figlia Rachel, torna nel suo quartiere d'infanzia, Brooklyn, alla ricerca di «un posto tranquillo per morire». Inaspettatamente, si imbatte nel figlio della sua defunta sorella, Tom, che lavora per un commerciante di libri che si fa chiamare Harry Brightman, ma che nasconde un passato di illegalità. Nathan riscopre il profondo legame con Tom, si affeziona a Harry e a tutti i personaggi che animano le sue giornate: l'affascinante Nancy, detta B.P.M. (Bellissima e Perfetta Madre), sua madre Joyce, l'avvenente Marina Sanchez e Rufus, il compagno di Harry. L'improvviso arrivo in città di Lucy, la figlia di Aurora, sorella di Tom, e l'impossibilità di rintracciarne la madre crea notevole scompiglio, finché Nathan, ristorato da questa ventata di affetti familiari e non, si scopre il cavaliere protettore di ciascuno di loro, spingendo Tom all'amore, lanciandosi nel salvataggio della nipote, tentando di tornare ad essere un buon padre e lottando per l'attività in pericolo di Harry. Solo all'avvenimento destinato a consumarsi la mattina in cu il racconto si conclude è sottratto all'azione eroica di Nathan.

    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2014/04/follie-di-…

    Is this helpful?

    Cristina - Athenae Noctua said on Apr 19, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book