Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Lord of the Rings: Fellowship of the Ring v.1

By

Publisher: HarperCollins Publishers

4.4
(5249)

Language:English | Number of Pages: 576 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , Italian , Catalan , German , French , Norwegian , Galego , Dutch , Swedish , Russian , Czech , Slovenian , Croatian , Hungarian , Finnish , Polish , Greek , Basque , Turkish , Arabic , Romanian , Esperanto

Isbn-10: 0007123825 | Isbn-13: 9780007123827 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Audio CD , Mass Market Paperback , Hardcover , Audio Cassette , School & Library Binding , Library Binding , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like The Lord of the Rings: Fellowship of the Ring v.1 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In "The Fellowship of the Ring" the young hobbit, Frodo, is bequeathed a magical ring from his Uncle Bilbo, and learns that he must take it into the land of the Dark Lord, Sauron, and cast it into the Cracks of Doom.
Sorting by
  • 5

    Watching the third film of the Hobbit made me reread the lord of the lord of the ring. I always liked this book, the imagination of the author fills me with admmiration. It is a pleasure to read a world created with such level of detail. In any case I think that the fellowshing of the ring is the ...continue

    Watching the third film of the Hobbit made me reread the lord of the lord of the ring. I always liked this book, the imagination of the author fills me with admmiration. It is a pleasure to read a world created with such level of detail. In any case I think that the fellowshing of the ring is the worst of the tre books that form the lord of the ring. I do not love the section with Tom Bombadil for example, I prefer the two towers and the return of the king.

    said on 

  • 4

    Tolkien è Tolkien.

    vi dirò che questo primo libro è scorrevole, agile da leggere nonostante la sua mole, molto descrittivo e ancora luminoso. Solo alla fine si inizia a intuire quale sia l’entità dell’oscurità cui stiamo andando incontro.


    Leggilo tutto su:


    https://pensieriusati.wordpress.com/2015/01/1 ...continue

    vi dirò che questo primo libro è scorrevole, agile da leggere nonostante la sua mole, molto descrittivo e ancora luminoso. Solo alla fine si inizia a intuire quale sia l’entità dell’oscurità cui stiamo andando incontro.

    Leggilo tutto su:

    https://pensieriusati.wordpress.com/2015/01/16/la-compagnia-dellanello/

    said on 

  • 5

    10 anni dopo la mia prima lettura (in italiano) ho finalmente trovato il coraggio di affrontare questa impresa in lingua originale... in una parola MAGICO...
    già di per se la storia, il mistero e gli intrighi rendono questo romanzo unico... in inglese l'incanto delle canzoni e del linguaggi ...continue

    10 anni dopo la mia prima lettura (in italiano) ho finalmente trovato il coraggio di affrontare questa impresa in lingua originale... in una parola MAGICO...
    già di per se la storia, il mistero e gli intrighi rendono questo romanzo unico... in inglese l'incanto delle canzoni e del linguaggio dei personaggi si manifesta appieno...
    per chi può CONSIGLIATISSIMO

    said on 

  • 4

    È molto difficile parlare di un'opera come Il signore degli anelli, che mi fu presentata quando ero molto piccola in forma di film. Ora che sono cresciuta, ho deciso di inoltrarmi nella vera e propria Terra di Mezzo e posso affermare con certezza che ho affrontato un viaggio a dir poco fantastico ...continue

    È molto difficile parlare di un'opera come Il signore degli anelli, che mi fu presentata quando ero molto piccola in forma di film. Ora che sono cresciuta, ho deciso di inoltrarmi nella vera e propria Terra di Mezzo e posso affermare con certezza che ho affrontato un viaggio a dir poco fantastico.
    Ho iniziato l'anno scorso a leggere La compagnia dell'anello, il libro più spesso della trilogia, che ho lasciato dopo qualche settimana a causa della pesantezza delle descrizioni. Dopo circa un anno in cui ho sperimentato grandi autori come Hugo e Wilde, devo dire che lo stile molto dettagliato di Tolkien e la sua prolissità non mi hanno affatto disturbato, anzi, ho trovato le lunghe e minuziose descrizioni davvero meravigliose e l'intero mondo veramente affascinante. La mia valutazione non ha comunque raggiunto le cinque stelline proprio a causa di queste mie prime "ostilità" nei confronti della prima parte del romanzo, che avevo letto in circa un mese. Magari, quando si è alle prime armi con i classici o comunque con libri scritti in maniera un po' complicata, Il signore degli anelli potrebbe mostrarsi come un libro noioso e pesante, ma penso che valga la pena di continuare. La seconda parte (che ho letto, invece, in una settimana) - e anche un po' della prima che non avevo concluso - l'ho trovata più adrenalinica ed appassionante, si entra nel vivo della storia e ci sono scene a dir poco epiche (cito il combattimento di Gandalf contro il Baldrog sul ponte e la magnificenza con il quale Tolkien descrive Lothlòrien).
    Non sono una grandissima lettrice di fantasy e non ho un'enorme cultura su questo genere, ma credo che qualsiasi aspirante scrittore di fantasy dovrebbe leggerlo almeno una volta nella vita, e prendere esempio dalla magistralità con il quale l'autore ha ideato un universo totalmente nuovo, con tanto di nuove lingue, fiumi, laghi, catene montuose ed ere in cui ogni anno è descritto un avvenimento particolare.

