Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The History Boys

A Play

By

Publisher: Faber & Faber

4.3
(32)

Language:English | Number of Pages: 144 | Format: Paperback

Isbn-10: 0571224644 | Isbn-13: 9780571224647 | Publish date:  | Edition 1st American Ed

Also available as: Hardcover , Audio CD , eBook

Category: Gay & Lesbian

Do you like The History Boys ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
“A play of depth as well as dazzle, intensely moving as well as thought-provoking and funny.” The Daily Telegraph
 
An unruly bunch of bright, funny sixth-form (or senior) boys in a British boys’ school are, as such boys will be, in pursuit of sex, sport, and a place at a good university, generally in that order. In all their efforts, they are helped and hindered, enlightened and bemused, by a maverick English teacher who seeks to broaden their horizons in sometimes undefined ways, and a young history teacher who questions the methods, as well as the aim, of their schooling. In The History Boys, Alan Bennett evokes the special period and place that the sixth form represents in an English boy’s life. In doing so, he raises—with gentle wit and pitch-perfect command of character—not only universal questions about the nature of history and how it is taught but also questions about the purpose of education today.
 
Sorting by
  • 5

    History is just one fucking thing after another

    "Durante la lettura i momenti migliori sono quelli in cui ci imbattiamo in qualcosa -un pensiero, una sensazione, un punto di vista- che hanno per noi un significato particolare. Sono lì, messi giù da qualcun altro, qualcuno che non hai mai conosciuto, magari morto da secoli. Ed è come se da quel ...continue

    "Durante la lettura i momenti migliori sono quelli in cui ci imbattiamo in qualcosa -un pensiero, una sensazione, un punto di vista- che hanno per noi un significato particolare. Sono lì, messi giù da qualcun altro, qualcuno che non hai mai conosciuto, magari morto da secoli. Ed è come se da quelle pagine uscisse una mano pronta a stringere la tua."...ed in questo Alan Bennett è maestro.

    Testo teatrale da cui è nato un fortunatissimo spettacolo da qualche mese finalmente anche in Italia grazie ai grandissimi Elfi...non vedo l'ora di poterlo vedere!

    said on 

  • 5

    Bellissimo. Scintillante, intelligente, vivacissimo, una riflessione tutt'altro che banale sul senso della cultura e dell'insegnare, sulle difficoltà reali del rapporto umano ragazzi-docenti, sul confine fra brillantezza e impostura. Altro che attimi fuggenti...


    Curiosa la scrittura, più c ...continue

    Bellissimo. Scintillante, intelligente, vivacissimo, una riflessione tutt'altro che banale sul senso della cultura e dell'insegnare, sulle difficoltà reali del rapporto umano ragazzi-docenti, sul confine fra brillantezza e impostura. Altro che attimi fuggenti...

    Curiosa la scrittura, più che teatro sembra una sceneggiatura cinematografica (o forse sono io poco al corrente con la scrittura teatrale contemporanea?).

    said on