The Queen's Fool

A Novel

By

Publisher: Touchstone

3.9
(374)

Language: English | Number of Pages: 512 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0743246071 | Isbn-13: 9780743246071 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Softcover and Stapled , eBook , Others , Audio CD

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like The Queen's Fool ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

A young woman caught in the rivalry between Queen Mary and her half sister, Elizabeth, must find her true destiny amid treason, poisonous rivalries, loss of faith, and unrequited love.

It is winter, 1553. Pursued by the Inquisition, Hannah Green, a fourteen-year-old Jewish girl, is forced to flee Spain with her father. But Hannah is no ordinary refugee. Her gift of "Sight," the ability to foresee the future, is priceless in the troubled times

of the Tudor court. Hannah is adopted by the glamorous Robert Dudley, the charismatic son of King Edward's protector, who brings her to court as a "holy fool" for Queen Mary and, ultimately, Queen Elizabeth. Hired as a fool but working as a spy; promised in wedlock but in love with her master; endangered by the laws against heresy, treason, and witchcraft, Hannah must choose between the safe life of a commoner and the dangerous intrigues of the royal family that are inextricably bound up in her own yearnings and desires.

Teeming with vibrant period detail and peopled by characters seamlessly woven into the sweeping tapestry of history, The Queen's Fool is another rich and emotionally resonant gem from this wonderful storyteller.

Sorting by
  • 3

    Romanzo storico ambientato alla corte inglese nel decennio 1548-1558, durante il regno di Maria Stuarda, detta Bloody Mary, e l'ascesa di Elisabetta I. Il libro racconta le vicende di una giovane ebre ...continue

    Romanzo storico ambientato alla corte inglese nel decennio 1548-1558, durante il regno di Maria Stuarda, detta Bloody Mary, e l'ascesa di Elisabetta I. Il libro racconta le vicende di una giovane ebrea scampata all'inquisizione spagnola insieme al padre libraio. Hannah ha un dono: alcune rade visioni del futuro. Grazie a questo dono ottiene il lavoro a corte di buffone sacro ma nella pratica quotidiana è usata come spia o mezzo di comunicazione per messaggi dei complottisti. Si ritroverà a dover dividere la propria fedeltà tra il suo padrone Robert Dudley, la regina Maria e la principessa Elisabetta. Inoltre è promessa sposa ad un uomo con cui si troverà sempre a negoziare la propria presenza a corte e il suo desiderio di essere indipendente.
    Il libro è pieno di complotti e voltagabbana. E' incentrato soprattutto su Maria, una donna sempre in lotta per quello che le appartiene e che vuole ristabilire la fede cristiana. Il prezzo però è altissimo per la popolazione che non la comprende e che dall'amore iniziale via via arriva a provare per lei odio e disprezzo. I suoi più grandi desideri, essere regina, avere un marito ed un erede, le procurano solo una costante delusione e sofferenza. La sorellastra Elisabetta, invece, vede la sua fortuna aumentare costantemente. Questo secondo volume della serie si conclude con la morte di Maria.
    Lo stile è molto scorrevole ma sinceramente non credo che ricorderò molto di questa lettura. La definirei un piacevole riempitivo ma nulla più.

    said on 

  • 5

    Francamente ho preso in antipatia Robert Dudley in quanto è sempre per colpa della sua presenza se vi sono problemi, tradimenti, lacrime e morti varie, di conseguenza lo avrei eliminato io stessa. Ma ...continue

    Francamente ho preso in antipatia Robert Dudley in quanto è sempre per colpa della sua presenza se vi sono problemi, tradimenti, lacrime e morti varie, di conseguenza lo avrei eliminato io stessa. Ma apprezzo sempre la mano della Gregory, questo è ovvio.

    said on 

  • 5

    Ho adorato questo libro! dalla prima all'ultima pagina il giulare della regina non delude di certo il lettore, la storia è davvero intrigante e lo consiglio vivamente agli amanti del genere

    said on 

  • 4

    Bel libro storico

    Bel romanzo storico ambientato in epoca Tudor, in particolare durante il regno della figlia di Enrico VIII, Maria.
    Ben descritto il rapporto fra sorellastre, ben profilati i personaggi, ben inserita l ...continue

