The Forgotten Garden

A Novel

By

Publisher: Atria

4.3
(2092)

Language: English | Number of Pages: 480 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) German , French , Chi traditional , Portuguese , Italian , Spanish , Catalan , Polish , Dutch , Swedish

Isbn-10: 1416550542 | Isbn-13: 9781416550549 | Publish date: 

Also available as: Paperback , eBook , Audio CD , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like The Forgotten Garden ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 2

    Quali segreti?

    Mi sono lasciata convincere dalla quarta di copertina, sono sincera!
    Eppure avrei dovuto diffidare da questo libro per la sua fin troppo palese "popolarità"...non mi fido tanto delle storie che tutti ...continue

    Mi sono lasciata convincere dalla quarta di copertina, sono sincera!
    Eppure avrei dovuto diffidare da questo libro per la sua fin troppo palese "popolarità"...non mi fido tanto delle storie che tutti definiscono "bellissime": non per spocchia ( sia chiaro) è che il gusto di "tanti", fin troppo spesso, non coincide con il mio.
    Così è stato anche per questo "giardino dei segreti" di Kate Morton, autrice della quale non credo leggerò altro dopo questa """"entusiasmante"""" esperienza.
    Questo libro in due parole? Lento&noioso.
    L'idea alla base della trama mi era sembrata carina ( seppur non originalissima) ma, post lettura, devo dire che è stata sviluppata veramente male ed i segreti, di cui tanto si parla, sono fin troppo prevedibili ( se non ovvi).
    Nn lo dico per il puro gusto di demolire un libro che non ha incontrato il mio gusto ma ammetto di aver capito tutto già dopo pochi capitoli. In un libro del genere in cui dovrebbe sgorgare, con prepotenza, un flusso di trame e sottotrame così intricate da tenerti avvinto al romanzo, questa non è per niente una cosa positiva... e non c'è bisogno che lo dica io.
    Oltre a tutto ciò, lo stile è inesistente! Non sto scherzando. Il piattume regna sovrano in questo romanzo e fa suoi anche i personaggi con cui non sono riuscita ad entrare in sintonia.
    Non ho voluto fare spoiler e mettermi a sindacare ogni singolo snodo ( più o meno) narrativo perchè sarebbe come sparare sulla croce rossa.
    Ultima cosa: odioso il patchwork che la Morton cerca di attuare prendendo pezzi di storie e romanzi ben più validi. Io ci ho trovato un po' di Dickens qui, tanta Burnett lì e chi più ne ha più ne metta.
    Purtroppo se nella scrittura non si mette personalità e anima, collezionare pezzi altrui non serve poi a molto :/
    Ps. Adoro le fiabe ma, in questo romanzo, non ho trovato memorabili nemmeno quelle. Sembravano, più che altro, l'autocompiaciuta celebrazione di Eliza ( personaggio che non mi è stato affatto simpatico).

    said on 

  • 5

    Finalmente, dopo mesi, mi sono imbattutta in una lettura appassionante e ricca di suspance
    Il romanzo si articola in tre epoche diverse e narra la storia di tre donne legate tra loro da un unico filo ...continue

    Finalmente, dopo mesi, mi sono imbattutta in una lettura appassionante e ricca di suspance
    Il romanzo si articola in tre epoche diverse e narra la storia di tre donne legate tra loro da un unico filo conduttore: scoprire la verità sul loro passato.
    Mi sono piaciuti molto le descrizioni dei luoghi e dei personaggi e lo stile narrativo della Morton.
    Bellissima la figura di Eliza Makepeace, una donna che, nonostante l' epoca in cui è vissuta ( inizi del 1900 ), è sempre stata forte e indipendente anche se, verso la fine della storia, non ho condiviso una sua scelta

    said on 

  • 4

    Non dico che il colpo di scena finale non fosse prevedibile, ma nonostante questo si tratta di un romanzo che è riuscito a ipnotizzarmi e a trasportarmi avanti e indietro nel tempo su tre livelli dive ...continue

