Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Picture of Dorian Grey

By

Publisher: Random House USA Inc

4.3
(30216)

Language:English | Number of Pages: 272 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , Chi traditional , Japanese , Chi simplified , French , German , Italian , Dutch , Catalan , Finnish , Greek , Turkish , Polish , Basque , Czech , Galego

Isbn-10: 0375751513 | Isbn-13: 9780375751516 | Publish date:  | Edition Modern Library

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , Audio Cassette , Others , Library Binding , Audio CD , Mass Market Paperback , School & Library Binding , Unbound , Boxset , eBook , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Picture of Dorian Grey ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Oscar Wilde's story of a fashionable young man who sells his soul for eternal youth and beauty is one of his most popular works. Written in Wilde's characteristically dazzling manner, full of stinging epigrams and shrewd observations, the tale of Dorian Gray's moral disintegration caused something of a scandal when it first appeared in 1890. Wilde was attacked for his decadence and corrupting influence, and a few years later the book and the aesthetic/moral dilemma it presented became issues in the trials occasioned by Wilde's homosexual liaisons, trials that resulted in his imprisonment. Of the book's value as autobiography, Wilde noted in a letter, "Basil Hallward is what I think I am: Lord Henry what the world thinks me: Dorian what I would like to be--in other ages, perhaps."
Sorting by
  • 4

    Che dire di un capolavoro, la figura straordinaria di Dorian Gray e tutto quello che rappresenta ne fa uno dei personaggi più sublimi della letteratura. Vorrei sottolineare anche la figura non seconda ...continue

    Che dire di un capolavoro, la figura straordinaria di Dorian Gray e tutto quello che rappresenta ne fa uno dei personaggi più sublimi della letteratura. Vorrei sottolineare anche la figura non secondaria di Lord Henry che è la voce dello scrittore con tutte le sue celebri frasi e aforismi e quel suo modo di vedere la vita e sopratutto le persone.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Avendolo già letto una volta non avevo dubbi sul fatto che sarebbe stata una lettura molto piacevole e affascinante, ma ne sono rimasta ugualmente colpita.
    In particolare, si sa che il romanzo contien ...continue

    Avendolo già letto una volta non avevo dubbi sul fatto che sarebbe stata una lettura molto piacevole e affascinante, ma ne sono rimasta ugualmente colpita.
    In particolare, si sa che il romanzo contiene il manifesto dell'estetismo e che ne esalta in ogni capitolo i principi, dalla ricerca del piacere al culto della bellezza, due attività per definizione superficiali, eppure il genio di Wilde é riuscito a darvi profondità, facendo un'attenta analisi del cuore dell'uomo.

    Perché non ci piace ciò che é brutto? Perché è importante essere belli, o conoscere persone belle, o avere belle cose? Cosa c'è nella bellezza, e che tipo esattamente di bellezza andiamo cercando? Una frase in particolare mi ha colpita, che diceva che ciò che è brutto ci fa pensare a ciò che è reale, come se ci fosse un legame inscindibile tra la realtà e la bruttezza.

    Gli ultimi capitoli sono stati illuminanti, e sono i capitoli in cui Dorian Gray è costantemente assillato dalla paura di morire. La realtà è cruda, difficile, ma soprattutto non è eterna, e allora eccoci alla ricerca di una piccola eternità: guardare un quadro e sapere che quel quadro che vivrà in eterno è stato guardato in un momento della sua storia proprio da noi, e non da un altro, cercare di vivere una storia d'amore ideale per poterla paragonare a quella di tanti eroi ed eroine che tra le pagine dei libri e nella memoria della gente si innamoreranno in eterno, sono tutte azioni che hanno lo scopo di non morire.

    E la morte di Dorian, allora? Vuol dire il fallimento di tutti questi tentativi? Assolutamente no, e il motivo è molto semplice: che Dorian, al contrario di tutti noi, non è andato alla ricerca della bellezza o della sua contemplazione. La bellezza gli viene donata come qualcosa di eterno, di immortale, ma il legame che c'è tra anima e bellezza è tanto intenso quanto breve, ed è quando si ha la certezza che non si può morire che si cerca di morire a tutti i costi.

    said on 

  • 3

    Molto molto introspettivo e psicologico, avrei decisamente preferito una lettura più romanzata, ma ognuno ha i propri gusti.
    Tutto sommato il libro non è male, Gray è un personaggio affascinante e amb ...continue

    Molto molto introspettivo e psicologico, avrei decisamente preferito una lettura più romanzata, ma ognuno ha i propri gusti.
    Tutto sommato il libro non è male, Gray è un personaggio affascinante e ambiguo

    said on 

  • 5

    Un capolavoro senza tempo. Una metafora dell'esistenza, dove tutto scompare sotto il peso dell'estetica e dell'apparenza. Bellissime anche le descrizioni e le divagazioni sulla cultura francese e grec ...continue

    Un capolavoro senza tempo. Una metafora dell'esistenza, dove tutto scompare sotto il peso dell'estetica e dell'apparenza. Bellissime anche le descrizioni e le divagazioni sulla cultura francese e greca. Peccato che Oscar Wilde abbia scritto solo un romanzo...

    said on 

  • 1

    Dopo Il nome della rosa, in assoluto la cosa più noiosa che abbia mai letto.
    Fastidioso. Ok, tutti conosciamo a grandi linee la storia di Dorian Gray. Quindi, immaginavo che nel libro leggessi di nefa ...continue

    Dopo Il nome della rosa, in assoluto la cosa più noiosa che abbia mai letto.
    Fastidioso. Ok, tutti conosciamo a grandi linee la storia di Dorian Gray. Quindi, immaginavo che nel libro leggessi di nefandezze indicibili, crudeltà e sadismo.
    La storia più o meno è così:
    Lascia la fidanzata - nota il primo cambiamento nel quadro.
    Salto temporale di due decadi, in cui non si descrive assolutamente cosa ha fatto il protagonista - il quadro ormai rappresenta un mostro.
    Però, oh, vuoi mettere il meraviglioso capitolo in cui si descrive ogni collezione del nostro Dorian Gray? Paragonabile solo alla descrizione della porta di Umberto Eco e alle analisi statistiche di Giorgio Tosatti.
    Per non parlare di Lord Henry, alter ego del pesantissimo e noioso Wilde, con le sue CENTINAIA di aforismi. Un'ideologia maschilista troppo marcata, un eccessivo ed ingiustificato cinismo, ogni scusa è buona per buttarci giù un ennesimo aforisma inutile.

    said on 

  • 5

    Il libro è assolutamente fantastico. La trama è molto interessante e ben sviluppata, i personaggi sono bellissimi e affascinanti. Non mi riferisco tanto al protagonista Dorian Gray, che comunque riman ...continue

    Il libro è assolutamente fantastico. La trama è molto interessante e ben sviluppata, i personaggi sono bellissimi e affascinanti. Non mi riferisco tanto al protagonista Dorian Gray, che comunque rimane simbolo di innocenza e giovinezza che vengono corrotte da tentazioni e corruzioni. Mi riferisco di più ai personaggi di Lord Harry, con il suo crudele ma al tempo stesso giusto e intelligente pensiero sulla vita degli uomini e Basil Hallward, il personaggio, per me, più sentimentale e passionale, anche più umano sotto certi punti di vista. Già dall'incipit mi sono innamorata del libro. Oscar Wilde è uno scrittore incredibile e il suo stile si riconosce sempre.

    said on 

  • 4

    "mio caro ragazzo tra poco andrai in giro come i convertiti a mettere in guardia la gente contro i peccati di cui ti sei stancato. ma sei troppo bello per farlo. E. d'altra parte, è inutile: tu ed io ...continue

    "mio caro ragazzo tra poco andrai in giro come i convertiti a mettere in guardia la gente contro i peccati di cui ti sei stancato. ma sei troppo bello per farlo. E. d'altra parte, è inutile: tu ed io siamo quel che siamo e saremo quel che saremo..."

    said on 

Sorting by