    Bel romanzo storico ambientato in epoca Tudor, in particolare durante il regno della figlia di Enrico VIII, Maria.
    Ben descritto il rapporto fra sorellastre, ben profilati i personaggi, ben inserita la trama di fantasia nella Storia documentata.
    La storia è avvincente ma quello che affascina è il ritratto di un'epoca. Sembra di essere lì, nei corridoi freddi dei castelli in pietra, con cortigiani e cospiratori ad ogni angolo.
    Bellissimo libro, lettura consigliata a chi ama il genere.

    said on 

  • 3

    Tre e mezza

    Continuo la mia lettura della saga dei Tudor. Questa volta il libro mi è piaciuto meno degli altri due, forse perché basato sulle capacità soprannaturali di Hanna, la protagonista. La storia diventa a ...continue

    Continuo la mia lettura della saga dei Tudor. Questa volta il libro mi è piaciuto meno degli altri due, forse perché basato sulle capacità soprannaturali di Hanna, la protagonista. La storia diventa ancora più romanzata e perde un po '.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    tre stelle e mezzo

    Questo libro narra le vicende di Hannah Green, una giovane ebrea spagnola fuggiasca, che è appena giunta in Inghilterra con il padre per sfuggire ai roghi dell'inquisizione.
    Un giorno, mentre attende ...continue

    Questo libro narra le vicende di Hannah Green, una giovane ebrea spagnola fuggiasca, che è appena giunta in Inghilterra con il padre per sfuggire ai roghi dell'inquisizione.
    Un giorno, mentre attende clienti davanti alla bottega del padre, vestita da ragazzo come è solita fare da quando sono in fuga, Hannah incontra per la prima volta Robert Dudley, John Dee e un misterioso e scintillante cavaliere.
    Il cavaliere però non è reale, è una delle visioni di Hannah che ha il dono della preveggenza.
    Incuriositi e affascinati dal suo potere, i due uomini decidono di volere con loro la ragazza. Robert Dudley quindi impone ad Hannah la vita di corte: sarà il buffone, la sacra folle al servizio del morente re Edoardo ma soprattutto sarà i suoi occhi e le sue orecchie.
    Nel frattempo Hannah si troverà fidanzata, per decisione del padre, con un giovane medico ebreo che la vuole una moglie sottomessa e dedita alle arti femminili. Tutto quello che Hannah, con la vita che è stata costretta a vivere, non è nè vuole essere.
    Da quel momento in poi la protagonista sarà una futura sposa recalcitrante e cocciuta, la spia di Dudley, divinerà per lui e John Dee, sarà parte del seguito della regina Maria, diventandone amica e confidente e finirà anche da Elisabetta in un pericoloso gioco di spie e pettegolezzi, battaglie e balli. Mentre il regno di Maria vacilla, mentre anche in Inghilterra si accendono i roghi per gli eretici, Hannah dovrà decidere se essere leale a sè stessa, seguire il cuore o il dovere.

    Tutto sommato un libro scorrevole, che si legge bene, interessante per i riferimenti storici. Forse l'unico punto debole è il comportamento di Hannah in generale ma soprattutto verso la fine.
    Dove l'autrice vorrebbe far passare le scelte della sua protagonista come dettate dalla sua crescita, a me paiono scritte solo per dare un finale romantico. Non si capisce esattamente come Hannah arrivi a certe considerazioni (ad esempio quelle religiose ma anche riguardo al ruolo della donna) perchè non c'è davvero una crescita in quel senso.
    Bello invece il ritratto di Maria, così diverso dall'arcigna megera di cui di solito si legge. Una figura davvero tragica e tragicamente umana che viene abilmente tratteggiata dall'autrice.
    Non mi piace molto il modo in cui viene dipinta Elisabetta. Sembra strano che una ragazza così frivola sia potuta diventare la grande regina che a tutt'oggi conosciamo. Ma forse semplicemente è un personaggio che non incontra il gusto dell'autrice: l'aveva bistrattata anche nel suo libro in cui proprio Elisabetta è protagonista.

