Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Hitchhiker's Guide to the Galaxy

By

Publisher: Pan

4.1
(13642)

Language:English | Number of Pages: 179 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , Portuguese , Italian , German , French , Catalan , Japanese , Greek

Isbn-10: 0330258648 | Isbn-13: 9780330258647 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , School & Library Binding , Library Binding , Mass Market Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Hitchhiker's Guide to the Galaxy ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Answer to life the universe and everything - tutto si risolve in questo, e la risposta che si riceve è tanto semplice quanto oscura. E' talmente famosa che anche google sa rispondere a questa domanda. ...continue

    Answer to life the universe and everything - tutto si risolve in questo, e la risposta che si riceve è tanto semplice quanto oscura. E' talmente famosa che anche google sa rispondere a questa domanda.
    La canzone del Vogon - altro passo memorabilmente demenziale ed esilarante.
    Il libro nasce da una serie radiofonica, potremmo dire che è una accozzaglia di idee balzane, alla rinfusa, sciocchezze, buone idee, e pertanto è estremamente divertente.

    said on 

  • 2

    Viaggiando

    Seppur breve, quel che mi ha aiutato ad arrivare all'ultima pagina sono state la scorrevolezza e la bizzarria di alcune situazioni. Il resto non mi ha divertito, né interessato.

    said on 

  • 4

    Leggere un classico, sia pure del suo genere, è una incredibile esperienza che lega con un filo logico tutti i deja vu, le citazioni, se volete è come unire con un tratto di penna tutti i puntini sull ...continue

    Leggere un classico, sia pure del suo genere, è una incredibile esperienza che lega con un filo logico tutti i deja vu, le citazioni, se volete è come unire con un tratto di penna tutti i puntini sulla carta. Nonostante tutti i brani per me famosissimi tratti da quest'opera di Douglas Adams, sono stata per molto tempo restia a iniziarne la lettura. Avevo il libro davanti a me ma arrivava sempre qualche altro testo a cui dare la precedenza. Probabilmente me lo aspettavo più pesante o scioccamente pieno di alieni con le antenne. Ed in effetti è pieno di sciocchi alieni, ma molto più surreali di quanto avrei potuto immaginare. Una vera delizia per coloro che amano i paradossi e il rovesciamento della propria visione del mondo. Non avevo mai letto niente di Adams ma ora credo che continuerò la saga e scusate ma ora vado a informarmi sulla vita dell'autore.

    said on 

  • 5

    How many roads must a man walk down. Before you call him a man? (Bob Dylan)

    STUPENDO!
    Una buffonata dietro l'altra, ma tutto scritto con un linguaggio aulico.
    Era da un bel pezzo che non ridevo così.

    Personaggi curiosissimi, complessi e approfonditi psicologicamente: sembra ...continue

    STUPENDO!
    Una buffonata dietro l'altra, ma tutto scritto con un linguaggio aulico.
    Era da un bel pezzo che non ridevo così.

    Personaggi curiosissimi, complessi e approfonditi psicologicamente: sembrano la caricatura portata all'estremo di tanti terrestri.

    Un equipaggio variegato ci accompagna in questa avventura: Arthur e Trillian (gli ultimi umani in vita), Ford (amico alieno di Arthur, ricercatore), Zaphod (il Presidente della Galassia, con due teste in perenne conflitto tra loro), Marvin (un robot affetto da depressione) e molti altri.

    Leggendo attentamente il testo, si può notare come, dietro l'ironia di DA, spesso si nascondano situazioni complesse (filosofiche, esistenziali), alleggerite dal registro di scrittura di cui si serve.

    Trama variegata e ricca di spunti: utilissimo a un presunto scrittore a corto di idee che si accinge a scrivere un libro!

    Chi ha creato la Terra? A quale scopo? Questo e molti altri interrogativi avranno risposta. Non vi resta che iniziare a leggere...

    said on 

  • 5

    Fantastico

    Bello bello bello. Sono stato con il sorriso stampato in faccia dalla prima pagina all'ultima. E nel frattempo di dicono anche cose abbastanza serie. Mi piace tutto di questo libro. La trama, i person ...continue

    Bello bello bello. Sono stato con il sorriso stampato in faccia dalla prima pagina all'ultima. E nel frattempo di dicono anche cose abbastanza serie. Mi piace tutto di questo libro. La trama, i personaggi e soprattutto il modo in cui è scritto. Veramente bello. Non vedo l'ora di continuare questa fantastica saga!!!!

    said on 

  • 3

    Divertente satira su alcune idiosincrasie umane in versione fantascientifica; scritto in maniera molto scorrevole. Le cose che più colpiscono però sono l'enorme attualità del racconto (non perché abbi ...continue

    Divertente satira su alcune idiosincrasie umane in versione fantascientifica; scritto in maniera molto scorrevole. Le cose che più colpiscono però sono l'enorme attualità del racconto (non perché abbia usato temi universali, più perché ha evitato pesanti riferimenti ai suoi anni '70), la solidità del racconto (di solito nelle farse di genere si sbraca con racconti tronchi che non vanno da nessuna parte solo per dare il destro alle gag) eil fatto che la guida galattica è, di fatto, un ebook reader!!

    said on 

  • 5

    Questo è libro splendido, molto divertente (come ho già scritto) e con ben pochi difettucci, così piccoli che se ci sono non li ho notati. I protagonisti sono Arthur Dent, un terrestre salvato in extr ...continue

    Questo è libro splendido, molto divertente (come ho già scritto) e con ben pochi difettucci, così piccoli che se ci sono non li ho notati. I protagonisti sono Arthur Dent, un terrestre salvato in extremis da Ford Prefect, un alieno di Betelgeuse che lavora come redattore nella casa editrice che ha prodotto la Guida intergalattica per gli autostoppisti.

    La "guida" bizzarra è il cuore di tutta la storia: somiglia a volte a un’enciclopedia e a volte a una guida turistica, contiene tutto lo scibile del nuovo mondo e insegna come districarsi nella vita di autostoppisti del cosmo.

    Antagonisti della storia il cosiddetto “Governo Intergalattico” comandato da un imperatore quasi defunto (praticamente un vegetale senza eredi) e sotto la tutela di un presidente del governo, un certo Zaphod Beeblebrox, un uomo scontroso con due teste la cui unica abilità sta nel creare scandali grazie ai quali riesce a tenere in scacco la popolazione soggetta al governo intergalattico. Zaphod e i suoi scagnozzi fanno esplodere la Terra e a questo punto, senza più una patria e col rischio di essere sbattuto nello spazio profondo dopo aver udito le terrificanti poesie del presidente, Arthur segue come un’ombra il suo amico sperando di trovare una nuova patria da chiamare Terra.

    Nel corso della storia farà la conoscenza di altri bizzarri personaggi e di costumi altrettanto bizzarri e inoltre scoprirà il grande segreto che si nasconde dietro la nascita del pianeta Terra.

    “Guida galattica per gli autostoppisti” di Douglas Adams è di sicuro uno dei romanzi di fantascienza che varrebbe la pena di leggere almeno una volta nella vita: è ricco di verve ironica, presenta scene davvero paradossali e al limite dell’incredibile come quella delle scimmie che hanno scritto una sceneggiatura di Amleto e vogliono farla leggere ai due protagonisti e inoltre è scritto in modo davvero semplice e discorsivo. In altre parole è un romanzo leggero e al tempo stesso complesso adatto per una lettura in spiaggia ma anche come lettura di stampo più intellettuale.

    Ora però sono davvero curiosa di sapere come saranno gli altri quattro romanzi della saga.

    said on 

  • 5

    -Cosa c'è di così spiacevole nell'essere ubriachi?
    -Chiedilo a un bicchier d'acqua.

    Dio mio, ragazzi!
    Il libro ideale per chi cerca una risposta alla grande domanda sulla vita, l'universo e tutto.
    Spu ...continue

    -Cosa c'è di così spiacevole nell'essere ubriachi?
    -Chiedilo a un bicchier d'acqua.

    Dio mio, ragazzi!
    Il libro ideale per chi cerca una risposta alla grande domanda sulla vita, l'universo e tutto.
    Spumeggiante.

    said on 

  • 4

    Di questo libro si è detto molto, io aggiungo solo che consiglio vivamente a chi lo ha apprezzato di leggere senza esitazione i quattro romanzi successivi della serie perchè sono altrettanto gradevoli ...continue

    Di questo libro si è detto molto, io aggiungo solo che consiglio vivamente a chi lo ha apprezzato di leggere senza esitazione i quattro romanzi successivi della serie perchè sono altrettanto gradevoli e fantasiosi, pervasi di adorabile british humor.

    said on 

Sorting by