Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Broom of the System

By David Foster Wallace

(64)

| Paperback | 9780349109237

Like The Broom of the System ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

A visionary, a craftsman, a comedian and as serious as it is possible to be without accidentally writing a religious text. He can do anything with a piece of prose, and it is a humbling experience to see him go to work on what has passed up till now Continue

A visionary, a craftsman, a comedian and as serious as it is possible to be without accidentally writing a religious text. He can do anything with a piece of prose, and it is a humbling experience to see him go to work on what has passed up till now as "modern fiction". He's so modern he's in a different time-space continuum from the rest of us. Goddamn him' Zadie Smith The mysterious disappearance of her great- grandmother and twenty-five other elderly inmates from a Shaker Heights nursing home has left Lenore Stonecipher Beadsman emotionally stranded on the edge of the Great Ohio Desert. But that is simply one problem of many for the hapless switchboard operator, seriously compounded by her ongoing affair with boss Rick Vigorous; the TV stardom of her talking cockatiel, Vlad the Impaler; and other minor catastrophes that threaten to elevate Lenore's search for love and self-detemination to new heights of spasmodic weirdness.

437 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Da novellina

    Allora, scrivo questa recensione a distanza di tempo. La verità è che non so esattamente cosa scrivere, ma è un libro che mi ha colpito e quindi ho deciso di scriverci su qualcosa. Parto dal fatto che non ho mai letto Wallace e che da qualche anno fi ...(continue)

    Allora, scrivo questa recensione a distanza di tempo. La verità è che non so esattamente cosa scrivere, ma è un libro che mi ha colpito e quindi ho deciso di scriverci su qualcosa. Parto dal fatto che non ho mai letto Wallace e che da qualche anno fisso "Infinite Jest", un po' come una sfida e un po' perché mi attira, nelle librerie. Non essendomi mai imbattuta nell'autore però ho deciso di partire da qualcosa di più fattibile*. Questo libro mi è piaciuto parecchio. Ho letto parecchie recensioni e di alcuni che dicevano che non ci fosse un nesso logico, che ci fossero personaggi a caso e che ad un certo punto la maggior parte dei dialoghi, giacché inconcludenti, risultassero noiosi. Io non ho riscontrato nessuno dei punti precedenti: a/b) anche se frammentario, il nesso logico c'è. Ogni personaggio è perfettamente collegato, anche se da un filo sottilissimo, o almeno, è un veicolo che scatena un'azione. È un libro da leggere con la dovuta attenzione, perché c'ho che sfugge può essere un dettaglio importante. Questo mi fa capire che non è una lettura per tutti. Ok, il finale "non c'è" ma sinceramente non lo ritengo una mancanza rilevante. c) I discorsi senza attinenza non li ho trovati noiosi, anzi sono particolarmente divertenti sopratutto perché fuori contesto. Ho subito pensato a quei dialoghi che aprono i film di Tarantino. Avete presente il discorso iniziale ne "Le Iene" sulle mance da dare alle cameriere?
    Io credo che l'approccio a questo libro non debba essere di pretesa, ma bisogna lasciarsi trasportare dal flusso e dagli eventi delineati dall'autore. L'ho visto come un devertissement, una sperimentazione che ho apprezzato parecchio. Ho adorato le metafore esagerate e il metatesto, per non parlare del personaggio di Lenore.

    *numero di pagine

    Is this helpful?

    Frances said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' sempre DFW ma è terribilmente e inequivocabilmente acerbo.

    Is this helpful?

    Armando said on Sep 19, 2014 | 1 feedback

  • 4 people find this helpful

    Allora. Parce sepulto, diceva quello. E io lo parco il sepulto, eccome se lo parco. La prima volta che ho sentito parlare di David Foster Wallace è stata quando è morto. Prima, mai. E per qualche giorno mi era sembrato che non averlo letto - dai, ...(continue)

