Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Howling Miller

By Arto Paasilinna

(3)

| Paperback | 9781841959566

Like The Howling Miller ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Gunnar Huttunen arrives in North Finland after the war and buys a dilapidated mill. Despite being a decent and hard-working Finn, he is also an outsider and an eccentric: prone to mood swings, black depression, high elation and a general lack of deco Continue

Gunnar Huttunen arrives in North Finland after the war and buys a dilapidated mill. Despite being a decent and hard-working Finn, he is also an outsider and an eccentric: prone to mood swings, black depression, high elation and a general lack of decorum. He puts on performances at the mill for local children at which he specialises in imitating animals and making fun of the village notables. Already prejudiced against him by his jibes, the villagers reserve most ire for the howling which Huttunen indulges in at night, which the local dogs join in a delirious chorus. Passionate and outraged by his treatment at the hands of the villagers, it is not long before the accident-prone miller finds that his situation soon spirals out of control...Paasilinna's riotous book revels in a black, rebellious, deadpan humour. It is also a fable about the eternal struggle between freedom and repressive authority.

92 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 3 people find this helpful

    che dire?
    bellissimo.
    e' stato come fare una vacanza di un paio di giorni in un altro mondo.
    lo leggi e cerchi subito foto e mappe di quei posti.
    cerchi di fare un rapido calcolo dei guai in cui ti infileresti se, senza dire niente a nessuno, arrivat ...(continue)

    che dire?
    bellissimo.
    e' stato come fare una vacanza di un paio di giorni in un altro mondo.
    lo leggi e cerchi subito foto e mappe di quei posti.
    cerchi di fare un rapido calcolo dei guai in cui ti infileresti se, senza dire niente a nessuno, arrivato a milano ti venisse voglia di tirare dritto verso "NORD" invece che uscire a rubattino con la coda tra le gambe.

    si', e' stata una bellissima vacanza.
    anche da me stesso.

    Is this helpful?

    ps said on Oct 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    avventure nei boschi della Finlandia del nord

    come tutti i personaggi di Paasilinna anche questo mugnaio, nonostante le sue terribili disavventure, risulta davvero simpatico al lettore. Divertente e appassionanete come racconto, non si può fare a meno di prendere le parti del protagonista già da ...(continue)

    come tutti i personaggi di Paasilinna anche questo mugnaio, nonostante le sue terribili disavventure, risulta davvero simpatico al lettore. Divertente e appassionanete come racconto, non si può fare a meno di prendere le parti del protagonista già dalle prime pagine del libro.

    Is this helpful?

    Guido said on Sep 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Arto Paasilinna continua a essere il cantore di chi fugge dalla mediocrità e l'ipocrisia di un mondo apparentemente rassicurante.
    Sempre con quella intelligente ironia saprà descrivere le disavventure di un puro di cuore di fronte ad una civiltà vile ...(continue)

    Arto Paasilinna continua a essere il cantore di chi fugge dalla mediocrità e l'ipocrisia di un mondo apparentemente rassicurante.
    Sempre con quella intelligente ironia saprà descrivere le disavventure di un puro di cuore di fronte ad una civiltà vile ma soprattutto impaurita. Impaurita di fronte a chi sa scardinare quelle ipocrisie che ci rendono la vita "civile" sopportabile e rassicurante; di fronte a chi ci mostra che il nostro non è l'unico mondo possibile né il migliore. E la natura saprebbe essere più accogliente di molte città.

    Is this helpful?

    Grigio Academico Peregrino said on Jan 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro mi ha lasciato un po' perplessa. C'erano dei punti belli, ma in generale mi ha delusa. Peccato.

    Is this helpful?

    Irene said on Apr 28, 2013 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Se comperi un mulino in cattive condizioni, se di notte talvolta ti scappa la voglia di ululare, ti rinchiudono in manicomio. Per così poco? Ti chiederai. Sì, per così poco, se vivi in mezzo a gente che non sa essere diversa da tutti gli altri. Perch ...(continue)

    Se comperi un mulino in cattive condizioni, se di notte talvolta ti scappa la voglia di ululare, ti rinchiudono in manicomio. Per così poco? Ti chiederai. Sì, per così poco, se vivi in mezzo a gente che non sa essere diversa da tutti gli altri. Perché si sa, chi non è allineato desta timore. Per non dire di peggio. Chi non è allineato cattura l'attenzione e si guadagna la simpatia e l'affetto dei puri di cuore. Imperdonabile, no? Ecco. Questa è la colpa di Gunnar. Impossibile non amarlo. Stop. Leggete il libro.

    P.S. Per un attimo ha colloqiuato anche con Gesù. Nessuno lo ha sentito. E noi non faremo la spia.

    Is this helpful?

    Cat said on Mar 17, 2013 | 3 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Finlandesità

    Ho visto proprio ieri il bel film “Miracolo a Le Havre” di Aki Kaurismaki [il più noto regista finlandese in attività] e, sebbene l’ambientazione sia totalmente diversa svolgendosi nel porto francese di cui al titolo, vi ho ritrovato sottili affinità ...(continue)

    Ho visto proprio ieri il bel film “Miracolo a Le Havre” di Aki Kaurismaki [il più noto regista finlandese in attività] e, sebbene l’ambientazione sia totalmente diversa svolgendosi nel porto francese di cui al titolo, vi ho ritrovato sottili affinità con le opere di Arto Paasilinna [il più noto scrittore finlandese in attività].

    Il denominatore comune è quel modo di affrontare e descrivere la vita che, ad una trama semplice e ad essere severi un pochino banale, aggiunge il marchio distintivo di un’atmosfera surreal-stralunata che non so se sia casualmente condivisa dai due autori di cui sopra o connaturata alla “finlandesità”.

    “Il mugnaio urlante” non possiede la ricchezza di temi e situazioni e l’evoluzione imprevedibile e avvincente di “Piccoli suicidi tra amici”, opera che reputo di sicuro superiore, ma ha in comune con essa almeno la capacità di trovare uno sbocco originale alla narrazione. In “Il mugnaio urlante”, in particolare, il bel finale dà un senso ed un valore aggiunto alla narrazione, riconducendo l’apologo morale che sottende alla vicenda alla dimensione più esemplare: la natura, che in Finlandia significa laghi, foreste, scarsa presenza dell’uomo, là dove si può essere eremiti anche a una distanza dal villaggio inferiore alla portata di un ululato.

    Is this helpful?

    Ubik said on Feb 18, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book