Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Power of the Dog

By Don Winslow

(26)

| Paperback | 9780099464983

Like The Power of the Dog ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The title, "The Power of the Dog" comes from the Psalms: Save my soul from the sword, my love from the power of the dog. And Don Winslow's masterpiece is not only a page-turning thriller but also a rich and compelling novel about a very mixed group o Continue

The title, "The Power of the Dog" comes from the Psalms: Save my soul from the sword, my love from the power of the dog. And Don Winslow's masterpiece is not only a page-turning thriller but also a rich and compelling novel about a very mixed group of characters, each in his or her own way seeking some sort of salvation or redemption. The plot is essentially simple: how the US government and some of its quasi-autonomous agencies (CIA, FBI, DEA) all for their own reasons encouraged, sponsored and actively financed and helped the development of the drug cartels and their trade in Mexico. Groups of characters are - a young Chicano boy from the Barrio who makes good and becomes a Senator (and who is the target of an assassination plot that tops and tails the book); a morally troubled DEA boss who tries to do good, but who is driven by events and by a desire both for salvation and revenge to sleep with the devil; and the various gang leaders, some of them psychopathic, others urbane, civilised and deadly; a high-class prostitute; and a charismatic Catholic priest who is dedicated to the improvement of the lives of his people.
Out of this simple material, Winslow has built a novel that works on so many levels and offers so many satisfactions it defies belief. Praise for Don Winslow: 'Don Winslow is the kind of cult writer who is so good you almost want to keep him to yourself, as if letting everyone in on the secret will somehow dilute the pleasure. So gulp down this book, tell all your friends, and remember - you heard it here first!' - Ian Rankin. 'The Death and Life of Bobby Z. It has whiplash speed, deliciously sleazoid characters and a major altitude problem. What a blast!' - Carl Hiaasen.

440 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    non credo che si possa chiedere di più da un romanzo crime.
    Forte Realismo, ambientazione perfetta, fatti storici che fanno da sfondo alla fiction, personaggi tridimensionali.
    Suspance, immedesimazione, il suo capolavoro.

    Is this helpful?

    Alex Bertoli said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 10 people find this helpful

    El poder del perro. Messico, Colombia, Stati Uniti. Un potere sconvolgente e cieco. In mano a poche persone - i signori della droga - che non provano alcuna pietà per le persone che quel potere non ce l'hanno.
    Contro questo potere, contro il potere d ...(continue)

    El poder del perro. Messico, Colombia, Stati Uniti. Un potere sconvolgente e cieco. In mano a poche persone - i signori della droga - che non provano alcuna pietà per le persone che quel potere non ce l'hanno.
    Contro questo potere, contro il potere dei narcotraficantes, operano gli agenti della DEA e della CIA. A ben vedere, altri aristocrati, non meno legati a quell'oscuro potere, spesso altrettanto indifferenti alla sorte di chi può esserne solo vittima.
    Nel romanzo di Don Winslow ci sono Adan e Raul Barrera contro Arthur Keller. Ci sono i cartelli messicani contro un groviglio di agenzie facenti capo agli Stati Uniti che in teoria dovrebbero rappresentare la giustizia.
    Ma si può stare tranquilli. Perché il libro di Winslow non diventa mai (quasi mai...) il didascalico racconto di un conflitto tra il bene e il male.
    Mi ha ricordato, sotto certi aspetti, "American Tabloid" di Ellroy.
    Solo che nel noir di Winslow - fatti salvi alcuni obiettivi limiti - ho trovato una storia avvincente, una di quelle storie alla quale continui a pensare fino a che non hai terminato di leggerla: cosa che (per me) non è avvenuta con il romanzo di Ellroy.
    Nel secondo libro dell'Eneide - una delle cose più grandi che siano state mai scritte - Virgilio racconta la notte fatale in cui Troia viene distrutta. È con una scena simile che si apre il "poema" di Winslow. Il massacro di una famiglia da parte dei narcotraficantes. Una violenza furiosa, incomprensibile. I Greci non avevano fatto nulla di diverso. Il piccolo Astianatte viene precipitato dalle mura della città. Pirro Neottolemo trucida il vecchio Priamo davanti agli altari sacri. 

    "Il neonato è morto tra le braccia della madre. 
    Art Keller deduce dalla posizione dei cadaveri - lei sopra, il bimbo sotto - che la donna ha cercato di fargli da scudo. Di certo sapeva, riflette Art, che la sua morbida carne non poteva fermare le pallottole - non quelle di un fucile automatico, non da quella posizione - ma doveva aver agito per istinto."

    Poi, per oltre 700 pagine, il racconto di una lunga guerra. È un noir, dunque non ci sono divagazioni liriche o sociologiche.
    Solo il violento incedere degli eventi.
    "La guerra al narcotraffico come non l'avete mai sentita raccontare", ha scritto Einaudi in quarta di copertina. 
    Ma non è così. Piuttosto: la guerra al narcotraffico come potreste aspettarvi che venga raccontata.  Come potreste volere che venga raccontata. Cioè: con molti personaggi (sai già che pochi arriveranno vivi a pagina 714), con storie di amore, di passione, di sesso, di vendetta (soprattutto di vendetta).
    Un intreccio assolutamente già visto ma, dopo migliaia e migliaia di anni, ancora assolutamente credibile. Viviamo nel 2014 - un anno nel quale saranno stati ambientati diversi romanzi di fantascienza scritti verso la metà del secolo scorso - ma continuiamo ad aver bisogno dell'ἕπος. Don Winslow ha ricavato l'ἕπος dal mondo dei narcotrafficanti, lo ha adattato alla imperante moda del poliziesco e lo ha dato in pasto ai lettori.
    Ha scritto un libro in cui per forza di cose molti elementi sono prevedibili. Dovevano esserlo. In questo sta la forza - se forza c'è - del suo libro. I limiti cui accennavo prima sono - ecco - quegli elementi davvero troppo prevedibili, i cliché che ti fanno cascare le braccia, come il malvagio nunzio apostolico dell'Opus Dei che fa accordi con i signori della droga. 
    Ho letto "Il potere del cane", materialmente, sotto l'ombrellone e mi sono sentito, in qualche indefinibile maniera, più fortunato e ricco degli altri bagnanti che leggevano Il Corriere dello Sport o Dipiù. Io ho una storia interessante fra le mani, pensavo, voi no.
    Anche se, ad onor del vero, devo riconoscere che qualche ombrellone a sinistra c'erano due vecchiette che disquisivano dell'inopportunità di (ri)leggere, alla loro età, Anna Karenina...

    Is this helpful?

    Io sono leggenda said on Jul 22, 2014 | 11 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Lettura inevitabile

    Peccato io l'abbia letto dopo la visione di breaking bad e non prima... Ma alla fine io non l'ho mica capito qual'è il potere del cane!

    Is this helpful?

    Zorka said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo che "inevitabilmente"

    Una storia che per le sue 700 pagine, inevitabilmente, ti accompagna per un tempo lungo. Un tempo lungo in cui, inevitabilmente, ci si affeziona ai tanti protagonisti. Di tanti protagonisti, inevitabilmente, ne trovi uno in cui ti immedesimi facendo ...(continue)

    Una storia che per le sue 700 pagine, inevitabilmente, ti accompagna per un tempo lungo. Un tempo lungo in cui, inevitabilmente, ci si affeziona ai tanti protagonisti. Di tanti protagonisti, inevitabilmente, ne trovi uno in cui ti immedesimi facendo di una storia, che nasce dalla fantasia del suo autore, inevitabilmente, la tua realtà. La fantasia, quando si parla di collusione tra U.S.A. narcotraffico, paramilitari e chi più ne a più ne metta, inevitabilmente, è la realtà. Un libro così, inevitabilmente, va letto.

    Is this helpful?

    Luka Richter said on Jun 21, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Porca vacca, capolavoro.

    Elaborando meglio il concetto Il potere del cane è probabilmente il migliore romanzo crime che abbia mai letto: settecento pagine di crescendo continuo che mi hanno lasciato quasi spossato. Non un personaggio fuori lu ...(continue)

    Porca vacca, capolavoro.

    Elaborando meglio il concetto Il potere del cane è probabilmente il migliore romanzo crime che abbia mai letto: settecento pagine di crescendo continuo che mi hanno lasciato quasi spossato. Non un personaggio fuori luogo, né un solo capitolo appesantito da qualsivoglia orpello; più che un romanzo sembra un resoconto accurato e agghiacciante. Se ci fosse la sesta stella se la meriterebbe.

    Is this helpful?

    Baldurian said on Jun 19, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Uno di quei libri che ti ricorda quanto è bello leggere

    Una storia ben costruita, una narrazione ultra avvincente, un libro tanto lungo le cui pagina volano via velocemente. E poi i personaggi: alcuni sono veramente belli, così sfaccettati, così ben approfonditi lungo tutta la storia; in particolare mi so ...(continue)

    Una storia ben costruita, una narrazione ultra avvincente, un libro tanto lungo le cui pagina volano via velocemente. E poi i personaggi: alcuni sono veramente belli, così sfaccettati, così ben approfonditi lungo tutta la storia; in particolare mi sono molto piaciuti quelli di Callan e di Adan. Molto abilmente l'autore ci ricorda che nessuno è del tutto buono e nessuno è del tutto cattivo, che è tutto impuro, tutto inquinato, che niente è quello che sembra.
    Il libro è anche istruttivo, in quanto tutta la trama si snoda sullo sfondo di una storia vera, quella delle ingerenze degli USA nella vita dei paesi del Sud e Centro America.
    E infine, una storia di amore poco più che accennata, ma molto bella, tra due personaggi "dannati".
    Unica forzatura: l'inserimento nella storia dell'Opus Dei, che secondo me non ha aggiunto nulla e quindi non si è giustificato. Ho avuto la sensazione che l'autore abbia ritenuto un suo dovere inserirlo, come se ogni romanzo di intrighi debba per forza avere tra i protagonisti l'Opus Dei.

    Is this helpful?

    Marilin said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book