    said on 

  • 5

    Reseña completa: http://quieroleersinlimites.blogspot.com.es/2014/12/res…

    [...] Ya la primera vez que me puse con este libro me sorprendió lo ágil que me resultó la lectura, y lo mismo me ha ocurrido esta segunda vez. Había leído con anterioridad El Hobbi ...continue

    Reseña completa: http://quieroleersinlimites.blogspot.com.es/2014/12/resena-232-la-comunidad-del-anillo.html

    [...] Ya la primera vez que me puse con este libro me sorprendió lo ágil que me resultó la lectura, y lo mismo me ha ocurrido esta segunda vez. Había leído con anterioridad El Hobbit, pero había escuchado una y mil veces que leer El Hobbit era más agradable y sencillo que leer la trilogía posterior. Si bien es cierto que la narración de esta trilogía puede resultar más pesada por contener más descripciones, a mí no me lo ha resultado en lo más mínimo. Me ha atrapado la trama y las aventuras, tanto las que ya conocía por las películas como las que no.

    Si hay algo que creo que puede ralentizar un poco la lectura, aunque tampoco demasiado, son todas las cosas que desconocemos de ese increíble mundo que es La Tierra Media. Según vas leyendo conoces leyendas, canciones, razas y lugares que no conoces. Nombres y más nombres que te son desconocidos (pues muchos no aparecen siquiera en las películas) aparecen cada dos por tres. La causa es bien sencilla: Tolkien ha creado un mundo tan basto y bien estructurado que se nos presenta inmenso y totalmente desconocido. [...]

    said on 

  • 4

    Non linciatemi ma... ci credereste che un pochino all'inizio mi ha lasciata delusa? Il ritmo è davvero molto lento, il tono è quello di una fiaba piuttosto che di un romanzo fantasy, perfino quando si comincia a parlare di nazgul e della missione di Frodo non sembra poi così terribile. Purtroppo ...continue

    Non linciatemi ma... ci credereste che un pochino all'inizio mi ha lasciata delusa? Il ritmo è davvero molto lento, il tono è quello di una fiaba piuttosto che di un romanzo fantasy, perfino quando si comincia a parlare di nazgul e della missione di Frodo non sembra poi così terribile. Purtroppo io ho avuto la sfortuna - si fa per dire - di crescere con i film di Peter Jackson e soltanto dopo anni mi sono accostata ai libri, credendo di trovare gesta epiche ed eroiche. E queste in effetti non mancano, ma il modo in cui sono narrate è molto secco, nessuno viene esaltato, sta al lettore riconoscere se un'impresa vale la pena di essere commemorata o no.
    Mi ha lasciata un po' scontenta trovare il libro così diverso dal film. A grandi linee, la storia è quella e il "succo" è rimasto inalterato, ma credo che Jackson abbia calcato un po' la mano in alcuni punti per attirare di più il consenso del pubblico, facendo dei tagli anche consistenti sulla trama del libro.
    Nel film non c'è traccia di Tom Bombadil, e i nazgul sono molto più terribili di come appaiono nel libro. E' vero che Tolkien attraverso i suoi personaggi ribadisce più volte la pericolosità di queste creature, ma sarà stata la mancanza della colonna sonora da brivido che invece c'è nella trasposizione cinematografica, i servi di Sauron non mi hanno fatto chissà quale impressione. Un'altra grande differenza la si trova proprio all'inizio della storia: dalla partenza di Bilbo, passano anni prima che Frodo decida di lasciare la Contea, mentre nel film questo accade la sera stessa del compleanno di Bilbo Baggins.

    recensione completa qui: http://libridelcuorecuoridilibri.blogspot.it/2014/04/recensione-il-signore-degli-anelli-la.html

    said on 

  • 3

    Il più bello dei tre. Però non è riuscito a prendermi completamente. Molto descrittivo, lento, ogni cosa viene notata e descritta nei minimi dettagli. Ecco probabilmente questa è la cosa che mi ha portato a non amare particolarmente questo libro.

    said on 

Sorting by