Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Love Letter

By

Publisher: Hodder & Stoughton General Division

3.4
(2267)

Language:English | Number of Pages: 286 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0340660236 | Isbn-13: 9780340660232 | Publish date:  | Edition Film Tie-in Ed

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like The Love Letter ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A 42-year-old divorced mother falls for a 20-year-old in this novel about love, passion and possibilities.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    No, non concordo con chi dice che è un Harmony travestito... gli Harmony non sono così noiosi.

    Mi capita sempre più spesso di incocciare in libri in cui il o la protagonista vengono definiti "straordinari" senza che poi l'autore si dedichi a descriverci, a farci vedere, insomma, l'eccezionalità del summenzionato personaggio. Una eccellenza di default.
    E' il caso della protagonista di ...continue

    Mi capita sempre più spesso di incocciare in libri in cui il o la protagonista vengono definiti "straordinari" senza che poi l'autore si dedichi a descriverci, a farci vedere, insomma, l'eccezionalità del summenzionato personaggio. Una eccellenza di default.
    E' il caso della protagonista di questo libro, la quarantenne e un qualcosa Helen, che pare riuscire a sedurre ogni persona le capiti a tiro con il semplice tocco delle dita, ma che a me, che quel tocco fortunatamente non l'ho ricevuto, pare semplicemente una terribile gatta morta che passa la sua vita a flirtare a destra e a manca.
    Helen è figlia della buona borghesia americana (quella con ville in ogni dove, che ha la casa sempre in ristrutturazione, un matrimonio fallito alle spalle e figlia al camping estivo, e che ha messo in piedi la libreria per occupare il tempo, ma ci ricava pochissimo ovviamente, se non la soddisfazione di sedurre ogni anima passi di li e tutti i suoi dipendeni - e ne ha ben quattro) e arriva dotata di figlia tredicenne, madre ultrasessantenne, e nonna antica. La madre e la nonna, soprattutto la nonna, sono donne straordinarie, loro si. Helen, secondo me, arriva un poco corta, come protagonista.
    Per tornare in careggiata, un giorno Helen trova nella sua corrispondenza una lettera d'amore, scritta da tale Montone a tale sconosciuta Capra.
    Secondo me, la peggior lettera d'amore mai scritta.
    Tuttavia qualcosa deve avere perchè causa turbamenti ormonali e fraintendimenti epocali a tutti coloro che la leggono, Helen per prima.
    Tra le infinite pere mentali che si fa mentre si chiede se è lei Capra (e quindi chi è il misterioso Montone) o, se non lo è, chi cavolo possano essere i due caproni innamorati trova il tempo di sedurre il giovane apprendista commesso che lavora con lei, tale quasi ventunenne Jhonny.
    Ora nulla contro il fatto che Helen si trastuttli con Jhonny, ma l'avesse fatto senza infinite ripetizioni dello stesso concetto, con meno pippe mentali ipocritamente disattese, e senza cincischiare per 257 pagine sarei stata più contenta. Che poi alla fine (quando viene svelato il mistero della lettera) e Helen sta per confessare al mondo la sua relazione con il virgulto virile e vigoroso (e te credo, a vent'anni) scopre che la sua digressione sentimentale è, tutto sommato, una piccola, borghese intemperanza e che c'è - in famiglia - relazione ben più oltraggiosa :).
    Tutto il libro è incentrato sulle infinite elucubrazioni di Helen e Johnny, e lo stile, pure raffinato, è pesante e soprattutto ripetitivo da morire. Dopo un poco di ipocritissimi tira e molla e di riferimenti alla differenza di età ti viene da dire di trovarsi una camera e piantarla (tanto lo faranno lo stesso). Punto debole della storia, a parte lo stile pesanterrimo, due protagonisti che sono come detto una gatta morta e un cucciolotto malleabile.
    Concludo dicendo che no, non è un rosa, perchè i romanzi rosa sono decisamente meno noiosi.

    said on 

  • 1

    Un harmony con la copertina adelphi

    Terribile. Non tanto per la trama in sé ma per tutto il resto: il modo banale in cui viene sviluppata, la scrittura insipida, i personaggi.
    Il porre il tutto nell'ambiente "libreria" e menzionare ogni tanto titoli di classici a caso mi è sembrato solo un goffo tentativo di innalzare il live ...continue

    Terribile. Non tanto per la trama in sé ma per tutto il resto: il modo banale in cui viene sviluppata, la scrittura insipida, i personaggi.
    Il porre il tutto nell'ambiente "libreria" e menzionare ogni tanto titoli di classici a caso mi è sembrato solo un goffo tentativo di innalzare il livello letterario (no, non funziona).
    La protagonista poi è odiosa, un'oca giuliva che risulta insopportabile già dopo poche pagine e non si capisce perché tutti la adorino.

