The History of Jazz

By

Publisher: Oxford University Press Inc

4.3
(22)

Language: English | Number of Pages: 428 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Italian

Isbn-10: 019512653X | Isbn-13: 9780195126532 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Others

Category: History , Music , Non-fiction

Do you like The History of Jazz ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Jazz is the most colourful and varied art form in the world and it was born in one of the most colourful and varied cities, New Orleans. From the seed first planted by slave dances held in Congo Square and nurtured by early ensembles led by Buddy Bolden and Joe 'King' Oliver, jazz began its long winding odyssey across America and around the world, giving flower to a thousand different forms - swing, bebop, cool jazz, jazz-rock fusion - and a thousand great musicians. Now, in The History of Jazz, Ted Gioia tells the story of this music as it has never been told before, in a book that brilliantly portrays the legendary jazz players, the breakthrough styles, and the world in which it evolved. From the rent parties of Harlem to the after-hours spots in Kansas City, Louis Armstrong and Duke Ellington to Wynton Marsalis and Pat Metheny, this book captures all the vibrant colours of jazz on one glorious palate.
Sorting by
  • 4

    Il jazz è un eco compreso pienamente da pochissimi, identificato – più o meno- come “genere” da tutti, un organismo onnicomprensivo dello scibile emozionale umano, capace di creare fortissimi amori, o ...continue

    Il jazz è un eco compreso pienamente da pochissimi, identificato – più o meno- come “genere” da tutti, un organismo onnicomprensivo dello scibile emozionale umano, capace di creare fortissimi amori, odi profondi, inaspettate commozioni o immaginifiche risonanze dell’anima.
    In un’alternanza di rigore assoluto e puro estro del momento, cerebrale attitudine ed empatica sintonia che divide e accomuna le persone.
    Raccoglie, racconta, re-interpreta il paesaggio esistenziale che lo circonda, a cui assiste, come un pittore di fronte a una tela, imprime il proprio segno nel/del reale, attraverso diverse tecniche, espressioni, filosofie di pensiero e luoghi in cui consumarlo oppure vivificarlo.
    La sua storia si perde nelle radici stesse del mondo africano - americano, nei secoli bui della schiavitù e poi si avvicina in quello della segregazione, fino a raggiungere il nostro passato recente con picchi trionfali -fuori da qualsiasi connotazione razziale- dei suoi protagonisti.
    Sintetizzare la sua storia o parlarne in modo esaustivo sembrerebbe impossibile, perché vorrebbe dire sublimare un battito, quello stesso tamburellio di cui si legge nelle prime pagine, riportando al cuore africano del jazz.
    Ted Gioia compie un incredibile esperimento alchemico, fondendo insieme storia, volti e un’atavica pulsazione ritmica in un libro che a fatica contiene il suono stesso della parola Jazz.
    Il definitivo (o quasi) affresco di una musica in continua prova esperienziale, raccontata magistralmente a cavallo di un registro storiografico e narrativo, conduce nei primi passi antropologici del ritmo, riscoprendo il valore orale del blues passando per le fanfare di New Orleans, immergendosi nello swing, contemplando aneddoti, profili di grandi interpreti e creatori che ne hanno forgiato il mito intramontabile, approdando così alle moderne contaminazioni e ai suoi rappresentanti.
    È molto difficile parlare della bellezza di questo libro e del suo valore. L’unica cosa da fare è nascondersi dietro un invito. Quello di divorarlo.

    said on 

  • 5

    è uscito in italiano

    stupendo, per chi ama il jazz libro indispensabile
    storia sociale e culturale del jazz.
    per apprezzare ed amare e capire il perchè nasce, si evolve e cambia questa musica.
    rispondendo alle esigenze di ...continue

    stupendo, per chi ama il jazz libro indispensabile
    storia sociale e culturale del jazz.
    per apprezzare ed amare e capire il perchè nasce, si evolve e cambia questa musica.
    rispondendo alle esigenze di una cultura è diventata universale.
    perchè ogni cultura ed ogni sua espressione sono sempre universali.
    ci sono anche i riferimenti musicali, la scrittura è generosa e lo svolgimento intrigante.
    bello e coinvolgente e competente

    grazie ted, ti ho letto con gioia

    said on