The Godfather

By

Publisher: New American Library

4.4
(2217)

Language: English | Number of Pages: 450 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Russian , Chi simplified , Spanish , Chi traditional , German , Italian , French , Swedish , Portuguese , Dutch , Slovenian , Polish , Czech , Hungarian

Isbn-10: 0451205766 | Isbn-13: 9780451205766 | Publish date: 

Preface Robert Thompson ; Afterword: Peter Bart

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , Mass Market Paperback , Others , eBook

Category: Crime , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Do you like The Godfather ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
More than thirty years ago, a classic was born. A searing novel of the Mafia underworld, The Godfather introduced readers to the first family of American crime fiction, the Corleones, and their powerful legacy of tradition, blood, and honor. The seduction of power, the pitfalls of greed, and the allegiance to family—these are the themes that have resonated with millions of readers around the world and made The Godfather the definitive novel of the violent subculture that, steeped in intrigue and controversy, remains indelibly etched in our collective consciousness.
Sorting by
  • 3

    Non possedendolo, m'ero scordato di averlo letto. Naturalmente non quando uscì, ma dopo aver visto il primo dei tre film. Poi mi sono riletto la spassosissima tirata dell'arguto Manganelli che lo util ...continue

    Non possedendolo, m'ero scordato di averlo letto. Naturalmente non quando uscì, ma dopo aver visto il primo dei tre film. Poi mi sono riletto la spassosissima tirata dell'arguto Manganelli che lo utilizzò come paradigma dei libri dei quali uno può dire legittimamente "non l'ho letto e non mi piace". Manganelli addirittura rivendicò il diritto di non vedere il (i) film: "siciliani da romanzo, americani da burla", dice, stufo probabilmente di un'Italia che a forza di tirargli per la giacca sul libro e sul film, lo aveva esasperato, e che con ogni probabilità aveva solo visto il film, poco letto il libro e ignorato Sciascia, che in materia e non solo era francamente imbattibile.

    A guardare meglio - e a non passare la vita in mezzo a raffinatissime esegesi ma lasciando ogni tanto cadere l'occhio in basso - Sciascia stesso non è che fosse apprezzato dalle moltitudini e soprattutto compreso. Pure qui, se uno li tortura ben bene, s'accorge che esistono vaste sacche d'anobiani che l'hanno letto come le devozioni, tanta fede per poco capire.

    Ma torniamo al Puzo. E ricordiamoci che se uno si legge il notevole "Lunario dell'Orfano Sannita" tutto di seguito, ha la nettissima impressione di un iperuranico che a forza di cultura e lavoro poteva permettersi uno sguardo privilegiato altissimo e laterale, salvo che per la vita altrui poteva essere al massimo un'aspirazione, un'insegnamento di distacco possibile quantunque necessariamente temporaneo ma non un viatico giornaliero.

    A forza di dire non l'ho letto e non mi piace, un Manganelli a forza di rarefatte impalpabili raffinatezze può ascendere, gli altri rischiano di non capire una beata minchia.

    Puzo è didascalico a livelli infantili e la traduzione talvolta cinobalanica, storpiante il gergo col letterale non aiuta, ma se avessero tentato di spiegare la mafia italo americana con Sciascia tradotto (spero da uno molto meglio pagato dell'infelice cui hanno appioppato il cospicuo volume, ecco perché compare anche l'originale), avrebbe avuto forse un limitato successo tra i lettori del New Yorker, una sporadica circolazione tra i professori di italianistica e basta: un effetto molto vicino al cozzo di enormi masse di gas interstellare, si vede tanta luce ma solo dopo sette miliardi di anni.

    Per spiegare una cosa largamente ignota agli americani (tranne gli italo-) andava benissimo, e non solo, il difetto che Manganelli imputa al libro "americani da burla" andrebbe rivisto dopo averli frequentati trent'anni. Molti erano proprio così.

    Ah, è utile. Un paio dei funzionali principî di Don Vito migliorati da Michael, li ho applicati tra ieri ed oggi, incluso un chiarimento con un personaggio che è tre anni che non sa che io so che briga e infama.

    Chi tra me e lui, si è alzato dalla sedia un po' troppo rosso e sudato per una chiara e fresca giornata di maggio in una ridente cittadina sita in un altopiano?

    said on 

  • 4

    Da leggere

    Un libro assolutamente da leggere, molto ben scritto e ricco di colpi di scena per chi come me non aveva mai visto il film e che l'ha fatto solo successivamente. Il film è parimenti bello, ma il libro ...continue

    Un libro assolutamente da leggere, molto ben scritto e ricco di colpi di scena per chi come me non aveva mai visto il film e che l'ha fatto solo successivamente. Il film è parimenti bello, ma il libro ha ovviamente una marcia in più per la spiegazione degli antefatti e per la costruzione delle situazioni

    said on 

  • 0

    Trovato sepolto nella libreria di famiglia dà le sue soddisfazioni. Partendo da un assunto inverosimile, l'esistenza di una mafia "umana" e corretta contro una mafia sanguinaria e sleale costruisce la ...continue

    Trovato sepolto nella libreria di famiglia dà le sue soddisfazioni. Partendo da un assunto inverosimile, l'esistenza di una mafia "umana" e corretta contro una mafia sanguinaria e sleale costruisce la saga della famiglia Corleone tra il declino del vecchio Don (Vito) e l'ascesa del giovane Michael. È uno scontro epico tra bande sanguinarie con principi di onestà e rispetto assurdi. La posta è il controllo di tutte le attività criminali di New York attraverso le intimidazioni, la violenza e la corruzione di giudici e poliziotti. Sulla sfondo là Sicilia terra di incredibile bellezza ma genesi di tutta la ferocia presente nel nuovo mondo.Come romanzo poliziesco sicuramente, tenendo conto che è un testo datato, è gradevole rispetto all'inflazione dei romanzi gialli e noir oggigiorno,Chi ha visto il film Il Padrino di Coppola lo troverà assolutamente delle al romanzo.

    said on 

  • 4

    E' molto difficile trovare un buon libro che generi un buon film, dando luce e vigore a entrambi. Spesso uno fagocita miseramente l'altro. Qui invece Mario Puzo e Coppola sono stati fantastici. Nel le ...continue

    E' molto difficile trovare un buon libro che generi un buon film, dando luce e vigore a entrambi. Spesso uno fagocita miseramente l'altro. Qui invece Mario Puzo e Coppola sono stati fantastici. Nel leggere il libro adori la grandezza del Film, nel vedere il Film ti esalti nel rievocare le pagine del libro.

    Pure le differenze che ovviamente ci sono 1- la spiccata sessualità del libro che nel film viene velata 2- certe scene del film sono memorabili mentre nel libro sono descritte in modo più frettoloso, non appesantiscono affatto e rendono il binomio magico.

    said on 

  • 3

    Una mafia buona, la famiglia Corleone, affronta una mafia cattiva che vuole iniziare a vendere la droga. Un'eccessiva semplificazione che riassume in maniera concisa la trama senza però rendere onore ...continue

    Una mafia buona, la famiglia Corleone, affronta una mafia cattiva che vuole iniziare a vendere la droga. Un'eccessiva semplificazione che riassume in maniera concisa la trama senza però rendere onore ad una scrittura epica e solida. Un buon romanzo che racconta la percezione (e il fascino) della mafia negli USA dei tardi '60 (ed or 1969). Base ancora oggi per una certa letteratura di genere. Classico

    said on 

Sorting by
Sorting by