Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Hand of Fatima

By Ildefonso Falcones

(1)

| Hardcover | 9780385618335

Like The Hand of Fatima ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Snared between two cultures and two loves, one man is forced to choose...1564, the Kingdom of Granada. After years of Christian oppression, the Moors take arms against their masters and daub the white houses of Sierra Nevada with the blood of their v Continue

Snared between two cultures and two loves, one man is forced to choose...1564, the Kingdom of Granada. After years of Christian oppression, the Moors take arms against their masters and daub the white houses of Sierra Nevada with the blood of their victims. Caught in the conflict is young Hernando, the son of an Arab woman who was raped by a Christian priest. Despised by the townsfolk and by his own stepfather for his 'tainted' heritage, he is banished to live in the stables and becomes an expert muleteer. When Hernando meets Fatima, a beautiful girl with black eyes, she becomes the love of his life. But his stepfather accuses Hernando of Christian sympathies and condemns him to slavery. Then news reaches Hernando that Fatima has been murdered. In despair, he embarks on a plan to unite the two warring faiths - and the two halves of his identity...A breath-taking epic of good and evil, of love and hate, of dreams dashed and hopes regained, Ildefonso Falcones' story of the Arab-Christian conflict brims with historical detail and unforgettable characters and reflects the author's celebrated passion for rich historical detail and his flair for story-telling.

383 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    dal web
    Descrizione
    Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicc ...(continue)

    dal web
    Descrizione
    Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità - la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano -, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c'è anche chi, mosso dall'invidia, trama contro di lui. E quando nell'inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d'amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi. Ma con l'immagine della mamma bambina impressa nella memoria, Hernando continuerà a lottare per il proprio destino e quello del suo popolo. Anche quando si affaccerà nella sua vita la giovane cattolica Isabel...

    È giovane, coraggioso, intelligente, ma anche pieno di sentimento, generoso e onesto. Diviso tra due mondi, senza appartenere compiutamente né all'uno né all'altro; destinato ad amare ma anche a lottare con audacia e passione; idealista e pieno di speranze ma anche molto concreto e determinato. Hernando, morisco nella Spagna del sedicesimo secolo, è il protagonista del nuovo libro di Ildefonso Falcones, autore del bestseller internazionale La cattedrale del mare, romanzo d'esordio di maggiore successo in Italia nel 2007. Con il suo primo romanzo lo scrittore catalano ci ha trascinato nella Barcellona del quattordicesimo secolo sotto le volte, in costruzione, della cattedrale di Santa Maria del Mar, dove si consumano le tormentate vicende di Arnau, tra ingiustizie e tradimenti, guerre, odi religiosi, ignobili commerci, passioni indomabili e amori impossibili.
    Ne La mano di Fatima ci invita, invece, a immergerci nel groviglio di lotte civili e religiose che sconvolsero la Spagna del Siglo de Oror, quando i moriscos, i musulmani iberici convertiti a forza al Cristianesimo, si ribellarono alle autorità cattoliche e cercarono di imporre il loro controllo su Grenada e altre città, cercando aiuto anche presso i fratelli turchi e algerini. In questo contesto storico di grande suggestione, ricreato da Falcones con particolare rispetto per le fonti e attenzione per i fatti realmente accaduti, si muovono i passi di Hernando, nelle cui vene scorre il sangue di una donna morisca e di un sacerdote cristiano. Vittima dei soprusi del patrigno Brahim, che non perde occasione di sfogare la sua brutalità sulla moglie Aisha, il ragazzo è odiato dalla sua stessa gente, che lo ha soprannominato "il Nazareno" e che lo guarda con sospetto perché gode di un trattamento di favore da parte dei preti del villaggio. Il sacrestano Andrés gli ha insegnato a scrivere e a far di conto, ma da parte islamica anche lo zoppo e autorevole Hamid lo ha preso sotto la sua protezione e gli ha trasmesso i precetti del Corano e la fede in Allah. Solo grazie al suo aiuto Hernando si salverà dal linciaggio delle folle musulmane in rivolta e verrà ingaggiato come mulattiere al servizio del re dei rivoltosi. Con il nuovo nome di "ibn Hamid" e la scimitarra donatagli dal suo protettore, viaggerà sulle strade della penisola iberica, sconfinerà nel nord Africa, si impegnerà per salvare dal martirio un ragazzino cristiano e dalla schiavitù la sua giovane e bella sorella, Isabel, una delle donne della sua vita. L'altra è Fatima, madre bambina dagli intensi occhi neri a mandorla: è lei che porta con sé la hamsa, l'amuleto che dà titolo al libro, un ciondolo raffigurante una mano con le cinque dita, con il potere di proteggere dal male. Entrerà nel suo cuore dal primo rocambolesco incontro e vi rimarrà nonostante le trame di Brahim, di Ubaid, malvagio carrettiere rivale, e del corsaro Barrax. Le sue mille peripezie lo legheranno anche al destino dei libri plumbei e del vangelo di Barnaba, misteriosi testi sacri che contengono riferimenti ai profondi legami tra l'Islam e il Cattolicesimo.
    Una folla di personaggi, pittoreschi e affascinanti, dà vita a un romanzo storico e avventuroso, epico e corale, che racconta non solo la storia di un uomo di fronte alle grandi passioni e difficoltà della vita, ma anche l'epopea di un intero popolo e lo scontro tra due fedi e due civiltà. Sullo sfondo di un paese insanguinato, dove le violenze e gli estremismi religiosi abbondano da entrambe le parti, Hernando, con le sue scelte di tolleranza, rappresenta la speranza in una convivenza rispettosa. Un monito di pace che travalica i confini della storia per farsi urgente attualità e che Falcones rivolge ai lettori e al mondo intero.

