Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Clockwork Angel

The Infernal Devices #1

By

Publisher: Margaret K. McElderry

4.2
(1441)

Language:English | Number of Pages: 496 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , Catalan , Italian

Isbn-10: 1416975861 | Isbn-13: 9781416975861 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Others , Paperback , Mass Market Paperback , Audio CD , Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like The Clockwork Angel ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Magic is dangerous—but love is more dangerous still.

When sixteen-year-old Tessa Gray crosses the ocean to find her brother, her destination is England, the time is the reign of Queen Victoria, and something terrifying is waiting for her in London's Downworld, where vampires, warlocks and other supernatural folk stalk the gaslit streets. Only the Shadowhunters, warriors dedicated to ridding the world of demons, keep order amidst the chaos.

Kidnapped by the mysterious Dark Sisters, members of a secret organization called The Pandemonium Club, Tessa soon learns that she herself is a Downworlder with a rare ability: the power to transform, at will, into another person. What's more, the Magister, the shadowy figure who runs the Club, will stop at nothing to claim Tessa's power for his own.

Friendless and hunted, Tessa takes refuge with the Shadowhunters of the London Institute, who swear to find her brother if she will use her power to help them. She soon finds herself fascinated by—and torn between—two best friends: James, whose fragile beauty hides a deadly secret, and blue-eyed Will, whose caustic wit and volatile moods keep everyone in his life at arm's length...everyone, that is, but Tessa. As their search draws them deep into the heart of an arcane plot that threatens to destroy the Shadowhunters, Tessa realizes that she may need to choose between saving her brother and helping her new friends save the world...and that love may be the most dangerous magic of all.
Sorting by
  • 3

    Oggi o ieri? Sempre!

    Non importa il secolo in cui si muovono: Gli Shadowhunters ti rapiscono in qualunque epoca... Se poi la trilogia e ambientata nel 1878 e i protagonisti sono perfettamente come dovrebbero essere... Beh non ci si può non innamorare.. Consigliatoooo :)

    said on 

  • 2

    In realtà... solita solfa!!!

    La Clare è sempre molto scorrevole nei suoi scritti e per questo non posso che apprezzarla.... purtroppo ambientazione diversa a parte.. la storia non si scosta minimamente da quella precedente!!!! Libri ormai presi e quindi da leggere!!!

    said on 

  • 3

    Le aspettative per questa nuova ( per me) saga della Clare erano molto alte, visto quanto mi erano piaciuti gli altri suoi libri sugli Shadowhunters. L'Angelo mi è piaciuto, però purtroppo devo dire che è stato abbastanza al di sotto delle mie speranze, tanto che nel giudizio che gli ho dato su G ...continue

    Le aspettative per questa nuova ( per me) saga della Clare erano molto alte, visto quanto mi erano piaciuti gli altri suoi libri sugli Shadowhunters. L'Angelo mi è piaciuto, però purtroppo devo dire che è stato abbastanza al di sotto delle mie speranze, tanto che nel giudizio che gli ho dato su Goodreads si è preso solo tre tristi stelline.
    Da un lato però sono contenta, perché posso dimostrare - a me stessa inclusa - che Clare o non Clare, Shadowhunters o non Shadowhunters, sono ancora capace di riconoscere un libro fantastico da uno che ha avuto successo per un motivo o per un altro. Insomma, il fatto che abbia sempre decantato le lodi di questa scrittrice non significa affatto che non possa parlare male di un suo libro, se questo non mi soddisfa.

    recensione completa sul mio blog: http://libridelcuorecuoridilibri.blogspot.it/2014/10/recensione-shadowhunters-le-origini.html

    said on 

  • 2

    Ho avuto un rapporto di odio/amore (mooolto sbilanciato sull'odio) verso questo libro..
    Ho riscontrato i soliti problemi con l'italiano (come in Città di ossa).. Era il mio essere in mezzo ai tedeschi che mi confondeva, oppure ogni tanto c'erano frasi che non avevano alcun senso!
    La s ...continue

    Ho avuto un rapporto di odio/amore (mooolto sbilanciato sull'odio) verso questo libro..
    Ho riscontrato i soliti problemi con l'italiano (come in Città di ossa).. Era il mio essere in mezzo ai tedeschi che mi confondeva, oppure ogni tanto c'erano frasi che non avevano alcun senso!
    La storia per una buona metà dell libro mi ha proprio annoiata, e anche la parte finale (dove per lo meno succede qualcosa) non è stata così incisiva.
    Passiamo poi al tasto dolente: i personaggi! Mi son sembrati tutti una copia di quelli di TMI..
    Tess l'ho trovata molto simile a Clary (forse un pelino meno odiosa), solo che è in fissa con i libri e non il disegno; da sola combina poco o nulla e il paragonare la sua situazione con Will con Elizabeth/Mr.Darcy m'ha fatto venire l'orticaria!!!
    Will --> è un Jace 2.0 fatto e finito (o forse sarebbe meglio dire che Jace è un Will 2.0!!)
    Jem è l'unico che ha in qualche modo attirato il mio interesse e poi una volta spiegata la sua "infermità" è diventato il mio tesorino <3
    Gli altri personaggi sono più o meno abbozzati e caratterizzati a colpi d'accetta, gli stereotipi abbondano!