    Allora. Parce sepulto, diceva quello. E io lo parco il sepulto, eccome se lo parco. La prima volta che ho sentito parlare di David Foster Wallace è stata quando è morto. Prima, mai. E per qualche giorno mi era sembrato che non averlo letto - dai, non hai letto Infinite Jest? E neanche La scopa del sistema? - fosse una terribile colpa da espiare al più presto. Insomma, devo confessare che ero un po' preoccupato: questo signore americano qua, un mezzo genio mezzo drogato mezzo alcolizzato mezzo depresso mezzo matto, si è suicidato a quarantasei anni nella mia più totale inconsapevolezza. Un tarlo lo divorava dall’interno, hanno scritto i migliori coccodrillisti, e io felice e contento, indifferente ai suoi drammi. Che vergogna. Per espiare sono corso in libreria e ho preso un suo libro a caso – Oblio – perché di solito faccio così: quando voglio iniziare un autore o parto cronologicamente o parto con un libro a caso. A rifletterci bene, non è che ci siano altri modi, ma mi piace pensare di mettere in pratica sagaci strategie. Sono tornato a casa, ho letto un racconto, forse due, al limite tre, e mi sono detto che no, non ero pronto per la superba scrittura del maestro contemporaneo. Nel frattempo la moda DFW un po’ è scemata. Gli articoli celebrativi sono diminuiti e insomma, il nostro genio è stato un po’ meno considerato. Ma sempre genio è rimasto: le poche righe apparse qua e là sulla stampa tenevano in gran considerazione la sua opera. Per tacere, poi, delle recensioni entusiaste dei lettori su forum, blog e social network. Allora sono io, mi sono detto. Avrò sbagliato libro, ho provato a spiegarmi. Qua bisogna tentare di nuovo, mi sono convinto. Stavolta parto in ordine, ho infine deciso. Ho preso in mano La scopa del sistema, ben consapevole di trovarmi di fronte all’opera struggente di un formidabile genio, e mi sono lasciato andare. Sarebbe stato meglio se mi fossi messo a leggere le possenti riflessioni di Christian Raimo. Non ce la faccio, proprio non capisco DFW. Una storia insulsa che nemmeno c’è, personaggi abbozzati, accennati, lasciati a metà. Artifici verbali a gogò, che poi diventano solo verbosità artificiale. Bisogna sospendere l’incredulità, e spesso pure la noia. Fuori c’è un bel sole, in tv c’è la Premier League, le figlie chiamano, la moglie pure. Ma chi me lo fa fare a me? Un libro mi deve prima di tutto divertire. E per divertirmi deve soddisfare due condizioni principali: ci deve essere una storia e lo scrittore deve comparire il meno possibile. Qua la storia… tu c’hai capito qualcosa? E il narratore è onnipresente, ok DFW sei bravo bravissimo, però spostati, lèvati, ho capito che ci tieni tanto a mostrarmi quanto sia bello e forte e figo, fammi leggere il libro però. Non hai capito, dice quello, DFW scrive una storia senza senso perché il mondo è senza senso, la vita è senza senso, tutto è senza senso. Più di cinquecento pagine per sostenere una roba che Vasco Rossi, dico Vasco Rossi, ha riassunto in un mirabile verso: questa storia una senso non ce l’ha... Va bene da ragazzino, quando ogni autore un po’ audace ti fa scoprire delle cose nuove, però Cecco Angiolieri si studia a quattordici anni, dopo c’è anche dell’altro. Dopo si cresce e si va avanti e che la vita non abbia senso, caro adolescente brufoloso, lo abbiamo capito già da un pezzo. Se proprio devi continuare a ripeterlo, trova almeno un modo un po’ originale per farlo. Per esempio con un romanzo. O con una storia. Io non capisco come possa entusiasmare questa letteratura qua. È l’equivalente affettato e intelligente dei libri Harmony. È un’enorme presa per il culo in cui addetti ai lavori e lettori si trascinano estasiati, contenti di far parte di qualcosa che poco comprendono ma che bisogna apprezzare per partito preso. Una specie di meccanismo identitario: ho letto DFW e ne capisco di letteratura; ho letto DFW e accidenti se ne so; ho letto DFW e l’America contemporanea ora ve la spiego io. E se invece non lo leggiamo e capiamo siamo solo dei rozzi bifolchi, come Remo e Augusta alla Biennale di Venezia. Il tutto, ovviamente, in attesa che un redivivo Fantozzi si alzi in piedi e urli ai quattro venti che siamo di fronte solo all’ennesima cagata pazzesca.

    Is this helpful?

    stefano said on Sep 15, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Note si Note no

    anche a questo libro i link alle note funzionano ad intermittenza-; con pazienza accedo ai segreti celati a fondo capitolo..
    _____________________________________________________
    possibile che a tutti questo libro è piaciuto di più ed a me piaccia di ...(continue)

    anche a questo libro i link alle note funzionano ad intermittenza-; con pazienza accedo ai segreti celati a fondo capitolo..
    _____________________________________________________
    possibile che a tutti questo libro è piaciuto di più ed a me piaccia di meno di infinite jest?? pare di si, ma sono solo a metà , c'è ancora l'altra metà..
    _________________________________________________________

    bello, si, si, si ma IJ è meglio

    Is this helpful?

    Sere said on Aug 28, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Lui è un genio della scrittura ... ma la trama è talmente contorta che alla fine non ha un senso

    Is this helpful?

    b1984 said on Aug 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    No sé com valorar aquest llibre. És una anada d'olla monumental, sembla les "parides" que escrivíem amb els companys quan estudiàvem batxillerat... Podria ser l'argument de qualsevol pel·lícula d'aquestes d'humor americà gamberro.

    Is this helpful?

    Carla said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book