    Is this helpful?

    Tizzy D. said on Jun 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Purtroppo quando inizio un romanzo non riesco a non terminarlo.
    E' successo solo un paio di volte, ed in circostanze particolari.

    Quindi qui ho iniziato ed, ahime', sono arrivato fino alla fine.

    Un romanzo veramente scadente, appena appena risollev ...(continue)

    Purtroppo quando inizio un romanzo non riesco a non terminarlo.
    E' successo solo un paio di volte, ed in circostanze particolari.

    Quindi qui ho iniziato ed, ahime', sono arrivato fino alla fine.

    Un romanzo veramente scadente, appena appena risollevato dalla descrizione precisissima dei luoghi meravigliosi dell'Andalusia, e dalla ricostruzione storica che appare verosimile e ben definita.

    Ma per il resto, la parte piu' romanzata, non salvo praticamente niente.
    Un polpettone lungo, decisamente troppo lungo, che ripercorre le, per cosi' dire, gesta di un personaggio, Hernando, a cui non ci si affeziona mai, ma proprio mai, circondato da uno stuolo di altri personaggi che non sono, praticamente in nessun caso, descritti se non in maniera approssimata e superficiale.

    Un personaggio a cui capita di tutto, praticamente di tutto, ma che, in un modo o nell'altro, se la cava sempre, per il rotto della cuffia e, nella maggior parte dei casi, sempre tradendo affetti, fede, la fiducia che gli altri, non si sa come, ripongono in lui.
    Emblematico, in questo senso, il finale.

    Riposto senza rimpianti sullo scaffale.

    Is this helpful?

    Paolo Campone said on Jun 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La ricetta è più o meno quella classica del romanzo storico: un personaggio che "cresce" mentre il suo mondo cambia, travolto dallo scorrere degli eventi storici, più volte piegato - ma non spezzato - da un innumerevole susseguirsi di soprusi e ingiu ...(continue)

    La ricetta è più o meno quella classica del romanzo storico: un personaggio che "cresce" mentre il suo mondo cambia, travolto dallo scorrere degli eventi storici, più volte piegato - ma non spezzato - da un innumerevole susseguirsi di soprusi e ingiustizie.
    La formula funziona anche questa volta, anche se il romanzo è veramente troppo troppo troppo lungo, e per questo a mio parere un po' debole in alcune parti.

    Is this helpful?

    ale said on May 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    ""La pace sia con te"

    Una trama intrigata, immersa nella storia e nelle lotte religiose, dove le atrocità vissute dalle minoranze non sempre hanno avuto eco. Hernando, un musulmano a metà, lotta per la convivenza delle due religioni monoteiste, perchè la lotta è il suo pa ...(continue)

    Una trama intrigata, immersa nella storia e nelle lotte religiose, dove le atrocità vissute dalle minoranze non sempre hanno avuto eco. Hernando, un musulmano a metà, lotta per la convivenza delle due religioni monoteiste, perchè la lotta è il suo pane quotidiano, anche se non tutti se ne accorgono. E così l'unione e la scelta di Rafaela sembrano il seme di un possibile accordo. "La morte è una lunga attesa", frase simbolo del rapporto amoroso con la bella Fatima, rappresenta anche uno stimolo a lottare per quel che ci sta a cuore, costi quel che costi.

    Is this helpful?

    Zefiro said on Apr 13, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book