    Non dico che il colpo di scena finale non fosse prevedibile, ma nonostante questo si tratta di un romanzo che è riuscito a ipnotizzarmi e a trasportarmi avanti e indietro nel tempo su tre livelli diversi accomunati da un'atmosfera intrisa di mistero e magia in una Cornovaglia indimenticabile che mi ha ricordato i romanzi della Du Maurier. La scrittura è precisa e impeccabile e la fine, come in un cerchio perfetto, ritorna all'inizio tanto che viene voglia di rileggere il libro da capo.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    6 stelline!!!

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo. Lo ricorderò sempre come il libro che mi ha guarita dal blocco del lettore: malgrado le 612 pagine non riuscivo a smettere di leggere!!! La protagonista delle 3 ...continue

    Questo libro mi è piaciuto moltissimo. Lo ricorderò sempre come il libro che mi ha guarita dal blocco del lettore: malgrado le 612 pagine non riuscivo a smettere di leggere!!! La protagonista delle 3 che mi ha più coinvolta è stata sicuramente Eliza, una ragazza curiosa, piena di vitalità e sicuramente molto indipendente per l epoca in cui è ambientato il romanzo. Pensando a lei e alla sua storia però non posso che provare un po di tristezza... La sua vita è segnata da eventi tragici fin dall infanzia: prima la madre che muore di malattia lasciando lei e il fratellino a cavarsela da soli nei sobborghi di una pericolosa londra del 900, poi anche il fratellino è vittima di un incidente lasciandola sola al mondo. Anche la cugina Rose, all inizio sua migliore amica, finirà per allontanarsi da lei in seguito al terribile accordo che hanno preso e che ha costretto Eliza a privarsi del suo bene più prezioso. Alla fine del romanzo avrei voluto aver incontrato Eliza e averla abbracciata forte per non farle più sentire la solitudine in cui era sprofondata, sola, nel suo cottage ( e magari avvertirla di non mettere più piede a casa degli Swindell!!!) ...I miei complimenti alla Morton , non vedo l ora di leggere gli altri suoi libri!!!

    said on 

  • 3

    Ho comprato questo libro dopo aver letto "Una lontana follia", che mi era piaciuto molto.
    Questo romanzo non mi ha invece per nulla conquistata. L'ho trovato troppo lungo, poco coinvolgente, senza gro ...continue

    Ho comprato questo libro dopo aver letto "Una lontana follia", che mi era piaciuto molto.
    Questo romanzo non mi ha invece per nulla conquistata. L'ho trovato troppo lungo, poco coinvolgente, senza grossi colpi di scena.
    Non lo consiglierei, nonostante sia a tratti una lettura piacevole.

    said on 

  • 5

    Ho amato questo libro.

    Qui la mia recensione:
    http://unapausateperlanima.blogspot.it/2016/03/libri-in-chiave-di-violino-recensione.html

    said on 

  • 4

    Di solito non amo i continui salti temporali in un libro, e qui ce ne sono addirittura 3: primi del 900, anni 70 e 2005. Eppure non mi sono persa neanche una volta! La storia è davvero ben scritta, i ...continue

    Di solito non amo i continui salti temporali in un libro, e qui ce ne sono addirittura 3: primi del 900, anni 70 e 2005. Eppure non mi sono persa neanche una volta! La storia è davvero ben scritta, i personaggi ben caratterizzati e la verità viene scoperta pagina dopo pagina in un continuo crescendo.

    said on 

  • 4

    著實是細膩文筆不錯的故事,橫跨百年的謎團,結局算是圓滿,就是奈兒明明很幸福卻因為對身世耿耿於懷導致她不是很快樂。全部的主角都是女人,百年前的女作家與蘿絲,他媽媽,百年後的奈兒和卡珊娜,甚至故事中有存在感的配角也都是女的。
    我本身比較難體會想要尋找自己的感覺,血緣土地這種東西和我的關聯比較弱。

    said on 

  • 4

    Mi è piaciuto moltissimo; una storia che a tratti mi ha sorpreso, a tratti un po' meno.. Ma nel complesso è stata toccante e commovente, soprattutto sul final.