    Insomma, non un volume da quattro stelle ma le sue tre abbondanti se le è meritate.

    said on 

  • 3

    3 stelline e mezzo. Avrei evitato la trovata della giullare visionaria, ma la storia è scritta bene e tiene viva l'attenzione del lettore. Ho provato una gran pena per la regina Maria, donna sfortunat ...continue

    3 stelline e mezzo. Avrei evitato la trovata della giullare visionaria, ma la storia è scritta bene e tiene viva l'attenzione del lettore. Ho provato una gran pena per la regina Maria, donna sfortunata dall'infanzia fino alla fine dei suoi giorni. Brava la Gregory. Dopo la delusione de' "L'altra regina", questo libro l'ha riscattata di nuovo ai miei occhi.

    said on 

  • 4

    Nonostante la presenza di Hannah Green diventi quasi insopportabile man mano che si va avanti con la storia, ritengo questo romanzo interessante perchè Phlippa Gregory dà una visione completa di Mary ...continue

    Nonostante la presenza di Hannah Green diventi quasi insopportabile man mano che si va avanti con la storia, ritengo questo romanzo interessante perchè Phlippa Gregory dà una visione completa di Mary I, non solo presentandola come "Bloody Mary", ma mostrandone anche il lato più intimo, fragile e sofferente. Lo stile è scorrevole, ma non banale, le dinamiche fra i personaggi a mio parere sono piuttosto credibili ed è abbastanza accurato storicamente.

    said on 

  • 5

    una storia di cui conosciamo i personaggi e le vicissitudini , ma arricchita con uno straordinario senso di suspense sorpresa e drammaticità...

    Anno 1553. Inghilterra. Da una parte Maria la Sanguinaria, figlia di Enrico viii e Caterina D' Aragona, regina cattolica praticante e cosi' convinta della sua religione da mandare al rogo migliaia di ...continue

    Anno 1553. Inghilterra. Da una parte Maria la Sanguinaria, figlia di Enrico viii e Caterina D' Aragona, regina cattolica praticante e cosi' convinta della sua religione da mandare al rogo migliaia di persone considerate eretiche, dall'altra Elisabetta sorellastra di Maria, figlia di Enrico viii e Anna Bolena, principessa protestante. E poi nel mezzo tra le due donne, il grande personaggio inventato dalla Gregory, il giullare della regina Hannah Green o Verde, ragazzina ebrea fuggita dai roghi dell'inquisizione spagnola e approdata in Inghilterra con il padre libraio e stampatore. Hannah è un personaggio sorprendente, divisa tra la propria schiavitu' e la libertà, divisa tra l'affetto per la regina e l'affetto per la principessa. Vediamo un Inghilterra provata dalle carestie, dalla guerra civile, dai roghi, dall'entrata in scena della Spagna per il matrimonio di Maria con Filippo ii. E poi tantissimi altri personaggi, cospirazioni e intrighi di corte...

    said on 

  • 4

    bello e avvincente

    meno famoso dell'Altra donne del re, questo libro narra le vicende del trono infelice di Maria, figlia di Caterina e di Elisabetta, figlia di Anna Bolena, che le succederà.
    il tutto visto dagli occhi ...continue

    meno famoso dell'Altra donne del re, questo libro narra le vicende del trono infelice di Maria, figlia di Caterina e di Elisabetta, figlia di Anna Bolena, che le succederà.
    il tutto visto dagli occhi di HAnna, una ragazza ebrea che scappa dall'inquisizione e diventa il giullare della Regina.
    I personaggi sono ben caratterizzati, Maria alla fine si trova a ripercorrere l'infelice vita di sua madre, Caterina, sposata ad un uomo che ama ma che la tradisce con la stessa figlia della donna che aveva portato via suo padre a sua madre.Philippa Gregory si conferma maetsra a mio parere di questo genere di letteratura, romanzo "storico", si fa leggere sempre con piacere.

    said on