Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Difference Engine

(Spectra Special Editions)

By William Gibson,Bruce Sterling

(76)

| Mass Market Paperback | 9780553294613

Like The Difference Engine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

57 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    c'è da fare una premessa che ignoravo quando ho iniziato il libro.
    Babbage è realmente esistito (come altri personaggi del libro), ma nella realtà non riuscì a portare a compimento il prototipo di quello che cent'anni dopo diventò il calcolatore mode ...(continue)

    c'è da fare una premessa che ignoravo quando ho iniziato il libro.
    Babbage è realmente esistito (come altri personaggi del libro), ma nella realtà non riuscì a portare a compimento il prototipo di quello che cent'anni dopo diventò il calcolatore moderno e successivamente il computer. Il libro parla di un possibile passato in cui l'invenzione di Babbage andò a buon fine.

    Gibson come al solito ha idee geniali, ma scritte in maniera fumosa e poco chira; forse per calarci meglio nel caos e nel succedersi veloce degli eventi in cui i protagonisti stessi si trovano, ma a me non piace.

    Is this helpful?

    Mancioooo said on May 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ucronia dei Lord Rad che prendono il potere in Inghilterra sull'onda della rivoluzione informatica di un Babbage capace di mettere in piedi un calcolatore meccanico funzionante a vapore la cui potenza di calcola non in base alla frequenza dei chip ...(continue)

    L'ucronia dei Lord Rad che prendono il potere in Inghilterra sull'onda della rivoluzione informatica di un Babbage capace di mettere in piedi un calcolatore meccanico funzionante a vapore la cui potenza di calcola non in base alla frequenza dei chip ma alle miglia di ingranaggi e' uno scenario certo spettacolare sullo sfondo del quale tuttavia si agitano confuse macchinazioni luddiste che si nutrono dei vizi dell'élite britanicca poco coerenti, per cui alla fine le pagine più efficaci rimangono quelle che descrivono l'ucronia, come la corsa delle auto a vapore o il dibattito evoluzionista del tempo.

    Is this helpful?

    Eugenio Angelillo said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nonostante alcuni passaggi un po' oscuri, ammetto che mi è piaciuto molto. Purtroppo ho beccato una edizione con traduzione non eccelsa, ma questo non influisce sull'ambientazione o sulle tematiche estremamente affascinanti. C'è chi lo giudica troppo ...(continue)

    Nonostante alcuni passaggi un po' oscuri, ammetto che mi è piaciuto molto. Purtroppo ho beccato una edizione con traduzione non eccelsa, ma questo non influisce sull'ambientazione o sulle tematiche estremamente affascinanti. C'è chi lo giudica troppo frammentario, ma secondo me questa scelta serve proprio a rendere l'idea di complessità del soggetto trattato.

    Is this helpful?

    Boyakki said on Mar 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Realtà fatta a Macchina

    Di questo pregevole romanzo dei numi tutelari del Cyberpunk (giù il cappello!) possiedo l'edizione rilegata edita "illo tempore" nella collana "Altri mondi", prezioso sorella della più grande delle mie due sorelle. All'epoca lo divorai, ma, ingenuo c ...(continue)

    Di questo pregevole romanzo dei numi tutelari del Cyberpunk (giù il cappello!) possiedo l'edizione rilegata edita "illo tempore" nella collana "Altri mondi", prezioso sorella della più grande delle mie due sorelle. All'epoca lo divorai, ma, ingenuo com'ero, non avevo ben capito perché mi era tanto piaciuto. Ora, ristampato da Lord Mondador in Urania Collezione, non ho perso altro tempo e l'ho riletto con più calma e, soprattutto, con più esperienza letteraria in materia. Il giudizio non è cambiato: capolavoro era e capolavoro è rimasto. Esagerato, dite? Assolutamente no, e vi spiego anche perché. Al di là del fatto che questo romanzo ha letteralmente inventato e lanciato lo Steampunk, rinnovando i canoni dell'Utopia (o Distopia, a seconda del lato da cui la guardate, o Storia Alternativa, se amate la precisione), i suoi punti forti sono molti: un'idea geniale, una trama complicata quanto basta, uno sviluppo non lineare ma non inutilmente contorto, alcuni personaggi di sicuro fascino (Leviatano Mallory, Sybil Gerard, Lady Ada Byron, Oliphant). Oltre questi elementi, però, vi è il lampo illuminante gettato sull'intera questione dello sviluppo tecnologico, di come questo si intrecci inestricabilmente alla società in cui nasce, di come modifichi il nostro modo di pensare e di considerare il mondo, degli usi che ne facciamo e di quanto poco, spesso, ne riconosciamo l'influenza. Direi che ce n'è a sufficienza… da leggere, se per un motivo o l'altro non l'avete ancora fatto, e da ritornarci sopra a mente aperta, se già fa parte della vostra biblioteca.

    Is this helpful?

    Zio Gio said on Mar 9, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    L'ucronia creata da Sterling e Gibson (che duo!) parte da un what if tecnologico: e se Lord Babbage avesse completato la macchina analitica, dando il via all'era informatica in piena rivoluzione industriale?

    L'assoluta protagonista di questo ibrido ...(continue)

    L'ucronia creata da Sterling e Gibson (che duo!) parte da un what if tecnologico: e se Lord Babbage avesse completato la macchina analitica, dando il via all'era informatica in piena rivoluzione industriale?

    L'assoluta protagonista di questo ibrido ancora dipendente da carbone e vapore ma già fortemente influenzato dai calcolatori è una Londra steampunk, a capo di un impero che ha saputo plasmare con le macchine un mondo radicalmente differente dal nostro.
    Data la centralità delle deviazioni storiche, geopolitiche, scientifiche e culturali di questo mondo e dei suoi personaggi storici, i prerequisiti per goderselo appieno sono una più che discreta conoscenza degli stessi nella linea temporale ufficiale (la nostra) e un'alta tolleranza a descrizioni trasudanti aggettivi qualificativi.

    Se il desiderio di leggerlo è tanto ma siete delle capre assolute in uno o più ambiti di quelli sopracitati, niente panico: qualcuno ha già pensato a noi poveri ignoranti, creando questa enciclopedia dedicata: http://www.sff.net/people/gunn/dd/

    Is this helpful?

    Gardy said on Mar 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection