The House of Sleep

Average vote of 8385
| 1202 total contributions of which 1156 reviews , 46 quotes , 0 images , 0 notes , 0 video
Winner of the Writers' Guild Best Fiction Award in England and the Prix Médicis in FranceLike a surreal and highly caffeinated version of The Big Chill, Jonathan Coe's new novel follows four students who knew each other in college in the eighties. ... Continua
Ha scritto il 06/10/14
Do yourselves a favour: read this book
  • Rispondi
Ha scritto il 27/08/13
La mia recensione per Concretamente Sassuolo
http://www.concretamentesassuolo.it/wordpress/la-casa-del-sonno-jonathan-coe-1997/
  • Rispondi
Ha scritto il 08/10/12
This is the second book by Jonathan Coe (first was "The rain before it falls" and I loved it), but I must say it's quite different, so much more witty and complex and kind of absurd, to tell the truth. Nevertheless sleep is quite a fascinating ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 11/07/12
La mia recensione è nel mio blog:

http://cronachediquestomondoedialtri.blogspot.it/2012/07/house-of-sleep-jcoe.html
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 21/05/12
Kind of surreal
but very enjoyable.
  • Rispondi

Ha scritto il Oct 27, 2010, 18:32
Quando perdi qualcuno e questo qualcuno ti manca, tu soffri perché la persona assente si è trasformata in un essere immaginario: irreale. Ma il tuo desiderio di lei non è immaginario. Cosi è quello che devi aggrapparti: al desiderio. Perché è reale.
Pag. 148
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2010, 18:32
Si era avvolta un cardigan intorno alle spalle e aveva affondato i piedi nella rena: e stavolta, nel guardarla, Robert seppe, seppe con certezza assoluta ed entusiasmante, che nella sua vita aveva avuto luogo un cambiamento terribile; era avvenuto ... Continua...
Pag. 146
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2010, 18:30
Nell'insieme il luogo serbava quel suo nonsoché di sbiadito e di stantio, come il tanfo esausto di ricordi malinconici che sale da un cassetto rimasto chiuso troppo tempo.
Pag. 127
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 27, 2010, 18:29
Il linguaggio è un traditore, un agente segreto doppiogiochista che scivola inavvertito tra un confine e l’altro nel cuore della notte. E’ una pesante nevicata su un paese straniero, che nasconde le forme e i contorni della realtà sotto un ... Continua...
Pag. 256
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi