Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Last Dance

A Novel of the 87th Precinct

By

Publisher: Simon & Schuster

3.7
(55)

Language:English | Number of Pages: 272 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0684855135 | Isbn-13: 9780684855134 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , Audio CD , Audio Cassette , eBook , Others

Category: Mystery & Thrillers

Do you like The Last Dance ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

The fiftieth is pure gold: from the author The New York Times calls "the man with the golden ear" comes the fiftieth novel in the 87th Precinct series.

In this city, you can get anything done for a price. If you want someone's eyeglasses smashed, it'll cost you a subway token. You want his fingernails pulled out? His legs broken? You want him more seriously injured? You want him hurt so he's an invalid his whole life? You want him skinned, you want him burned, you want him -- don't even mention it in a whisper -- killed? It can be done. Let me talk to someone. It can be done.

The hanging death of a nondescript old man in a shabby little apartment in a meager section of the 87th Precinct was nothing much in this city, especially to detectives Carella and Meyer. But everyone has a story, and this old man's story stood to make some people a lot of money. His story takes Carella, Meyer, Brown, and Weeks on a search through Isola's seedy strip clubs and to the bright lights of the theater district. There they discover an upcoming musical with ties to a mysterious drug and a killer who stays until the last dance.

The Last Dance is Ed McBain's fiftieth novel of the 87th Precinct and certainly one of his best. The series began in 1956 with Cop Hater and proves him to be the man who has been called "so good he should be arrested."

Sorting by
  • 3

    Bel poliziesco a zero suspense

    Confesso che, durante le mie scorrazzate in libreria e biblioteca, i romanzi di Ed McBain li avevo sempre volutamente ignorati, sicura, chissà perchè, che vi avrei trovato un ammasso di americanate, dallo sbirro pronto all'incursione con pistola alla mano al cassico giro di droga e prostituzione ...continue

    Confesso che, durante le mie scorrazzate in libreria e biblioteca, i romanzi di Ed McBain li avevo sempre volutamente ignorati, sicura, chissà perchè, che vi avrei trovato un ammasso di americanate, dallo sbirro pronto all'incursione con pistola alla mano al cassico giro di droga e prostituzione nei bassifondi della grande metropoli tutta luci, azioni e movimento. Poi, dopo acuni commenti entusiasti e incoraggianti di diversi utenti anobiani (nonchè, lo confesso, di uno dei miei scrittori preferiti, il grandioso Maurizio de Giovanni) mi sono decisa a fare il grande passo, autoconvincendomi che il mio era proprio un pregiudizio e i pregiudizi si sa, sono fra i peggior nemici della lettura. Ebbene, la verità sta sempre nel mezzo. Perchè questo "'L'ultimo ballo", primo titolo che ho trovato, forse non sarà uno dei romanzi più riusciti dell'autore ma appartiene alla famosa serie dell'87esimo distretto tanto amata e tanto citata, e credo che sia stato un assaggio utile a farmi capire se questo McBain può essere effettivamente nelle mie corde. La risposta è un "ni". La lettura è rapida e scorrevole, la costruzione scenica e l 'impianto narrativo buoni e alcuni passi rasentano un tocco poetico indice di grande abilità (e che, sono certa, è uno degli elementi ad avere stregato De Giovanni). Però il romanzo è effettivamente pieno delle americanate che tanto temevo, i personaggi (compreso il celebre Steve Carella dell'87esimo distretto) appaiono poco vividi e caratterizzati e soprattutto, la suspense, il tanto agognato brivido, è del tutto assente. Si ha l'impressione di trovarsi in un bel poliziesco, ben scritto e condito da un ritmo sostenuto adatto alla narrazione ma che, di fatto non smuove nulla. Molto fastidiose sono poi le frequenti parolacce messe in bocca a più personaggi, elemento che, personalmente, nella lettura più che nella vita reale, trovo aquanto disturbante. Sufficenza con riserva, perchè fra le decine di titoli della serie ce ne sarà qualcuno migliore di questo, e prima o poi voglio scoprirlo.

    said on 

  • 4

    Un piacere leggerlo, dialoghi secchi, caratterizzazione dei personaggi e ambientazione perfetti, e anche tanta sana ironia e disincanto su quello che é l'ambiguità e l'ambivalenza del vivere dell'umano essere.
    La storia, le storie, si intrecciano a ritmo serrato, e quanto viene percepito e vissu ...continue

    Un piacere leggerlo, dialoghi secchi, caratterizzazione dei personaggi e ambientazione perfetti, e anche tanta sana ironia e disincanto su quello che é l'ambiguità e l'ambivalenza del vivere dell'umano essere. La storia, le storie, si intrecciano a ritmo serrato, e quanto viene percepito e vissuto dai protagonisti e narrato senza inutili descrizioni o considerazioni maceranti. Un piccolo diamante fra tanta giallistica paccottaglia. 4 e mezzo * per la precisione.

    said on 

  • 4

    come tutti i romanzi di mc Bain struttura robusta, linguaggio essenziale , trama e personaggi sempre disegnati con sagacia ! lettura piacevole

    said on