    Ho seri dubbi se continuare o meno la trilogia.. Peccato!

    said on 

  • 5

    Sarà che io non ho ancora letto la serie principale..ma a me è piaciuto molto! In realtà non avevo grandi aspettative,tutto il mondo shadowhunters mi faceva pensare a qualcosa di vecchio e noioso,dopo la lettura mi sono ricreduto completamente!

    said on 

  • 3

    Con questo libro non ho mai avuto un bel rapporto. Lo lessi appena uscito, fresco di stampa, e avrei voluto davvero gettarlo dalla finestra. Peccato che non ricordo molto altro della prima lettura, se non questa sensazione di fastidio e di delusione. Non ricordavo nemmeno che ci fosse già Jem cos ...continue

    Con questo libro non ho mai avuto un bel rapporto. Lo lessi appena uscito, fresco di stampa, e avrei voluto davvero gettarlo dalla finestra. Peccato che non ricordo molto altro della prima lettura, se non questa sensazione di fastidio e di delusione. Non ricordavo nemmeno che ci fosse già Jem così presente in questo libro, immaginate! Però mi sono decisa a finire la trilogia, perchè era un peccato lasciarla così e quindi eccomi qui a darmi le mie impressioni alla seconda lettura (tre anni dopo la prima).

    Lo stile della Clare mi è sempre piaciuto, devo ammetterlo. I suoi primi libri erano molto più semplici, ma comunque molto scorrevoli e belli. Con l'esperienza però lo stile è maturato davvero molto, cosa che già si avverte ne Le Origini ma che è ancora più evidente da Città degli angeli caduti in poi.

    Questa trilogia ha una sola cosa che non sono ancora riuscita a digerire. E' costantemente presente una nota di steampunk che non mi fa impazzire. Londra vittoriana? La adoro! Automi e meccanismi? Ma anche no.
    Ma questo è solo un mio personale problema col genere in sè, quindi non posso lamentarmi troppo.

    Lo sapete che tutti amano alla follia Will Herondale? Beh, devo dire che dopo la lettura del solo primo libro non riesco proprio a capirli. Ovviamente il suo meraviglioso faccino, capelli scuri e occhi azzurri, aiutano nell'immaginarlo davvero molto... affascinante. Ma è così scontroso! Sembra che a lui importi solo di Jem, che sia l'unica persona a cui tiene davvero, però poi se ne salta fuori con frasi o azioni che ti fanno pensare tutto il contrario. Tutto per poi tornare sui suoi passi e chiudersi in se stesso. Non lo capisco, e questo mi da sui nervi ancor più della sua sfacciataggine.
    Tessa, se in un primo momento non mi era stata molto simpatica, mi va già un po' più a genio, devo ammetterlo. E' più sveglia di quanto ricordavo, anche se le protagoniste della Clare prendono sempre decisioni sciocche, ma tant'è.
    Il migliore lo riservo per ultimo. A me piace Jem. Occhi e capelli argentei, gentile, forte ma con qualche debolezza che lo rende estremamente umano. Spero davvero che non gli capiti nulla di brutto.
    Sono anche curiosa di scoprire qualcosa di più su tutti gli altri personaggi: Charlotte ed Henry, che sono tanto carini; Jessamine, che spero si riveli meglio di quel che sembra; Magnus, che conosciamo già ma non l'abbiamo mai visto in quest'epoca.

    Spero che gli altri due libri mi sorprendano come questo, ma alla prima lettura sta volta!

    said on 

  • 1

    Impasse

    Se mi dite che è una fanfiction, cambio il numero di stelline!
    Non sembra assolutamente un prodotto della Clare, da tanto che è approssimativo: sembra invece la creazione da parte del fandom, frutto di tanto affetto ma poche idee e pure confuse.
    Manca ordine ed equilibrio, le scene so ...continue

