Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Losers Omnibus

Di

Editore: Planeta DeAgostini

4.2
(30)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 760 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8467489847 | Isbn-13: 9788467489842 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Comics & Graphic Novels

Ti piace The Losers Omnibus?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"The Losers è splendido! È difficile trattare di spionaggio internazionale con un approccio fresco e io adoro questo fumetto." – Joss Whedon, creatore di Buffy l'ammazzavampiri, Firefly e Serenity

"Sarà una fortuna per Hollywood se riusciranno a fare un film la metà coinvolgente ed emozionante della serie a fumetti The Losers" – Ain't It Cool News

"La scrittura di Diggle è affilata come acciaio, le trame sono dense d'azione e intrighi, mentre le aspre illustrazioni di Jock, piene di ombre noir, si adattano perfettamente alla storia." – Library Journal

La Compagnia credeva di essersi sbarazzata dei Perdenti. Avevano visto troppo e si erano trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il loro elicottero era stato abbattuto. Nessun superstite. Il caso dei Perdenti era stato archiviato: un'altra squadra di soldati tragicamente scomparsa in una guerra fantasma condotta dalla CIA.
Ma i Perdenti avevano solo inscenato la loro morte. E ora sanno perfettamente di cosa è capace la Compagnia.
È arrivato il momento di tornare in battaglia.
Ordina per
  • 5

    Non solo tamarro.

    Dalla prefazione del volume possiamo leggere dell'interesse di Diggle in materia di cospirazioni governative, specie quando i protagonisti sono la C.I.A. e il governo americano (ovviamente).
    Diggle ne sa tanto, e si vede. Si vede che lui crede davvero in ciò che dice, si vede che la storia ...continua

    Dalla prefazione del volume possiamo leggere dell'interesse di Diggle in materia di cospirazioni governative, specie quando i protagonisti sono la C.I.A. e il governo americano (ovviamente).
    Diggle ne sa tanto, e si vede. Si vede che lui crede davvero in ciò che dice, si vede che la storia non è solo una banale storia d'azione, una successione di soli colpi di scena. O almeno, in "The Losers" c'è tutto questo, ma c'è anche qualcosa di più. C'è un messaggio di critica politica e sociale, uno di quei messaggi che ti fanno aprire gli occhi.
    La parte grafica poi, è eccezionale. Adoro Jock in ogni sua tavola, e anche i vari disegnatori che saltuariamente lo sostituiscono, sono degni.
    Una piccola nota sull'edizione: personalmente, potendo tornare indietro, prenderei i volumi Magic Press, non tanto per gli errori di traduzione che non mi infastidiscono più di tanto (e non ce ne sono neanche troppi), ma per le dimensioni del volume, veramente troppo grande e scomodo.

    ha scritto il 

  • 5

    Dieci e lode

    Perfetta la storia, perfetti i personaggi. Diaolghi da urlo, ambientazione da applausi. Forse c'è un problemino con il finale, ma che cavolo volete?
    Compratelo. E compreatelo in quest'edizione. Esiste solo in Italia. Gli americani se lo sognano un omnibus così...

    ha scritto il 

  • 5

    A parte il fatto che il volume pesa una tonnellata, (760 pagine, copertina rigida) si legge ch'è una bellezza. Grandi scene d'azione, tratto nervoso e vagamente schizzato, ironia tarantinoide (ma "The Losers" è parecchio in debito anche con "American Flagg!" del sempreverde Howard Chaykin), perso ...continua

    A parte il fatto che il volume pesa una tonnellata, (760 pagine, copertina rigida) si legge ch'è una bellezza. Grandi scene d'azione, tratto nervoso e vagamente schizzato, ironia tarantinoide (ma "The Losers" è parecchio in debito anche con "American Flagg!" del sempreverde Howard Chaykin), personaggi che non si dimenticano perché hanno sempre in serbo un ammiccamento corrivo, una sparata acida, uno scambio di battute al vetriolo, anche quando si trovano nella merda fino al collo (e va detto che ci finiscono in continuazione, e in modi sempre diversi). Frattanto, sullo sfondo, giganteggia un bel domandone da era post-11 settembre, che non guasta mai: coloro che si sono battuti per il predominio USA nel dopo-guerra fredda, in specie se militari, hanno davvero servito il proprio Paese? O, piuttosto, si sono battuti al soldo di una cricca mafiosa di intrallazzatori, intenti a fare il loro porco comodo in barba alla vita e alla dignità di intere nazioni, e dei cittadini americani stessi? I "Losers" del titolo sono un gruppo di elementi delle forze speciali, mandati in missione suicida, che - contro ogni probabilità - anziché schiattare come ci si aspettava, sono tornati per vendicarsi di chi li avrebbe allegramente sacrificati e, trovandosi facendo, decidono di portare in luce il marcio. Non ho visto il film che è stato tratto dalla graphic novel, ma suppongo (poiché i tempi del cinema sono quelli che sono) che sia una divertente pellicola d'azione con molti botti, mentre qui invece c'è molto di più, e di meglio (l'ho detto, sono 700 pagine e rotti...). "The Losers" è un capolavoro, che si gioca con "100 bullets" la palma di migliore graphic novel di questi anni.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Sicuramente una graphic novel che tiene con il fiato sospeso per tutta la sua durata.
    Premetto che ho prima visto la trasposizione cinematografica del primo ciclo e che l'ho trovata splendida. Motivo per cui, viste le molte differenze, ho faticato a seguire l'inizio del fumetto, nonostante ...continua

