The Naked Sun

(Robot Series, Book 2)

By

Publisher: Collins

4.2
(2700)

Language: English | Number of Pages: 208 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi simplified , Spanish , Italian , French , German , Portuguese , Chi traditional , Slovenian , Polish , Swedish , Finnish , Dutch , Czech , Hungarian

Isbn-10: 0586010165 | Isbn-13: 9780586010167 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , School & Library Binding , Hardcover , Audio CD , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Naked Sun ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Baley in un nuovo mondo...

    Il mio secondo Asimov è il secondo romanzo del ciclo dei robot, dopo lo splendido “Abissi d’Acciaio”.
    Ritroviamo il detective Baley, e ritroviamo il suo collega, R. Daneel, robot umanoide, qui chiamat ...continue

    Il mio secondo Asimov è il secondo romanzo del ciclo dei robot, dopo lo splendido “Abissi d’Acciaio”.
    Ritroviamo il detective Baley, e ritroviamo il suo collega, R. Daneel, robot umanoide, qui chiamati a investigare su un misterioso delitto avvenuto a Solaria, uno dei Mondo Spaziali, considerato uno spazio perfetto, dove nulla accade mai. Il Sole Nudo altro non è che la luce del sole, potente, accecante, che Baley si ritrova sul viso quando arriva in questo mondo per lui del tutto nuovo, lui che è costretto a vivere in una New York coperta, sotterranea. E’ stuzzicante vedere il nostro protagonista che vive con shock le diversità di questo universo così estraneo al suo. E’ un universo in cui gli uomini sono talmente pochi che non hanno quasi mai contatti fisici, diretti, ma si “visionano” tramite monitor che danno loro l’illusione di essere uno accanto all’altro, quando in realtà sono a distanza di centinaia o migliaia di kilometri. Ma Baley non ci sta, e alcuni dei possibili assassini vuole vederli dal vivo, e far provare anche a loro questa esperienza tanto eccitante e al contempo traumatizzante.
    Dopo “Abissi d’acciaio” anche questo è un romanzo notevole. E, per quanto continuo a rifiutarmi di inscatolarlo in un solo genere, poiché sarebbe riduttivo, qui, rispetto al primo romanzo del ciclo, ho sentito premere di più i meccanismi del giallo classico, in tutte le loro complessità e con tutti i loro risvolti.
    E’ come se avessimo un giallo di stampo classico in uno scenario futuristico e, sullo sfondo e in primo piano, una serie di riflessioni, tutte diverse, sulla natura umana, sulle relazioni umane, sulla società, sulla diversità, esplorate in tutte le loro sfaccettature.
    Nemmeno questa volta la lettura mi ha annoiata, anzi, mi ha dato talmente tanti stimoli che ho pensato di accaparrarmi subito e leggere anche il terzo dei quattro romanzi che compongono il Ciclo dei Robot.
    Ma poi mi sono detta che è meglio aspettare. Le cose belle non vanno forse centellinate?

    said on 

  • 4

    Molto più appassionante dela prima indagine, questa seconda inchiesta dell'improbabile duo è quasi perfetta.
    Devo costringermi ad una pausa o mi brucio i restanti due romanzi in pochi giorni e non va ...continue

    Molto più appassionante dela prima indagine, questa seconda inchiesta dell'improbabile duo è quasi perfetta.
    Devo costringermi ad una pausa o mi brucio i restanti due romanzi in pochi giorni e non va bene :)

    said on 

  • 5

    il sole nudo di Solaria il più giovane e strano mondo spaziale, dove la presenza fisica è considerata un abominio è il teatro della seconda avventura di Elijiah Baley investigatore terrestre di livell ...continue

    il sole nudo di Solaria il più giovane e strano mondo spaziale, dove la presenza fisica è considerata un abominio è il teatro della seconda avventura di Elijiah Baley investigatore terrestre di livello C-6.
    un illustre spaziale viene trovato morto e viene richiesto l'aiuto della terra per risolvere un caso che non sembra possa avere soluzioni. Baley inizia così la sua seconda avventura

    said on 

  • 5

    Ritornano i detective del futuro, Elijah Baley e Robot Daneel Olivaw. Il sole nudo è il 2° romanzo del ciclo dei robot di Asimov, ed è avvincente come solo le opere di quest'autore sanno essere. Il te ...continue

