Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The League of Extraordinary Gentlemen: Century, 1

1910

By

Publisher: Planeta DeAgostini

3.6
(112)

Language:Español | Number of Pages: 80 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Italian , Portuguese

Isbn-10: 8467492260 | Isbn-13: 9788467492262 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Guillermo Ruiz ; Illustrator or Penciler: Kevin O'Neill

Category: Comics & Graphic Novels , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like The League of Extraordinary Gentlemen: Century, 1 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Nueva entrega de las aventuras de los héroes decimonónicos bajo el especial prisma del bardo de Northampton, Alan Moore.
Carnacki, el buscador de espíritus, se ve inundado por visiones de una misteriosa orden que intenta crear a un ente llamado Hijo de la Luna, mientras en las calles de Londres regresa el asesino en serie más célebre del anterior siglo. Miss Murray y el resto de miembros de la Liga de los Hombres Extraordinarios deberá ponerse las pilas para salvar al mundo conocido... una vez más.
Sorting by
  • 5

    Un'opera da tre soldi

    Dovrei smettere di dar voti a Moore, ormai sono completamente soggiogato. Non sono obbiettivo. Ad ogni modo, questi i fatti.


    Tre vicende che si intrecciano: quella degli straordinari gentlemen capitanati da una algida Mina Murray, quella di un malavitoso tornato dall'Argentina e quella del ...continue

    Dovrei smettere di dar voti a Moore, ormai sono completamente soggiogato. Non sono obbiettivo. Ad ogni modo, questi i fatti.

    Tre vicende che si intrecciano: quella degli straordinari gentlemen capitanati da una algida Mina Murray, quella di un malavitoso tornato dall'Argentina e quella della figlia di Nemo.

    Gli straordinari gentlemen, in questa prima parte del III volume sono, per adesso, poco più che spettatori. Carnaki, l'indagatore del mistero, "vede" in sogno un disastro incombente, ma le visioni sono nebulose. I gentlemen riescono comunque a trovarsi sulla scena, ma in ritardo. Tuttavia il "bello" arriverà, col secondo volume: 1969. Il secondo volume arriverà nella mia cassetta della posta DOMANI. Sono in fibrillazione.

    Il malavitoso racconta la sua storia e lo fa cantando. Le strofe sono struggenti, tuttavia niente mito del buon malavitoso: appena arrivato, comette due omicidi: uno per difendersi, l'altro per sfizio. Si tratta di una prostituta. Lui si chiama Jack. Siamo nel 1910. Jack chi?

    La figlia di Nemo è coinvolta in una vicenda alla "Il padrino". Il padre muore, lei non vuole intraprendere la vita piratesca: lei è diversa dal padre, lei non è una terrorista. Ma poi, inesorabile, il richiamo del sangue la porta a prendere il comando dei sanguinari pirati del Nautilus.
    "Sai, Ishmael, è cattiva quanto il suo vecchio"
    "Sai cosa, Jack? E' pure peggiore"

    Poi c'è una prostituta, che è una osservatrice, una specie di coro greco. Lei canta. Come in un musical, per tutta la lunghezza del fumetto.

    Sul finale, le tre vicende finiscono per convergere (e qui mi fermo). La prostituta canta "What keeps mankind alive", una canzone struggente che gira intorno al concetto: "Voi gentiluomini, prima di impartirci una morale, occupatevi del nostro sostentamento".

    E' roba ben scritta, metrica, rima e accenti gravi, etici.
    Mi ricorda De Andrè, nei temi.
    Be', ignorantone che sono, è l'Opera da tre soldi. Musica di Kurt Weill, testi di Bertold Brecht. Eccola qua, nella versione di Tom Waits:
    http://www.youtube.com/watch?v=pkQG9MH4HHg

    Lo scopro grazie alle solite, indispensabili note di Jess Nevins:

    http://www.enjolrasworld.com/Jess%20Nevins/League%20of%20Extraordinary%20Gentlemen%203/Notes%20on%20League%20of%20Extraordinary%20Gentlemen%20V3%201.html

    said on 

  • 4

    Illeggibile per chi non ha mai letto la serie originale. Ci ho provato ugualmente....A una sequela di personaggi noti solo per la loro fama letteraria non viene dato neanche una ccenno di presentezione e si viene immediatamente catapultati nella vicenda, una storia affascinante ma impossibile da ...continue

    Illeggibile per chi non ha mai letto la serie originale. Ci ho provato ugualmente....A una sequela di personaggi noti solo per la loro fama letteraria non viene dato neanche una ccenno di presentezione e si viene immediatamente catapultati nella vicenda, una storia affascinante ma impossibile da seguire per mancanza di basi, disegni paesaggistici piacevoli <8meno quelli dei personaggi. Leggerò il prima possibile la serie "storica" e finalmente potrò rileggere in pace "1910"

    said on 

  • 3

    Albo strano questo, mantiene le stesse atmosfere della Lega degli Straordinari Gentlemen, ma in qualche modo non mi convince appieno. Sembra un po' troppo pretenzioso, anche se la scrittura di Moore è sempre superiore a chiunque altro in campo fumettistico.

    said on 

  • 3

    Transición

    Número de absoluta transición entre las anteriores series limitadas y lo que, espero, venga por delante. Un mero divertimento que sabe a muy poquito y que, si resulta atractivo, es por los continuos guiños a la cultura popular del último siglo y medio. Lo que demuestra una vez más que Alan Moore ...continue

    Número de absoluta transición entre las anteriores series limitadas y lo que, espero, venga por delante. Un mero divertimento que sabe a muy poquito y que, si resulta atractivo, es por los continuos guiños a la cultura popular del último siglo y medio. Lo que demuestra una vez más que Alan Moore al 20% escribe historias con más enjundia que el 99% de los guionistas de cómic funcionando al 110% de su capacidad.

    said on 

  • 2

    Francamente preferivo prima quando non riuscivo a sfogliare una pagina della Lega degli Straordinari Gentlemen senza pensare agli attori del film che aveva nel poster il nome di Sean Connery scritto più grosso del titolo. Almeno avevo una precisa idea di chi fossero i personaggi e cosa li muovess ...continue

    Francamente preferivo prima quando non riuscivo a sfogliare una pagina della Lega degli Straordinari Gentlemen senza pensare agli attori del film che aveva nel poster il nome di Sean Connery scritto più grosso del titolo. Almeno avevo una precisa idea di chi fossero i personaggi e cosa li muovesse nel background, la storia era più d'azione e meno introspettiva e pomposa, più scorrevole, e i personaggi mi parevano anche meglio delineati (forse perchè compensavo con le informazioni dalle opere originali che già possedevo).

    Qui si è andato a tirar fuori personaggi di opere di cui non ho mai sentito parlare nemmeno in sogno e che quindi già partono male, dal momento che se non li conosco già di mio difficilmente mi interesserà se Tizio può diventare uomo o donna come Ranma o chi è il figlio di chi! Cioè, mi potrebbe anche interessare, ma gli autori danno per scontate troppe cose, come se noi potessimo davvero conoscere simili personaggi. L'unico personaggio conosciuto (in tutti i sensi, visto che ricordiamo come viene ripassata da Quatermain nel secondo volume della prima saga) è Mina, che puntuale, nemmeno l'avessero fatto apposta, era quella che nella prima saga mi piaceva di meno perchè troppo perfettina, puntigliosa e "signorina" per risultarmi in qualche modo affascinante (io andavo pazza per Dorian Gray tanto per cambiare, se uno non è stronzo o perlomeno infame non sono soddisfatta. Però deve essere essere anche figo, se no troppo facile!).

    No, no, no: questo inizio non mi è piaciuto per niente e sono molto combattuta sul prendere il resto della trilogia... Si prenderebbe una stella sola ma la figlia del capitano Nemo è cazzutissima, anche se ho pensato a Nadia del Mistero della Pietra azzurra per tutto il tempo! u_u

    said on 

  • 3

    Volumetto da 80 pagine leggerino e dal costo contenutissimo, prima di tre parti del volume "Century", ancora in corso di pubblicazione.
    Un po' troppo verboso rispetto ai primi due capitoli della serie, molto più briosi e concentrati sull'azione.
    Probabilmente perché i vecchi protagoni ...continue

    Volumetto da 80 pagine leggerino e dal costo contenutissimo, prima di tre parti del volume "Century", ancora in corso di pubblicazione.
    Un po' troppo verboso rispetto ai primi due capitoli della serie, molto più briosi e concentrati sull'azione.
    Probabilmente perché i vecchi protagonisti erano personaggi ben conosciuti da tutti, mentre qui Moore è andato a scavare nella letteratura di fine '800 con un po' più di profondità...

    said on 

  • 4

    This book was part 1 of a three part set. Back to the style of the first two graphic novels, I found it a little bit of a disappointment after the amazingness of the Black Dossier, but it was still very enjoyable. I loved the references to Oliver Haddo, and that Carnacki had now joined the team. ...continue

    This book was part 1 of a three part set. Back to the style of the first two graphic novels, I found it a little bit of a disappointment after the amazingness of the Black Dossier, but it was still very enjoyable. I loved the references to Oliver Haddo, and that Carnacki had now joined the team.

    It was a little sad that time had now progressed out of the realm of HG Wells and that the story at the end lacked the style of the earlier ones, but it was still an interesting story. It was great to see the character progression, Orlando in the flesh (even if Mina was right and as a man she is a bit of a bore). I will admit that apart from the Mac the knife song I didn't get the singing, which I thought was a shame (Apparently I needed to be more familiar with the Three penny opera!). I still liked the story of Nemo's daughter and her terrible revenge.

    Still highly enjoyable though and I look forward very much to the next three parts.

    said on 

  • 5

    ‘‘What keeps mankind alive?
    What keeps mankind alive's the millions yearly that we mistreat and cheat; the beaten, burned and barbecued.
    Mankind may just survive if it sincerely keeps every decent human urge subdued.
    Try not to trim the truth to suit your needs: mankind is kept ...continue

    ‘‘What keeps mankind alive?
    What keeps mankind alive's the millions yearly that we mistreat and cheat; the beaten, burned and barbecued.
    Mankind may just survive if it sincerely keeps every decent human urge subdued.
    Try not to trim the truth to suit your needs: mankind is kept alive...
    ...BY MONSTROUS DEEDS!’’

    said on