The Punisher Max vol. 1

Born

Di

Editore: Panini Comics - Marvel Italia (100% Marvel)

4.2
(97)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8883439716 | Isbn-13: 9788883439711 | Data di pubblicazione: 

Illustratore o Matitista: Darick Robertson

Genere: Fumetti & Graphic Novels

Ti piace The Punisher Max vol. 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nell’inferno del Viet-Nam, le vere origini del Punitore! Per anni abbiamo creduto che, l’ex marine Frank Castle avesse dedicato la propria vita allo sterminio dei criminali per vendicare l’uccisione casuale della sua famiglia in un conflitto a fuoco fra bande di mafiosi... Be’, oggi scopriamo che non è la verità, o meglio, non lo è del tutto. Per la prima volta, nella tradizione di “Origini”, ecco a voi la storia di come Frank perse la ragione e divenne la macchina di morte chiamata il Punitore! Di Garth Ennis e Darick Robertson.
Ordina per
  • 0

    uno potrebbe dire che il punitore è uno di noi, una persona pebbène che ha lavorato tanti anni, è andato a fare il vietnàmm e se ne è tornato con una mano avanti e una indietro, e che poi quando se ne ...continua

    uno potrebbe dire che il punitore è uno di noi, una persona pebbène che ha lavorato tanti anni, è andato a fare il vietnàmm e se ne è tornato con una mano avanti e una indietro, e che poi quando se ne poteva stare in grazia di dio la mafia gli ha ucciso la moglie e i figli mentre se ne stavano per cazzi loro. allora lui praticamente capisce che lo stato e i malamenti fanno ognuno il loro gioco e in mezzo ci stanno i poveri madonni che tengono il problema di campare. perciò lui che è uno bucchinaro, tanti anni di vita militare, uno che non la fa buona manco a cristo, uno che è abituato a togliersi i cazzi a culo con la ponta delle scarpe, si sfastarèa e comincia a fare piangere i malamenti senza mazzate.
    diciamo però che uno potrebbe pure dire che il punitore si porta dentro un istinto di morte. un doppio. che è uno di quelli che si sente vivo in queste gioie perverse. che è uno che tiene un solo pensiero in testa: punire, dare a ognuno quello che si merita. che la moglie e i figli sono l'ultima speranza per tenere tutti i pezzi insieme e non passare definitivamente al lato oscuro. il lato oscuro che però gli piace tanto. che una volta che gliel'hanno tolta statti bene e ciao, non lo mantieni più.
    nessuna vendetta, nessuna giustizia, solo un doppio, solo il lato oscuro, essere quello che veramente sei senza limiti, quando non ci sta più nessuna motivazione che ti puoi dare, nessuna palla che ti puoi raccontare.
    un talento naturale che ha avuto l'occasione giusta.
    sarebbe sempre uno di noi il punitore? azz, è certo che sì.
    caro punitore, io ti voglio bene e ti capisco a te.

    ha scritto il 

  • 5

    Il bene e il male non esistono. Esiste solo un'unica, inestricabile, tragica jungla di vita nella quale si e' costretti a lottare tutti i giorni per portare a casa la pelle. E questa jungla puo' esser ...continua

    Il bene e il male non esistono. Esiste solo un'unica, inestricabile, tragica jungla di vita nella quale si e' costretti a lottare tutti i giorni per portare a casa la pelle. E questa jungla puo' essere benissimo quella vietnamita, dove si aggira uno stonato e micidiale Frank Castle, capitano di fanteria alle prese con quei demoni che partoriranno lo psico-killer Punitore. Un albo clamorosamente bello!

    ha scritto il 

  • 5

    terribile e indimenticabile. le origini del personaggio più affascinante di casa marvel riscoperte dal genio di Ennis. duro, spietato, sporco e cattivo fino all'osso. comincia qui a delinearsi la figu ...continua

    terribile e indimenticabile. le origini del personaggio più affascinante di casa marvel riscoperte dal genio di Ennis. duro, spietato, sporco e cattivo fino all'osso. comincia qui a delinearsi la figura di quello che diventerà il Punitore, in una riscoperta del personaggio che ha dell'incredibile.

    ha scritto il 

  • 4

    Dove tutto è iniziato...

    L'ultimo ciclo del PUNITORE di Ennis è un capolavoro: nessun altro sarebbe stato in grado di andare così a fondo nel personaggio, di scavarne l'anima nera così in profondità. 12 volumi da on perdere d ...continua

    L'ultimo ciclo del PUNITORE di Ennis è un capolavoro: nessun altro sarebbe stato in grado di andare così a fondo nel personaggio, di scavarne l'anima nera così in profondità. 12 volumi da on perdere di cui BORN è solo il primo. BORN è l'inizio di ogni cosa, il punto zero di Frank Castle. Il finale non è proprio soddisfacente per i miei gusti, ma tutto il resto è puro Ennis al 100%. L'Ennis migliore di sempre, maturo e violento.
    Decisamente imperdibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Vietnam, 1976, base di Valley Forge: a corto di rifornimenti, circondata dai vietcong ostili ed osteggiata dalle stesse alte sfere dell'esercito USA, è facile immaginare la fine che farà...anche se un ...continua

    Vietnam, 1976, base di Valley Forge: a corto di rifornimenti, circondata dai vietcong ostili ed osteggiata dalle stesse alte sfere dell'esercito USA, è facile immaginare la fine che farà...anche se uno dei soldati, il giovane capitano Castle, non è affatto d'accordo! Capolavoro assoluto di testi e disegni, per uno dei più bei fumetti di guerra di sempre.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Una storia del Punitore diversa dal solito. Da leggere se non si rimane shockati per stupri e omicidi nel plotone di cui si fa parte.

    ha scritto il 

  • 4

    Tre stelle e non due solo perchè la serie mi piace molto.Questo è sicuramente i numero peggiore,l'idea di base mi piace e non è sviluppata neanche tanto male,gli altri volumi sono tutt'altra cosa però ...continua

    Tre stelle e non due solo perchè la serie mi piace molto.Questo è sicuramente i numero peggiore,l'idea di base mi piace e non è sviluppata neanche tanto male,gli altri volumi sono tutt'altra cosa però.

    ha scritto il