The Consolations of Philosophy

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.8
(483)

Language: English | Number of Pages: 272 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , French , German , Italian , Korean , Dutch , Catalan , Turkish , Chi simplified , Swedish

Isbn-10: 0241140099 | Isbn-13: 9780241140093 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Audio CD , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Philosophy

Do you like The Consolations of Philosophy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Published to coincide with a Channel 4 series on the same theme, Alain de Botton has written this witty and enlightening book to look at how philosophy can change your life. He pairs six philosophers with six everyday problems to provide helpful and fascinating answers.
Sorting by
  • 3

    Non si puo' negare la fatica didattica che l'autore ha messo nel comporre questo insieme di aneddoti e citazioni su alcune delle figure piu' rappresentative della filosofia. Anche gli agganci tra l'op ...continue

    Non si puo' negare la fatica didattica che l'autore ha messo nel comporre questo insieme di aneddoti e citazioni su alcune delle figure piu' rappresentative della filosofia. Anche gli agganci tra l'opera dell'uno e quella dell'altro e' lodevole. Ovviamente, per questioni di spazio (e di marketing) l'attenzione non si è portata sui principali insegnamenti delle diverse filosofie, ma su alcune lateralità che comunque non sono da meno.
    Alla fine di tutto, mi colpisce di Schopenauer l'inconsistenza , di Montaigne la grandezza, di Socrate la lontananza, di Seneca l'acume, di Nietzsche i baffi.

    said on 

  • 3

    non mi ha convento
    certo una buona idea o meglio, un bel pretesto per avere lettori.
    ma il libro non mi ha coinvolto, e sinceramente preferisco rileggere le storie della filosofia di severino o adorno ...continue

    non mi ha convento
    certo una buona idea o meglio, un bel pretesto per avere lettori.
    ma il libro non mi ha coinvolto, e sinceramente preferisco rileggere le storie della filosofia di severino o adorno

    said on 

  • 2

    Indovinello:
    ha 280 pagine, non è un romanzo e non è un saggio, non è un libro di testo della scuola ma parla di grandi filosofi antichi e moderni, non è particolarmente divertente e si può leggere an ...continue

    Indovinello:
    ha 280 pagine, non è un romanzo e non è un saggio, non è un libro di testo della scuola ma parla di grandi filosofi antichi e moderni, non è particolarmente divertente e si può leggere anche al mare tra una medusa e l'altra.
    Indovinato?
    E' Le consolazioni della filosofia, prodotto di alta gamma commerciale di Alain de Botton che con la pretesa di rendere pratico il pensiero filosofico ci scuce dodici euro.
    Non fraintendetemi tutto ciò che è riportato in questo libro è interessante e scritto con semplicità con tanto di diagrammi e figurine per ricordarci di quanta poca filosofia ci nutriamo tutti noi al giorno d'oggi, ma è tutto un insieme di notizie, aneddoti, parole e pensieri di Socrate, Platone, Montaigne, Schopenhauer e Nietzsche, cose che possiamo trovare tranquillamente su internet neanche su siti specializzati quanto addirittura su Wikipedia.
    Il paradosso è che De Botton dopo aver santificato il pensiero di Montaigne che criticava tutti i dotti e gli esegeti che non sapevano fare altro che citare i grandi invece che creare essi stessi, si da letteralmente la zappa sui piedi infarcendo il libro di citazioni.
    Suvvia Sig. Alain de Botton, si sforzi un pò di più la prossima volta

    said on 

  • 4

    "La tentazione di citare autori che hanno saputo dar voce ai nostri stessi pensieri, ma con una chiarezza e un’acutezza psicologica a noi inaccessibili, è molto forte. [...]. Le nostre sottolineature ...continue

    "La tentazione di citare autori che hanno saputo dar voce ai nostri stessi pensieri, ma con una chiarezza e un’acutezza psicologica a noi inaccessibili, è molto forte. [...]. Le nostre sottolineature a matita, le nostre note a margine, le frasi che prendiamo a prestito segnalano in realtà altrettanti punti in cui rinveniamo un pezzo di noi stessi, una frase costruita con la medesima sostanza di cui è composta la nostra mente [...]. Invitiamo così queste parole ad abitare i nostri libri, in segno di omaggio per averci rammentato chi siamo." (p. 176)

    said on 

  • 0

    Un libro settoriale sulla filosofia che corrisponde al punto di vista dell'autore...sconsigliato quindi a chi cerca un libro che racconti vita e pensieri di un filosofo, perche' qui l'autore prende i ...continue

    Un libro settoriale sulla filosofia che corrisponde al punto di vista dell'autore...sconsigliato quindi a chi cerca un libro che racconti vita e pensieri di un filosofo, perche' qui l'autore prende i suoi preferiti e li legge alla luce del suo discorso consolatorio. Devo dire che dal titolo mi aspettavo altro...

    said on 

  • 4

    Finalmente si ragiona con l'aspetto quotidiano della filosofia

    Devo scrivere le recensioni degli ultimi quattro libri. Non tollero l'incompiuto, anche se banale (il concetto di banale, poi, è molto relativo). Tempus fugit, e io non gli sto dietro. Ma come minimo ...continue

    Devo scrivere le recensioni degli ultimi quattro libri. Non tollero l'incompiuto, anche se banale (il concetto di banale, poi, è molto relativo). Tempus fugit, e io non gli sto dietro. Ma come minimo da questo libro appena letto - bellissimo, una prospettiva della filosofia assolutamente pratica e quotidiana - dovrei prendere spunto per quanto riguarda l'ultimo capitolo su Nietzsche, il quale sosteneva che per arrivare a scrivere qualcosa (vabbè, lui parlava di un capolavoro...) occorre prima passare attraverso la sofferenza che matura l'esperienza e consente alle storte radici di sbocciare in un meraviglioso e aulente fiore o in un succulento frutto. Perciò passerò le vacanze di Pasqua con la famosa agendina che mi segue ovunque per spremere questo "capolavoro" delle recensioni. Anche di questa. In altre parole, seguirà recensione a breve. Per ora posso affermare con convinzione: vale la pena leggerlo!

    said on 

  • 4

    Per certi versi veramente geniale. Un modo un po' differente di parlare di filosofia, sicuramente un modo più semplice e leggero per apprezzare gente come Schopenhauer e compagnia bella.

    said on 

  • 4

    Sinceramente avrei dato a questo libro tre stelle e non di più. Lo scrittore sceglie sei filosofi e di ognuno prende un solo pensiero (oltretutto quello più semplice) che si adatta alla vita di tutti ...continue

    Sinceramente avrei dato a questo libro tre stelle e non di più. Lo scrittore sceglie sei filosofi e di ognuno prende un solo pensiero (oltretutto quello più semplice) che si adatta alla vita di tutti i giorni e ci dovrebbe consolare nelle varie "crisi" diciamo, lo analizza e lo spiega con esempi e semplificazioni, non è niente di che per chi già a studiato e conosce la filosofia, ma essedo il mio primo libro riguardante questa materia ho deciso che quattro stelle se le meritava in quanto mi ha fatto avvicinare alla filosofia.

    said on