Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Rain Before it Falls

By Jonathan Coe

(150)

| Paperback | 9780141033211

Like The Rain Before it Falls ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

The "Rain Before it Falls" - Jonathan Coe's heartbreaking novel of family secrets. Deeply moving and compelling, "The Rain Before it Falls" is the story of three generations of one family riven by tragedy. When Rosamund, a reluctant bearer of family Continue

The "Rain Before it Falls" - Jonathan Coe's heartbreaking novel of family secrets. Deeply moving and compelling, "The Rain Before it Falls" is the story of three generations of one family riven by tragedy. When Rosamund, a reluctant bearer of family secrets, dies suddenly, a mystery is left for her niece Gill to unravel. Some photograph albums and tapes point towards a blind girl named Imogen whom no one has seen in twenty years. The search for Imogen and the truth of her inheritance becomes a shocking story of mothers and daughters and of how sadness, like a musical refrain, may haunt us down the years. "Spectacular, heartbreaking, beautifully written. Rosamund's story is one of the most extraordinary and compelling you will ever read. Impossible to put down, I loved every minute of it". ("Sunday Express"). "A sad, often very moving story of mothers and daughters". ("Guardian"). "Entirely compelling...the plot will keep you rapt...reminiscent of Ian McEwan at his most effective". ("New Statesman"). Jonathan Coe's novels are filled with moving, astute observations of life and love, and are written with a revealing honesty that has captivated a generation of readers.
His other titles, "The Accidental Woman", "The Rotters' Club" (winner of the Everyman Wodehouse prize), "The Closed Circle", "The Dwarves of Death", "The Terrible Privacy of Maxwell Sim", "The House of Sleep" (winner of the 1998 Prix Medicis Etranger), "A Touch of Love", and "What a Carve Up!" (winner of the 1995 John Llewellyn Rhys Prize), are all available in Penguin paperback.

794 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Quattro stelle per avermi dato le parole per esprimere un'idea che non ero mai riuscita a dire: "tu sei ineluttabile".

    Is this helpful?

    Clelia said on Sep 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non male ma di sicuro non memorabile.
    La zia rosamond poco prima di morire registra varie audiocassette in cui vuol spiegare la storia della famiglia a una lontana parente (nipote?), Imogen, della quale ha perso le tracce. Rosamond spera che qualcuno ...(continue)

    Non male ma di sicuro non memorabile.
    La zia rosamond poco prima di morire registra varie audiocassette in cui vuol spiegare la storia della famiglia a una lontana parente (nipote?), Imogen, della quale ha perso le tracce. Rosamond spera che qualcuno sia in grado di rintracciare la ragazza e farle avere questa testimonianza.

    Is this helpful?

    Gereds said on Aug 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Lieve. Sarebbe lieve riuscire a scorgere - al di là delle nuvole, là dove alcuni di noi hanno collocato un dio - la pioggia prima che cada. Deve essere un'esperienza lieve, ma allo stesso tempo assoluta, come riuscire a intercettare una lacrima prima ...(continue)

