Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Complete Maus

A Survivor's Tale

By

Publisher: Pantheon

4.6
(4768)

Language:English | Number of Pages: 296 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Catalan , French , Italian , Slovenian , Dutch

Isbn-10: 0679406417 | Isbn-13: 9780679406419 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Others , Paperback

Category: Biography , Comics & Graphic Novels , History

Do you like The Complete Maus ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Volumes I & II in paperback of this 1992 Pulitzer Prize-winning illustrated narrative of Holocaust survival.
Sorting by
  • 5

    Sarò banale ma "Maus" è un capolavoro, e anche qualcosa di più.
    È l'Olocausto raccontato da un sopravvissuto, l'ebreo polacco Vladek Spiegelman, al figlio fumettista nato dopo la guerra, il quale a su ...continue

    Sarò banale ma "Maus" è un capolavoro, e anche qualcosa di più.
    È l'Olocausto raccontato da un sopravvissuto, l'ebreo polacco Vladek Spiegelman, al figlio fumettista nato dopo la guerra, il quale a sua volta ha vissuto per via indiretta le conseguenze di quell'orrore (nelle manie del padre, nella depressione della madre, nell'assenza "ingombrante" del fratellino mai conosciuto).
    È la storia di una famiglia ― e di quel che ne è rimasto dopo il '45 ― e allo stesso tempo la storia di un'intera popolazione.
    Mi è molto piaciuta l'idea della "cornice" (ossia Art che intervista il padre a partire dalla fine degli anni '70), perché appunto permette di alternare il racconto (in flashback) della persecuzione e del lager con la seconda vita dell'ormai anziano Vladek in America, ponendo l'accento sul difficile rapporto padre-figlio, sullo scontro tra il senso di colpa del sopravvissuto e il senso di colpa di chi non c'era.
    5 stelline sono poche.

    said on 

  • 4

    Non conoscevo l'arte di Spiegelman e questo fumetto mi ha colpito profondamente per l'incredibile sensibilità unita alla bellezza semplice dei suoi disegni. Un approccio sicuramente unico ed estremame ...continue

    Non conoscevo l'arte di Spiegelman e questo fumetto mi ha colpito profondamente per l'incredibile sensibilità unita alla bellezza semplice dei suoi disegni. Un approccio sicuramente unico ed estremamente originale per parlare di un tema del quale si è raccontato molto e che però non è mai abbastanza, un tema in cui ogni singola testimonianza è fondamentale ed estremamente importante.
    Maus non è solo una storia che parla di Olocausto, ma è anche una storia che parla di una famiglia ebrea come tante, di un rapporto padre-figlio conflittuale, di fantasmi che riemergono dal passato, di un logorante senso di colpa per essere sopravvissuti, e non solo alla maggior parte dei propri parenti, ma ad una parte così dolorosa ed incancellabile della Storia stessa.
    Maus è una storia speciale e bellissima che consiglio a tutti di leggere.

    said on 

  • 4

    Maus es la biografía de un superviviente del Holocausto judío pero contada de una forma innovadora y diferente: a través de viñetas de cómic. Una historia cruda, desgarradora y emotiva que nos acerca ...continue

    Maus es la biografía de un superviviente del Holocausto judío pero contada de una forma innovadora y diferente: a través de viñetas de cómic. Una historia cruda, desgarradora y emotiva que nos acerca a un hecho histórico del que mucho se ha escrito ya pero, en este caso, se presenta de una forma única y especial.

    http://lavidasecretadeloslibros.blogspot.com.es/2015/03/miniresenas-los-abandonados-y-maus.html

    said on 

  • 4

    Fondamentale

    Un graphic novel, un fumetto, chiamatelo come volete ma è sempre una delle tante possibilità per raccontare l'Olocausto. Sicuramente non facile da esprimere in questa forma inconsueta dove gli ebrei s ...continue

    Un graphic novel, un fumetto, chiamatelo come volete ma è sempre una delle tante possibilità per raccontare l'Olocausto. Sicuramente non facile da esprimere in questa forma inconsueta dove gli ebrei sono rappresentati da topi e i nazisti da gatti (gli Americani ovviamente sono cani). Art Spiegelman è stato eccezionale, intelligente e acuto. Da custodire e da far leggere un pò a tutti. Curiosità: primo Pulitzer a un fumetto.

    said on 

  • 5

    Dolo me queda recomendar este cómic a todo aquel que quiera leer una buena historia. Es emotivo, original y profundo. Si no lo habéis leído, atacadlo, no dudo que os gustará (si podéis disfrutar una t ...continue

    Dolo me queda recomendar este cómic a todo aquel que quiera leer una buena historia. Es emotivo, original y profundo. Si no lo habéis leído, atacadlo, no dudo que os gustará (si podéis disfrutar una tragedia bien contada)

    La reseña completa aquí ;)
    http://meitnerio.blogspot.fr/2015/01/maus-art-spiegelman.html

    said on 

  • 4

    Originale.

    È difficile recensire questo fumetto, nulla si può dire riguardo l'orrore che vi è raccontato all'interno. Lo stile del disegno è essenziale ma significativo, la scelta di rappresentare i personaggi c ...continue

    È difficile recensire questo fumetto, nulla si può dire riguardo l'orrore che vi è raccontato all'interno. Lo stile del disegno è essenziale ma significativo, la scelta di rappresentare i personaggi come animali è simbolica ed azzeccata. Ho apprezzato, tra l'altro, moltissimo gli spaccati sulla vita dopo il campo e sul difficile rapporto padre-figlio, proprio per sottolineare che la follia nazista continua ad avere conseguenze tuttora, su sopravvissuti che sarebbe meglio chiamare mutilati, per la ferita non rimarginabile che portano. Una pecca, a mio parere, è quella d'aver finito il volume senza raccontare la vita ad Auschwitz, è pur vero che ve n'é un altro tutto dedicato a questo, ma io non lo sapevo e sono rimasta male per questo finale tagliato così grossolanamente.

    said on 

Sorting by
Sorting by