The Queen's Fool

By

Publisher: Touchstone

3.9
(357)

Language: English | Number of Pages: | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0739440802 | Isbn-13: 9780739440803 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Softcover and Stapled , eBook , Others , Audio CD

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like The Queen's Fool ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Bel libro storico

    Bel romanzo storico ambientato in epoca Tudor, in particolare durante il regno della figlia di Enrico VIII, Maria.
    Ben descritto il rapporto fra sorellastre, ben profilati i personaggi, ben inserita l ...continue

    Bel romanzo storico ambientato in epoca Tudor, in particolare durante il regno della figlia di Enrico VIII, Maria.
    Ben descritto il rapporto fra sorellastre, ben profilati i personaggi, ben inserita la trama di fantasia nella Storia documentata.
    La storia è avvincente ma quello che affascina è il ritratto di un'epoca. Sembra di essere lì, nei corridoi freddi dei castelli in pietra, con cortigiani e cospiratori ad ogni angolo.
    Bellissimo libro, lettura consigliata a chi ama il genere.

    said on 

  • 3

    Tre e mezza

    Continuo la mia lettura della saga dei Tudor. Questa volta il libro mi è piaciuto meno degli altri due, forse perché basato sulle capacità soprannaturali di Hanna, la protagonista. La storia diventa a ...continue

    Continuo la mia lettura della saga dei Tudor. Questa volta il libro mi è piaciuto meno degli altri due, forse perché basato sulle capacità soprannaturali di Hanna, la protagonista. La storia diventa ancora più romanzata e perde un po '.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    tre stelle e mezzo

    Questo libro narra le vicende di Hannah Green, una giovane ebrea spagnola fuggiasca, che è appena giunta in Inghilterra con il padre per sfuggire ai roghi dell'inquisizione.
    Un giorno, mentre attende ...continue

    Questo libro narra le vicende di Hannah Green, una giovane ebrea spagnola fuggiasca, che è appena giunta in Inghilterra con il padre per sfuggire ai roghi dell'inquisizione.
    Un giorno, mentre attende clienti davanti alla bottega del padre, vestita da ragazzo come è solita fare da quando sono in fuga, Hannah incontra per la prima volta Robert Dudley, John Dee e un misterioso e scintillante cavaliere.
    Il cavaliere però non è reale, è una delle visioni di Hannah che ha il dono della preveggenza.
    Incuriositi e affascinati dal suo potere, i due uomini decidono di volere con loro la ragazza. Robert Dudley quindi impone ad Hannah la vita di corte: sarà il buffone, la sacra folle al servizio del morente re Edoardo ma soprattutto sarà i suoi occhi e le sue orecchie.
    Nel frattempo Hannah si troverà fidanzata, per decisione del padre, con un giovane medico ebreo che la vuole una moglie sottomessa e dedita alle arti femminili. Tutto quello che Hannah, con la vita che è stata costretta a vivere, non è nè vuole essere.
    Da quel momento in poi la protagonista sarà una futura sposa recalcitrante e cocciuta, la spia di Dudley, divinerà per lui e John Dee, sarà parte del seguito della regina Maria, diventandone amica e confidente e finirà anche da Elisabetta in un pericoloso gioco di spie e pettegolezzi, battaglie e balli. Mentre il regno di Maria vacilla, mentre anche in Inghilterra si accendono i roghi per gli eretici, Hannah dovrà decidere se essere leale a sè stessa, seguire il cuore o il dovere.

    Tutto sommato un libro scorrevole, che si legge bene, interessante per i riferimenti storici. Forse l'unico punto debole è il comportamento di Hannah in generale ma soprattutto verso la fine.
    Dove l'autrice vorrebbe far passare le scelte della sua protagonista come dettate dalla sua crescita, a me paiono scritte solo per dare un finale romantico. Non si capisce esattamente come Hannah arrivi a certe considerazioni (ad esempio quelle religiose ma anche riguardo al ruolo della donna) perchè non c'è davvero una crescita in quel senso.
    Bello invece il ritratto di Maria, così diverso dall'arcigna megera di cui di solito si legge. Una figura davvero tragica e tragicamente umana che viene abilmente tratteggiata dall'autrice.
    Non mi piace molto il modo in cui viene dipinta Elisabetta. Sembra strano che una ragazza così frivola sia potuta diventare la grande regina che a tutt'oggi conosciamo. Ma forse semplicemente è un personaggio che non incontra il gusto dell'autrice: l'aveva bistrattata anche nel suo libro in cui proprio Elisabetta è protagonista.

    Insomma, non un volume da quattro stelle ma le sue tre abbondanti se le è meritate.

    said on 

  • 3

    3 stelline e mezzo. Avrei evitato la trovata della giullare visionaria, ma la storia è scritta bene e tiene viva l'attenzione del lettore. Ho provato una gran pena per la regina Maria, donna sfortunat ...continue

    3 stelline e mezzo. Avrei evitato la trovata della giullare visionaria, ma la storia è scritta bene e tiene viva l'attenzione del lettore. Ho provato una gran pena per la regina Maria, donna sfortunata dall'infanzia fino alla fine dei suoi giorni. Brava la Gregory. Dopo la delusione de' "L'altra regina", questo libro l'ha riscattata di nuovo ai miei occhi.

    said on 

  • 4

    Nonostante la presenza di Hannah Green diventi quasi insopportabile man mano che si va avanti con la storia, ritengo questo romanzo interessante perchè Phlippa Gregory dà una visione completa di Mary ...continue

    Nonostante la presenza di Hannah Green diventi quasi insopportabile man mano che si va avanti con la storia, ritengo questo romanzo interessante perchè Phlippa Gregory dà una visione completa di Mary I, non solo presentandola come "Bloody Mary", ma mostrandone anche il lato più intimo, fragile e sofferente. Lo stile è scorrevole, ma non banale, le dinamiche fra i personaggi a mio parere sono piuttosto credibili ed è abbastanza accurato storicamente.

    said on 

  • 5

    una storia di cui conosciamo i personaggi e le vicissitudini , ma arricchita con uno straordinario senso di suspense sorpresa e drammaticità...