    Ritornano i detective del futuro, Elijah Baley e Robot Daneel Olivaw. Il sole nudo è il 2° romanzo del ciclo dei robot di Asimov, ed è avvincente come solo le opere di quest'autore sanno essere. Il terrestre, e come tale agorafobico, Baley viene mandato su uno dei mondi esterni, Solaria, per indagare su un omicidio. E' la prima volta di un terrestre nello spazio da secoli. Sembra delinearsi sin da subito che questo delitto non possa essere stato commesso... L'acume ed il coraggio di Baley porteranno non solo alla scoperta del colpevole, ma ad un ripensamento generale delle condizioni di vita sulla Terra, a partire dall'analisi di quelle dei solariani.

    said on 

  • 5

    Asimov al secondo tentativo riesce a mescolare alla perfezione giallo e fantascienza. Se la seconda componente eccelle come sempre, anche la prima risulta non scontata ed intrigante. Come al solito qu ...continue

    Asimov al secondo tentativo riesce a mescolare alla perfezione giallo e fantascienza. Se la seconda componente eccelle come sempre, anche la prima risulta non scontata ed intrigante. Come al solito quando scrive Asimov ci si innamora del suo racconto.

    said on 

  • 3

    secondo (e meno appassionante dell'esordio avvenuto con 'abissi d'acciaio') capitolo del ciclo dei robot con la coppia di investigatori baley l'umano e olivaw l'androide. interessante invece la descri ...continue

    secondo (e meno appassionante dell'esordio avvenuto con 'abissi d'acciaio') capitolo del ciclo dei robot con la coppia di investigatori baley l'umano e olivaw l'androide. interessante invece la descrizione del pianeta esterno solaria, sottopopolato da ventimila abitanti agiati e serviti da decine di robot. il serio problema della sovrappolazione della terra era giudicato da asimov più pericoloso ancora della guerra atomica.

    said on 

  • 0

    Come il precedente, metà fantascienza e metà giallo: bene!
    Come nel precedente, ci sono Elijah Baley e R. Daneel Olivaw: evvai!
    Peccato che Daneel per un po’ esce di scena, ma a un certo punto rientra ...continue

    Come il precedente, metà fantascienza e metà giallo: bene!
    Come nel precedente, ci sono Elijah Baley e R. Daneel Olivaw: evvai!
    Peccato che Daneel per un po’ esce di scena, ma a un certo punto rientra in gioco e lo fa alla grande (“La fredda occhiata di Daneel era troppo penetrante e spaccava un’anima in quattro. Giosafatte! Quella cosa era soltanto una macchina”).
    Si vede un po’ più da vicino questa nuova realtà di altri mondi colonizzati dagli umani (già accennata in “Abissi d’acciaio”), in particolare il pianeta Solaria dove l’umanità si è evoluta in modo originale fino a creare una civiltà (economia, sviluppo tecnologico, modalità di relazione sociale, riproduzione e sistema educativo) completamente diversa da quella della Terra.
    La storia decolla di più però nella seconda parte e qui si divora d’un fiato. Finale con sorpresa e con uno squarcio sul futuro che fa venire voglia di leggere subito i romanzi successivi.
    Si intuisce che le tre leggi della robotica verranno perfezionate.
    Errore di traduzione nella penultima pagina dell’edizione italiana Mondadori: il figlio di Baley ha sette anni ma dovrebbe averne 17 come nella versione originale (Wikipedia).
    Quinto libro della saga che comprende il ciclo dei robot, dell'impero e delle fondazioni.

    said on 

  • 5

    Ciclo dei Robot

    Abissi d'acciaio
    Il sole nudo
    I robot dell'alba
    I robot e l'impero

    Che dire, questi sono capolavori.

    Si passa da un'ipotetica evoluzione del modo di vivere dell'uomo alla colonizzazione della galassia ...continue

    Abissi d'acciaio
    Il sole nudo
    I robot dell'alba
    I robot e l'impero

    Che dire, questi sono capolavori.

    Si passa da un'ipotetica evoluzione del modo di vivere dell'uomo alla colonizzazione della galassia, molto difficile e piena di discriminazioni, razzismo, scontri politici; il tutto condito da gialli inspiegabili, che metteranno a dura prova i protagonisti, umani o robot che siano.

    Asimov si muove benissimo in questo ambiente sci-fi/giallo, i suoi generi preferiti si mescolano a creare qualcosa di nuovo, portando il lettore a seguire ragionamenti a volte anche molto articolati senza trovare mai nessun tipo di problema.

    Una gran bella partenza della saga galattica, che prepara le basi del celeberrimo "Ciclo della Fondazione".

    said on 

Sorting by