Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Colossus of Maroussi

By Henry Miller

(4)

| Paperback | 9781840245851

Like The Colossus of Maroussi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Out of the sea, as if Homer himself had arranged it for me, the islands bobbed up, lonely, deserted, mysterious in the fading light...I had everything a man could desire, and I knew it. I knew too that I might never have it again. I felt the war comi Continue

Out of the sea, as if Homer himself had arranged it for me, the islands bobbed up, lonely, deserted, mysterious in the fading light...I had everything a man could desire, and I knew it. I knew too that I might never have it again. I felt the war coming on - it was getting closer and closer every day. For a little while yet there would be peace and men might still behave like human beings. Just before the outbreak of World War II, the American Henry Miller, who had been living in Paris after the publication of his novels "Tropic of Cancer" and "Tropic of Capricorn", took a boat to Athens in the heat of summer. There he met his friend Lawrence Durrell, who took him to Corfu. Miller's exploration of Greece - Athens, the islands and the Pelopponese - was later described by him as the 'high water mark in life's adventures thus far'. In beautiful and passionate prose, he perfectly captures the splendour and magic of the country, concentrating not only on the landscape but also the people. His classic narrative is peppered with fabulous portraits of poets and artists, chief among them Katsimbalis, the Colossus himself.

24 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Caro Henry, non ti riconosco più. Ho letto qualsiasi cosa di tuo, fammi un favore: torna a scrivere di New York, torna a scrivere di Parigi, ma la Grecia non fa per te!

    Is this helpful?

    Eugen said on Jul 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Miller! Miller! e ancora Miller!

    ...il mio scrittore preferito, che dire? prosa incantevole, discorsi indiretti che si arrampicano sulle colline della Grecia e poi schizzano velocissimi fino al mare, delfi, la pioggia che annega la terra, il sole e gli amici di sempre. Miller è inar ...(continue)

    ...il mio scrittore preferito, che dire? prosa incantevole, discorsi indiretti che si arrampicano sulle colline della Grecia e poi schizzano velocissimi fino al mare, delfi, la pioggia che annega la terra, il sole e gli amici di sempre. Miller è inarrivabile. consigliato solo ai suoi cultori...

    Is this helpful?

    Kuda Bandos said on Mar 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro disordinato, a tratti un po' pesante, una specie di flusso di coscienza, un viaggio iniziatico, che, però, ha dei momenti di lirismo e di "verità" rari in letteratura. Non solo nel parlare della Grecia e dei greci, ma anche nella personale p ...(continue)

    Un libro disordinato, a tratti un po' pesante, una specie di flusso di coscienza, un viaggio iniziatico, che, però, ha dei momenti di lirismo e di "verità" rari in letteratura. Non solo nel parlare della Grecia e dei greci, ma anche nella personale percezione dell'arte.

    Vivere creativamente, ho scoperto, significa vivere sempre meno egoisticamente, vivere sempre più dentro il mondo, identificandosi con il mondo e influenzandolo per così dire nel nocciolo. L'arte, come la religione, è soltanto, mi sembra adesso, una preparazione, una iniziazione al modo di vivere. La meta è la liberazione, essere liberi, che significa assumere una maggiore responsabilità. Continuare a scrivere superato il punto di realizzazione di sé sembra futile e frenante. La padronanza di una qualsiasi forma di espressione dovrebbe portare inevitabilmente all'espressione finale; la padronanza della vita. In questa sfera si è assolutamente soli, faccia a faccia con gli elementi stessi della creazione. È un esperimento il cui risultato nessuno può prevedere. Se riesce, il mondo intero ne è toccato, e in un modo mai prima conosciuto.

    Atene sfavilla come un lampadario; sfavilla come un lampadario in una stanza nuda rivestita di piastrelle. Ma ciò che le dà quella sua qualità senza pari, nonostante l'illuminazione eccessiva, è la dolcezza che essa conserva nell'abbagliante splendore. È come se il cielo, fattosi più liquescente, più tangibile, si fosse abbassato a riempire ogni fessura con un fluido magnetico. Atene nuota in un effluvio elettrico che proviene direttamente dai cieli; che influisce non solo sui nervi e sugli organi sensori del corpo ma sull'essere interiore. Si può stare su ogni minima elevazione nel cuore stesso di Atene e percepire il nesso molto concreto che l'uomo ha con gli altri mondi di luce.

    Sono di Atene, e ovviamente di parte.

    Is this helpful?

    Ajudante de guardalivros said on Mar 23, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'importanza di chiamarsi Henry Miller

    << Dico che c'erano dei che vagavano dappertutto, uomini come noi in forma e sostanza, ma liberi, elettricamente liberi.Quando partirono da questa terra portarono con sé l'unico segreto che a loro non strapperemo mai finché anche noi non ci sar ...(continue)

    << Dico che c'erano dei che vagavano dappertutto, uomini come noi in forma e sostanza, ma liberi, elettricamente liberi.Quando partirono da questa terra portarono con sé l'unico segreto che a loro non strapperemo mai finché anche noi non ci saremo rifatti liberi. Sapremo un giorno che cosa sia avere vita eterna: quando avremo smesso di uccidere. Qui in questo luogo, ora dedicato alla memoria di Agamennone, qualche turpe crimine occulto annientò le speranze dell'uomo.Due mondi giacciono giustapposti, uno anteriore, uno posteriore al crimine. Il crimine contiene l'enigma, profondo come la salvezza stessa.... Possiamo scavare in eterno, come talpe, ma la paura sarà sempre sopra di noi, artigliandoci, violentandoci alle spalle. >>

    C'è sempre una domanda che rivolgiamo a noi stessi quando ci avviciniamo alle pagine di Henry Miller ed è la seguente: saremo mai capaci di tanto? Miller, a proposito della Grecia, dice che è un viaggio da fare solo quando ci si sente davvero pronti. Aggiunge, splendidamente, che il "desiderio" non è qualcosa di diverso dal "volere".
    In fondo, mirando e rimirando la prima parte di questo libro, la mente passa le ore a interrogarsi su quel "Io desidero(?)"
    Da parte mia, chiedo solo un pò di tempo per rispondere.
    Tutto qui.

    Is this helpful?

    Noefaula said on Jan 7, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (4)
    • 4 stars
  • English Books
  • Paperback 260 Pages
  • ISBN-10: 1840245859
  • ISBN-13: 9781840245851
  • Publisher: Summersdale Publishers
  • Publish date: 2007-07-02
  • Dimensions: 0 mm x 832 mm x 1,276 mm
  • Also available as: Others
  • In other languages: other languages Libri Italiani
Improve_data of this book