    said on 

  • 2

    Che delusione: un romanzetto banale da quattro soldi.
    La storia ruota intorno ad una libraia quarantaduenne egocentrica, civetta, insopportabile ed ad un giovane commesso ventenne, noioso e che per tutto il romanzo non fa altro che sognare la libraia di cui si è innamorato. Intorno alla lor ...continue

    Che delusione: un romanzetto banale da quattro soldi.
    La storia ruota intorno ad una libraia quarantaduenne egocentrica, civetta, insopportabile ed ad un giovane commesso ventenne, noioso e che per tutto il romanzo non fa altro che sognare la libraia di cui si è innamorato. Intorno alla loro storia d'amore segreta, che a mio parere è animata dall'ossessione e non dall'amore, la scrittrice coinvolge altri abitanti di questa fantomatica città Pequot: dagli uomini, tutti innamorati della libraia Helen, alle sue dipendenti, a sua nonna e sua madre (donne eccentriche) alla ancor più eccentrica Miss Skattergoods, proprietaria della biblioteca comunale del paese. Oh dimenticavo la lettera d'amore che è il titolo del romanzo. Sì c'è anche una lettera d'amore di un Montone indirizzata ad una Capra che è presente in maniera ossessiva per tutto il romanzo e il cui mistero verrà svelato alla fine.
    Il perché delle mie due stelle che in realtà sarebbero dovute essere una? I personaggi sono insopportabili, tutti, nessuno escluso. La storia è banale, noiosa e non ti invoglia neanche a continuare la lettura. Consiglio: mai lasciarsi convincere dalle recensioni poste sul retro.

    said on 

  • 2

    Tempo perso

    Ho finito di leggerlo solo perché avevo l'impressione di averlo già letto. Infatti... Letto e dimenticato!
    Recidiva o masochista? Boh

    said on 

  • 1

    Delusione d'amore

    Comperi un libro Adelphi nella speranza di leggere una storia d'amore magari complessa e diversa dal solito e ti ritrovi con un romanzetto becero e banale. Il peggior libro dell'anno.

    said on 

  • 5

    È sempre bello...

    ... quando un romanzo parla d'amore e di buoni sentimenti.
    Mi piace sempre leggere in che modo l'innamoramento e l'amore si affacciano nella vita di una persona.
    Questo mi è piaciuto molto perché di vite che si affacciano all'innamoramento ed all'amore c'è ne sono addirittura quattro< ...continue

    ... quando un romanzo parla d'amore e di buoni sentimenti.
    Mi piace sempre leggere in che modo l'innamoramento e l'amore si affacciano nella vita di una persona.
    Questo mi è piaciuto molto perché di vite che si affacciano all'innamoramento ed all'amore c'è ne sono addirittura quattro
    Ognuno a proprio modo sente, vive questa pazzesca esperienza.
    La cosa bella è che i quattro protagonisti sono quattro innamorati NON CONVENZIONALI!
    Ma ognuno di loro sente a modo proprio dentro di se il cambiamento.
    La cosa più bella è che il finale è divertente.
    Buone letture!
    BUONAVITA!

    said on 

  • 3

    Mai lettera fu meno romantica

    La capacità ritrattistica di Cathleen Schine è sorprendente, con pochi tratti riesce a portare in vita i suoi personaggi di carta.. eppure La lettera d'amore mi ha delusa: una scrittura superba per un contenuto così misero!


    Il romanzo smentisce il suo titolo: non c'è romanticismo nella sto ...continue

    La capacità ritrattistica di Cathleen Schine è sorprendente, con pochi tratti riesce a portare in vita i suoi personaggi di carta.. eppure La lettera d'amore mi ha delusa: una scrittura superba per un contenuto così misero!

    Il romanzo smentisce il suo titolo: non c'è romanticismo nella storia tra Helen e il suo giovane amico, men che meno nell'epilogo. Possibile che il romanzo sia servito all'autrice per sfogare sulla carta una qualche reverie mai realizzata?

    Conoscete qualche romanzo di Schine che mi consigliereste di leggere?

    said on 

  • 2

    Un libro abbastanza insulso! L'idea della lettera misteriosa non sarebbe nemmeno male, ma il libro è pieno di banalità, il brodo molto allungato con ripetizioni e aggettivazioni esagerate e inutili. La protagonista da qualsiasi lato la guardi resta antipatica e non riesci minimamente a fartela pi ...continue

    Un libro abbastanza insulso! L'idea della lettera misteriosa non sarebbe nemmeno male, ma il libro è pieno di banalità, il brodo molto allungato con ripetizioni e aggettivazioni esagerate e inutili. La protagonista da qualsiasi lato la guardi resta antipatica e non riesci minimamente a fartela piacere; si vergogna moltissimo di ciò che fa ma continua a farlo e alla fine si consola e si assolve "scoprendo" che c'è di peggio...

    said on 

Sorting by