    Anno 1553. Inghilterra. Da una parte Maria la Sanguinaria, figlia di Enrico viii e Caterina D' Aragona, regina cattolica praticante e cosi' convinta della sua religione da mandare al rogo migliaia di ...continue

    Anno 1553. Inghilterra. Da una parte Maria la Sanguinaria, figlia di Enrico viii e Caterina D' Aragona, regina cattolica praticante e cosi' convinta della sua religione da mandare al rogo migliaia di persone considerate eretiche, dall'altra Elisabetta sorellastra di Maria, figlia di Enrico viii e Anna Bolena, principessa protestante. E poi nel mezzo tra le due donne, il grande personaggio inventato dalla Gregory, il giullare della regina Hannah Green o Verde, ragazzina ebrea fuggita dai roghi dell'inquisizione spagnola e approdata in Inghilterra con il padre libraio e stampatore. Hannah è un personaggio sorprendente, divisa tra la propria schiavitu' e la libertà, divisa tra l'affetto per la regina e l'affetto per la principessa. Vediamo un Inghilterra provata dalle carestie, dalla guerra civile, dai roghi, dall'entrata in scena della Spagna per il matrimonio di Maria con Filippo ii. E poi tantissimi altri personaggi, cospirazioni e intrighi di corte...

    said on 

  • 4

    bello e avvincente

    meno famoso dell'Altra donne del re, questo libro narra le vicende del trono infelice di Maria, figlia di Caterina e di Elisabetta, figlia di Anna Bolena, che le succederà.
    il tutto visto dagli occhi ...continue

    meno famoso dell'Altra donne del re, questo libro narra le vicende del trono infelice di Maria, figlia di Caterina e di Elisabetta, figlia di Anna Bolena, che le succederà.
    il tutto visto dagli occhi di HAnna, una ragazza ebrea che scappa dall'inquisizione e diventa il giullare della Regina.
    I personaggi sono ben caratterizzati, Maria alla fine si trova a ripercorrere l'infelice vita di sua madre, Caterina, sposata ad un uomo che ama ma che la tradisce con la stessa figlia della donna che aveva portato via suo padre a sua madre.Philippa Gregory si conferma maetsra a mio parere di questo genere di letteratura, romanzo "storico", si fa leggere sempre con piacere.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Brava Philippa!

    La Gregory scrive bene, nessuno lo può negare. Ti prende e ti porta (in questo caso) dritta nel 1500 inglese, tra la corte da una parte, con i suoi intrighi e sotterfugi, e la gente comune dall'altra. ...continue

    La Gregory scrive bene, nessuno lo può negare. Ti prende e ti porta (in questo caso) dritta nel 1500 inglese, tra la corte da una parte, con i suoi intrighi e sotterfugi, e la gente comune dall'altra..tra le usanze del popolo eletto e i tormenti inflitti dall'Inquisizione, per rivivere un pezzo di storia quasi come fossi lì...
    Protagonista della nostra storia è Hannah, ebrea spagnola fuggita in Inghilterra con il padre, per nascondersi dai lunghi artigli della Santa Inquisizione. Vive come un ragazzo vista la sua giovane età e aiuta il padre nel suo negozio di libri, finchè un giorno il suo dono divino si manifesta davanti a 2 persone altolocate; Hannah infatti a volte ha delle visioni che le svelano inquietanti dettagli sul futuro...Da quel momento tutto cambia, il destino dell'Inghilterra, quello della Regina e della stessa Hannah si intrecciano sempre più strettamente...

    said on 

  • 5

    Il libro che mi ha fatto innamorare dei romanzi storici. L'ho letto in inglese, la sua bellezza non mi ha fatto sentire la fatica di leggere in lingua orifinale

    said on 

  • 4

    L'ennesimo piccolo capolavoro della Gregory! Il personaggio di Hannah Green è affascinante, con una personalità che supera le barriere del suo tempo. Le sue passioni, il suo desiderio testardo di indi ...continue

    L'ennesimo piccolo capolavoro della Gregory! Il personaggio di Hannah Green è affascinante, con una personalità che supera le barriere del suo tempo. Le sue passioni, il suo desiderio testardo di indipendenza e di affermazione senza l'aiuto di nessuno, la sua volontà ferma e risoluta di uscire dall'ombra degli uomini e di affermarsi come donna libera e emancipata la mettono in contrasto con i suoi doveri familiari, col suo amore per Daniel, addirittura con la sua bruciante passione per il bellissimo Sir Robert Dudley. Hannah è dotata di poteri magici di preveggenza, che saranno apprezzati e usati dallo studioso John Dee: tutto questo la catapulterà nell'insidioso mondo della corte, tra tradimenti, feste grandiose, pericoli imminenti e sempre troppo vicini per poter essere evitati del tutto. Dalla fragilità della regina Maria (che prima per scelta dolorosa, poi per necessità e obbligo morale dovrà ristabilire la Vera fede cattolica in Inghilterra con la tortura e il rogo) all'esuberante falsità e intrigante fascino della principessa Elisabetta, determinata a sedere sul trono della sfortunata sorella maggiore, Hannah deve nascondere le sue capacità, la sua religione ebraica, addirittura la sua natura, travestendosi da ragazzo per stare al sicuro, cercando di farsi spazio in un tempo troppo antico per lei. Straordinario è dire poco.

    said on