    Lieve. Sarebbe lieve riuscire a scorgere - al di là delle nuvole, là dove alcuni di noi hanno collocato un dio - la pioggia prima che cada. Deve essere un'esperienza lieve, ma allo stesso tempo assoluta, come riuscire a intercettare una lacrima prima che cada al pensiero di Rebecca nuda, per la prima volta, nel tuo letto, mentre il fidanzato che hai appena scaricato bussa come un folle alla tua porta, chiedendo una spiegazione. Un'esperienza assoluta, dicevo, come vedere Thea sibilare, senza un'emozione, che sua madre Beatrix non ti nomina mai. Questo romanzo è un romanzo sulla condizione umana, vista attraverso lo specchio dei ricordi di una donna, che ripercorre, in una serie di registrazioni ispirate a fotografie in cui ha condensato tutta quella che è stata la sua vita, gli eventi salienti della sua esistenza. I grandi amori che ha perduto, le figlie che non ha mai avuto, e le follie, le crisi di cui ogni vita si compone. Il tocco di Coe è delicato, ma penetrante, come la pioggia quando si decide a cadere, e lascia ogni istante con il sospetto che qualcosa stia tacendo nell'ombra di quelle nuvole che non hanno ancora deciso di liberarsi del loro umido peso. Questo qualcosa è il senso. Il senso della storia di Rosamund, il senso della cecità di Imogen, il senso della fine della storia con Rebecca, del dipinto di Ruth, della fine dell'innocenza di Thea. La storia viene raccontata a Imogen, ragazza cieca, che viene invitata dalla voce di Rosamund a vedere cose che non può - per forza di cose - vedere: la propria storia. Qualcosa che esiste già, anche se in forma impalpabile, per chi non sa e non può vedere. Come la pioggia prima che cada. Questo è stato il senso che ho trovato e seguito fino alle ultimissime pagine, quando mi sono reso conto di un messaggio più subdolo, più profondo: nella catena quasi Nietzschiana di ritorni, deve esistere un senso più profondo, ma anche chi conosce ogni cosa, chi ha ascoltato tutte le cassette di Rosamund, chi ha letto tutta la lettera di Thea, e tutti gli avvenimenti legati a Gill e alle sue figlie, anche tutti loro (ossia noi lettori) non riescono a trovarlo. Perché siamo tutti ciechi in balia di eventi che non riusciamo a spiegarci, ma che sono esattamente come Ruth, inevitabili. Mi viene in mente Baricco... siamo tutti meravigliosi, e facciamo tutti schifo. E chi non lo è, in questo romanzo? Rosamund sembra salvare sul finale solo Imogen, ma perché non la tenera Beatrix bambina? O la piccola Thea? Forse il punto è un altro... quando cresciamo perdiamo quella sensibilità che ci permette di capire che un senso effettivamente esiste (basti pensare al momento in cui Thea pronuncia le parole circa la pioggia che danno il titolo al romanzo), e ci smarriamo nella nostra rabbia, nei nostri dolori, nelle nostre frustrazioni, nei nostri risentimenti. Forse arrendersi all'impossibilitò di vedere, come fa Imogen, è il senso. Perché in fondo possiamo credere a quello che vogliamo, al destino o a un dio, ma resta un dato essenziale: che c'è qualcosa nella pioggia che ci accompagna sempre, e che deve esserci un significato profondo nel momento in cui la pioggia non è ancora pioggia. E questo qualcosa è probabilmente il senso di tutte le nostre vite. Coe non avrebbe potuto usare immagini più profonde. La pioggia cade sui giusti e sugli ingiusti ugualmente. Buon sistema, sì. Ma il senso di questo sistema è al di là delle nuvole. Coe non è dio (che, tra l'altro, a detta di qualcuno è nella pioggia), e non pretende di spiegarci quale sia questo significato. Ci dice solo che deve esserci. Tanto basta.

    Is this helpful?

    Ipsen said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho letto questo libro perchè mi intrigava il titolo, il cui significato è peraltro ben spiegato nel corso della storia. Vicende molto tristi, figure femminili affascinanti nonostante la negatività di molte di esse, temi importanti come l'anaffettivit ...(continue)

    Ho letto questo libro perchè mi intrigava il titolo, il cui significato è peraltro ben spiegato nel corso della storia. Vicende molto tristi, figure femminili affascinanti nonostante la negatività di molte di esse, temi importanti come l'anaffettività materna e la genitorialità omosessuale. Ma per favore, non leggetelo sei siete ansiosi o depressi, rinviate a quando vi sentirete meglio! ;)

    Is this helpful?

    Serena said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Che sorpresa: la storia di una vita raccontata e spiegata a partire da una manciata di fotografie...
    Questa cosa mi fa sorridere, perché una volta io ho fatto lo stesso, descrivendo foto "ideali" di scorci della città che mi piacciono particolarmente ...(continue)

    Che sorpresa: la storia di una vita raccontata e spiegata a partire da una manciata di fotografie...
    Questa cosa mi fa sorridere, perché una volta io ho fatto lo stesso, descrivendo foto "ideali" di scorci della città che mi piacciono particolarmente in certi periodi o situazioni, e raccontando aneddoti a partire da queste immagini.
    Qualcosa mi dice che io e Coe avremo sicuramente altri incontri felici.

    Is this helpful?

    donaluna said on Jun 29, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book