    Sicuramente una graphic novel che tiene con il fiato sospeso per tutta la sua durata.
    Premetto che ho prima visto la trasposizione cinematografica del primo ciclo e che l'ho trovata splendida. Motivo per cui, viste le molte differenze, ho faticato a seguire l'inizio del fumetto, nonostante sia veramente ben fatto. Poi quando gli avvenimenti si sono fatti "nuovi" è stata un'esplosione di adrenalina e suspence che non mi permettevano di staccare gli occhi da quelle pagine.
    Ritrae in maniera terribilmente spregiudicata un'America corrotta e cattiva, che però ha anche un lato buono formato dalle persone che non vogliono che quelle siano le azioni e le decisioni della loro patria. Inevitabile il non lieto fine, ma sicuramente degno del resto dell'opera.
    Concludo con l'augurio di poter vedere al cinema anche i successivi cicli.

    ha scritto il 

  • 5

    vi piace il fumetto d'azione?se la risposta e' positiva allora questo e' il vostro volume!uno dei pochi fumetti che parlando di politica ,spionaggio ,guerra fredda e cosi via,riesce nell'obbiettivo di tenervi incollati alle pagine senza annoiare mai.buonissimi i testi di Diggle al quale si aggiun ...continua

    vi piace il fumetto d'azione?se la risposta e' positiva allora questo e' il vostro volume!uno dei pochi fumetti che parlando di politica ,spionaggio ,guerra fredda e cosi via,riesce nell'obbiettivo di tenervi incollati alle pagine senza annoiare mai.buonissimi i testi di Diggle al quale si aggiungono gli ottimi disegni di Jock.ottima la carraterizzazione dei membri del gruppo anche se in alcuni casi risultano un po' stereotipati.unico neo di questa lussuosa edizione e' l'alto prezzo di copertina, ben 45 euro che risultano comunque ben spesi.
    i Losers sono stati traditi e ora cercano vendetta...preparatevi il re dei fumetti d'azione e' qui.

    ha scritto il 

  • 4

    complotto col botto!

    Storia & disegni interessanti, una delle più belle serie Vertigo degli ultimi anni raccolta nel balenottero da qualche chilo appena distribuito, anche in occasione dell'imminente film che Hollywood ne ha ricavato. Sarà che le idee migliori vengono ai fumettari o semplicemente è il cinema hollywoo ...continua

    Storia & disegni interessanti, una delle più belle serie Vertigo degli ultimi anni raccolta nel balenottero da qualche chilo appena distribuito, anche in occasione dell'imminente film che Hollywood ne ha ricavato. Sarà che le idee migliori vengono ai fumettari o semplicemente è il cinema hollywoodiano che ne ha meno? Chissà...
    In ogni caso, in attesa dello scoppiettante action movie, il fumetto va letto in quanto tale, e non è male: i "perdenti" sono strampalati (ex) militari/agenti/incursori, trovatisi in giochi troppo più grandi e sporchi di loro, condannati a morire in missione da chi quei giochi li ha orditi, dichiarati morti ma sopravvissuti per vendicarsi e, già che ci sono, fare giustizia.
    Che cos'è l'America? Che cos'è la democrazia capitalista? Quello per cui loro combattevano o quello che li ha schiacciati? Lo scontro di civiltà si svolge sui tomi degli scienziati politici o nelle retrovie degli intrighi internazionali? L'idea è che i "losers" siano la faccia buona della "giusta causa" per cui i militari uccidono e per cui è giusto che lo facciano; i loro nemici sono coloro che avrebbero corrotto tale "giusta causa". Ci sarebbe da discuterne, ma posto questo, abbiamo abbondanza di complottismo & revisionismo, sparatorie & esplosioni, amicizia & tradimenti... un po' di tutto - shaken, not stirred!
    (Minima pecca le solite sviste "Planeta": un baloon ripetuto e qualche traduzione sfasata, ma su 760 pagine, pazienza.)

    ha scritto il