    said on 

  • 5

    Scrivere una recensione su questo romanzo mi risulta davvero complicato. Non perché c’è poco da dire, ma al contrario perché sono tanti i piccoli dettagli che hanno reso questo libro uno dei miei pre ...continue

    Scrivere una recensione su questo romanzo mi risulta davvero complicato. Non perché c’è poco da dire, ma al contrario perché sono tanti i piccoli dettagli che hanno reso questo libro uno dei miei preferiti (se non il migliore in assoluto) che risulta impossibile riuscire ad elencarli tutti. Penso che in qualsiasi modo io possa parlarne non gli renderei giustizia e non potrei farvi provare le meravigliose emozioni che mi ha lasciato. Il giardino dei segreti riesce a stregare il lettore fin dalla prima pagina senza far assolutamente pesare la sua mole. Una storia ricca di misteri da svelare, intrecciata e particolarmente articolata, ricca di personaggi tutti ben descritti. L’autrice con la sua scrittura scorrevole ed elegante riesce a incantarvi totalmente, cura perfettamente l’ambientazione senza farvi stancare in lunghe e noiose descrizioni, e vi porterà a sentivi totalmente parte di quei luoghi, di quei giardini. Riesce benissimo a trasmettere le sensazioni provate dai personaggi cercando di farvi immedesimare e farvi amare o odiare ognuno di loro. Li imparerete a conoscere man mano che la narrazione prosegue e arriverete alla fine del libro che vi sembrerà di conoscerli da sempre e vi dispiacerà tantissimo doverli lasciare. Bellissimo anche l’idea dell’autrice di inserire brevi favole durante tutta la narrazione, favole che vi faranno sognare e per pochi attimi vi faranno tornare bambini e che in qualche modo si intrecceranno a tutto il mistero. La storia è come una grande puzzle, manca sempre il pezzo per osservarne l’immagine, e questo minuscolo tassello più volte non riuscirete a trovarlo anche staccando tutti i singoli pezzi ricominciando ad assemblarli da capo. Vi renderete presto conto che gli incastri fatti sono tutti illusori e che in realtà ci sono molti più pezzi da recuperare. È stupefacente come alla fine l’immagine va comparendo davanti i vostri occhi, era sempre stata li, ma non siete mai riusciti a vederla per quanto vicino ci siate passati. Eliza è in assoluto il personaggio che più ho amato, una ragazza che piano piano vedremo diventare donna, un personaggio ricco di valori, coraggio, un personaggio con cui imparerete a soffrire e a gioire. Da lettrice posso dire che probabilmente se dovessero chiedermi quale personaggio mi è più rimasto nel cuore di tutti i libri letti, la risposta sarebbe proprio Eliza! Come ultima cosa ci tengo a dire che andando avanti con la narrazione cominciavo a notare diverse somiglianze con “Il giardino segreto” di Burnett, un libro che da piccola mi affascinò tantissimo e che amato indescrivibilmente, tralasciai questa sensazione e proseguii con la lettura, dopo un po’ lessi che si stava per organizzare un party alla tenuta e che tra gli ospiti ci sarebbe stata la famosissima scrittrice Burnett. Sorrisi, ho apprezzato molto la sua comparsa, breve tratto della narrazione dove la vedremo interessarsi tantissimo al giardino tanto da esserne affascinata e probabilmente ispirata. La sensazione che affiora da tutto ciò è che è possibile che Kate Morton si sia ispirata a questo antico romanzo e abbia voluto rendere omaggio alla sua scrittrice. In ogni modo davvero incantevole, un romanzo che vi lascerà tanto. Consigliatissimo 5 stelline.

    said on 

Sorting by