Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Dragon Reborn

(The Wheel of Time, Book 3)

By

Publisher: Orbit

4.2
(143)

Language:English | Number of Pages: 699 | Format: Paperback

Isbn-10: 1857230655 | Isbn-13: 9781857230659 | Publish date: 

Also available as: Audio CD , Hardcover , School & Library Binding , Audio Cassette , Mass Market Paperback , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Dragon Reborn ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In book three of the Wheel of Time series, The Dragon Reborn is the leader long prophesied who will save the world, but in the saving destroy it. The savior who will run mad and kill all those dearest to him is on the run from his destiny.
Sorting by
  • 4

    Finito il terzo volume di The Wheel of Time. Il migliore finora, probabilmente grazie al progressivo allontanamento dagli stereotipi tolkeniani e al poco spazio dato al noioso eroe principale, Rand.


    Molto gradevoli invece i personaggi secondari, Mat, Perrin, Nyanaeve, Elayne… Egwene invece ...continue

    Finito il terzo volume di The Wheel of Time. Il migliore finora, probabilmente grazie al progressivo allontanamento dagli stereotipi tolkeniani e al poco spazio dato al noioso eroe principale, Rand.

    Molto gradevoli invece i personaggi secondari, Mat, Perrin, Nyanaeve, Elayne… Egwene invece e una macchietta irritante.

    Rimangono i soliti problemi della scrittura di Jordan: eccessiva, ridondate, sbrodolata. Ma nonostante tutto, in questo capitolo riesce quasi sempre a mantenere la tensione a livelli soddisfacenti e il progredire della storia abbastanza costante.

    La trama rimane piacevole e non troppo prevedile, anche se il climax finale, per la terza volta in tre libri, e esattamente lo stesso….

    said on 

  • 5

    Solo in lingua originale si può apprezzare quanto Jordan scrivesse bene. Più ancora dei fatti sono i personaggi e il piacere del racconto che fanno di questa biblica quantità di pagine una lettura non solo piacevole ma trascinante.

    said on 

  • 3

    Superate le 2.000 pagine i primi nodi iniziano a venire al pettine. In particolare si nota la solita semplificazione per cui ogni nazione è riconoscibile per pochi tratti ben definiti e quasi stereotipi ed esemplificata da una sola città di rilievo - un po' come nel Belgariad, dove la strategia è ...continue

    Superate le 2.000 pagine i primi nodi iniziano a venire al pettine. In particolare si nota la solita semplificazione per cui ogni nazione è riconoscibile per pochi tratti ben definiti e quasi stereotipi ed esemplificata da una sola città di rilievo - un po' come nel Belgariad, dove la strategia è però più estrema; i personaggi si caratterizzano anch'essi per segni e gesti caratteristici che vengono ripetuti quasi ossessivamente, ad esempio Nynaeve che si tira la dannata treccia! In generale la sensazione è che si sarebbero potute risparmiare parecchie pagine per giungere alla conclusione che è invece pienamente soddisfacente.

    said on