    Se mi dite che è una fanfiction, cambio il numero di stelline!
    Non sembra assolutamente un prodotto della Clare, da tanto che è approssimativo: sembra invece la creazione da parte del fandom, frutto di tanto affetto ma poche idee e pure confuse.
    Manca ordine ed equilibrio, le scene sono buttate lì a casaccio senza apparenti nessi logici, la trama è scarsa se non assente (c'è un cattivo, peraltro panzone, mamma mia che rivoluzione letteraria!), i protagonisti sono solo abbozzati, fortemente standardizzati, e sembrano un collage di tutti quelli che abbiamo visto in TMI (uno tra tutti, Will).
    La protagonista non ha un minimo di coerenza né con se stessa, né con l'epoca nella quale "dovrebbe" essere nata e cresciuta; è estremamente inutile e incomprensibile, per cui l'identificazione lettore\protagonista risulta impossibile. Persino tollerare questo personaggio è difficile.
    Per il resto, oltre al fatto che tutti, a partire dalla A fino alla Z, sono un prontuario di cliché triti e ritriti, la trama non ingrana, non è verosimile, e la sensazione che si ha alla fine della lettura è di: sconcerto. Raramente ho visto una trilogia (e grazie a dio non è una millelogia) partire da basi così deboli.
    Infine, vorrei parlare delle citazioni.
    A inizio capitolo, ci sono sempre dei versi tratti dalle stesse tre-quattro opere, che non sono mai né particolarmente belli, né particolarmente azzeccati: devono solo dare l'idea che la scrittrice sia colta e che la protagonista ami i libri. Per il resto, sono assolutamente inutili e irrilevanti, un'assurdo spreco di energia che la Clare avrebbe potuto impiegare per dare un'ossatura più robusta al libro. Ma questo è il meno. Will e Tessa, all'interno del romanzo, si parlano attraverso citazioni, lunghissime citazioni pesanti, inutili, infinite, come quando guardi un cartone Disney, senti partire la musica e dici "Oh cielo, ci risiamo, ecco un'altra canzone". Non. Finiscono. Più.
    Sono una disperazione. Io mi rifiuto di credere che due persone possano essere così dissociate da parlare così, senza peraltro comunicare davvero, mi rifiuto di credere che siano personaggi ritenuti "affascinanti". In TMI le citazioni erano poche, accettabili e gradite, ma qui sono uno strazio, sono la morte della letteratura, sono il male reincarnato.
    Consiglio: fatevi prestare il libro. Non spendete soldi per una roba del genere. Però, se può consolare, il secondo volume è mooolto più bello.

    said on 

  • 5

    Cassandra Clare se ha ganado una vez más a los fans con Ángel Mecánico.

    La primera parte de esta trilogía basada en los orígenes de los Cazadores de Sombras es simplemente deliciosa y adictiva, como un buen trozo de tarta de chocolate.


    Ángel Mecánico nos presenta el mundo los Cazadores de Sombras totalmente renovado: con personajes nuevos y una nueva trama re ...continue

    La primera parte de esta trilogía basada en los orígenes de los Cazadores de Sombras es simplemente deliciosa y adictiva, como un buen trozo de tarta de chocolate.

    Ángel Mecánico nos presenta el mundo los Cazadores de Sombras totalmente renovado: con personajes nuevos y una nueva trama realmente bien pensada, eso sí, siempre manteniendo el espíritu de los Cazadores de Sombras que tanto nos gusta a los fans de la serie.

    Los personajes principales con los que nos encontramos en esta primera parte de la trilogía son mucho más complejos que los que conocemos de la saga original. Hay varios que son interesantes, pero en esta ocasión quiero centrarme en tres:

    En primer lugar quiero hablaros sobre la protagonista, Tessa Gray, una chica de la época que me ha sorprendido gratamente. Tessa tiene lo que me gusta en una protagonista femenina: fuerza, independencia, espíritu de lucha y ese toque de inocencia que en lugar de hacerla repulsiva la hace ser tierna y adorable. Además le encanta leer, cosa que a mi personalmente hizo que terminara de ganarme.

    En segundo lugar se encuentra Jem, uno de los Cazadores de Sombras que Tessa encuentra en el Instituto. Sin duda alguna es adorable, es atento, dulce, bueno, amable y buen luchador y hace que la estancia de Tessa en el Instituto sea cómoda y se sienta como una más de la familia nefilim. Me encanta su modo de hablar y su historia personal le hace ser más genial todavía. Espero que en los dos libros que quedan se sepa más de él y salga mucho más.

    Por último este trío lo cierra Will. Se puede decir que es el Jace de la época (para los que también han leído la saga base de los Cazadores de Sombras) es hiriente y bastante creído, no me gusta el modo que tiene de tratar a las personas que viven con él y ese escudo que se ha formado lo único que hace es degradar a su personaje. Quizás cambie en los dos libros que quedan, pero mucho tiene que pasar me temo.

    Tengo muchas ganas de seguir con la segunda parte “Príncipe Mecánico” porque la historia está muy abierta y estoy deseando saber que aventuras les espera a este trío, y también espero que haya más luchas, más vampiros y demonios y mucho más Cazadores de Sombras.

    Nota: 9 “Cassandra Clare se ha ganado una vez más a los fans con Ángel Mecánico.”

    said on 

  • 4

    Molto bello, davvero , ma ho preferito la serie originale. Forse non mi ha coinvolto abbastanza perché sono rimasta affezionata ai personaggi della serie principale e devo dire che mi mancano un pò.
    Però anche questa serie sembra promettente anche se di questo libro mi sono emozionata solo ...continue

    Molto bello, davvero , ma ho preferito la serie originale. Forse non mi ha coinvolto abbastanza perché sono rimasta affezionata ai personaggi della serie principale e devo dire che mi mancano un pò.
    Però anche questa serie sembra promettente anche se di questo libro mi sono emozionata solo in poche parti.

    said on 

Sorting by