The Red and the Black

(Modern Library)

By

Publisher: Modern Library

4.0
(5864)

Language: English | Number of Pages: 639 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , Portuguese , Spanish , Chi traditional , German , Italian , Dutch , Catalan , Chi simplified

Isbn-10: 0679601627 | Isbn-13: 9780679601623 | Publish date:  | Edition New

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Others , Audio CD , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like The Red and the Black ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A Major New TranslationThe Red and the Black, Stendhal’s masterpiece, is the story of Julien Sorel, a young dreamer from the provinces, fueled by Napoleonic ideals, whose desire to make his fortune sets in motion events both mesmerizing and tragic. Sorel’s quest to find himself, and the doomed love he encounters along the way, are delineated with an unprecedented psychological depth and realism. At the same time, Stendhal weaves together the social life and fraught political intrigues of post–Napoleonic France, bringing that world to unforgettable, full-color life. His portrait of Julien and early-nineteenth-century France remains an unsurpassed creation, one that brilliantly anticipates modern literature. Neglected during its time, The Red and the Black has assumed its rightful place as one of the world’s great books, and Burton Raffel’s extraordinary new translation, coupled with an enlightening Introduction by Diane Johnson, helps it shine more brightly than ever before.
Sorting by
  • 4

    Inconfondibile Stendhal

    Ad essere sincera ho prerito la Certosa di Parma, molto più animata rispoetto a Il rosso e il nero. Ho trovato la narrazione ciclica e ripetitiva nei suoi stessi cicli. Un po' noiosa ma pur sempre cap ...continue

    Ad essere sincera ho prerito la Certosa di Parma, molto più animata rispoetto a Il rosso e il nero. Ho trovato la narrazione ciclica e ripetitiva nei suoi stessi cicli. Un po' noiosa ma pur sempre capace di rialzare l'attenzione nei punti "morti". Lo stile non mi permetto neanche di commentarlo, per me emeplare!

    said on 

  • 1

    Storia di uno scemo

    Sarà anche una cronaca fedele di quello che si faceva ai tempi in cui è stato scritto ma raramente un libro considerato importante ha un personaggio così imbecille, che non è mai capace di capire quel ...continue

    Sarà anche una cronaca fedele di quello che si faceva ai tempi in cui è stato scritto ma raramente un libro considerato importante ha un personaggio così imbecille, che non è mai capace di capire quello che sta facendo, le prime 100 pagine raccontano la storia di due scemi con tutti gli errori che fanno in continuazione, e non è un libro da ridere !! Credo di poterlo classificare come il grande classico che mi ha deluso di più, ho fatto una fatica terribile a finirlo

    said on 

  • 2

    Non è bastata la sottile ironia che l'Autore ha usato per descrivere, peraltro assai bene, la società francese della Restaurazione in tutte le sue ambizioni ed idiosincrasie; né sono bastati i ritratt ...continue

    Non è bastata la sottile ironia che l'Autore ha usato per descrivere, peraltro assai bene, la società francese della Restaurazione in tutte le sue ambizioni ed idiosincrasie; né sono bastati i ritratti dei notevoli personaggi che si susseguono, passando dalla campagna francese, all'alta società parigina (su tutti ho apprezzato il Principe Korasoff, che mi ha ricordato il Lord Henry del Dorian Gray); nonostante tutto ciò, dicevo, ho faticato non poco ad arrivare alla fine del romanzo perché il perno narrativo dell'opera, le avventure galanti del protagonista Julien Sorel, mi hanno sommamente annoiato. Mi aspettavo più azione e meno circonvoluzioni mentali, sono rimasto deluso.

    said on 

  • 5

    Capolavoro

    Libro da leggere e da rileggere.
    Nietzsche definì Stendhal come l'ultimo psicologo francese, a ragione. Infatti in questo romanzo assistiamo alla scalata dell'ambizione da parte di Julien Sorel, un gi ...continue

    Libro da leggere e da rileggere.
    Nietzsche definì Stendhal come l'ultimo psicologo francese, a ragione. Infatti in questo romanzo assistiamo alla scalata dell'ambizione da parte di Julien Sorel, un giovane abate, animato da un unico fine: il successo.
    Non svelo alcun altro particolare poiché sarebbe sacrilego, tuttavia consiglio una ripassata storica del periodo, per poter meglio gustare quest'opera senza tempo.

    said on 

  • 4

    Oltre ad un'ottima occasione per ripassare un po' di storia francese del periodo post-napoleonico, restaurazione, dissidi tra gesuiti e giansenisti, scontro tra una borghesia in crescita e il ceto nob ...continue

    Oltre ad un'ottima occasione per ripassare un po' di storia francese del periodo post-napoleonico, restaurazione, dissidi tra gesuiti e giansenisti, scontro tra una borghesia in crescita e il ceto nobiliare aggrappato ai propri privilegi si è letteralmente catturati dalla psicologia del protagonista e dalle sue ambizioni, sogni, desideri. Julien Sorel è messo a nudo da Stendhal, senza che si senta minimamente il "tocco" dello scrittore. Gli alti e bassi di un'anima, le sue pulsioni si dispiegano in una sorta di flusso di coscienza ai suoi primordi letterari. La grandezza dell'autore si palesa nel linguaggio, magistrale fin dalle prime righe, senza mai cedimenti e sa creare tre ritratti indimenticabili, profondamente diversi: il giovane di umili origini che aspira ad un futuro eroico, purtroppo irrealizzabile in un tempo che all'eroismo non concede alcuna chance (finito il tempo di Robespierre e Napoleone), la giovane madre sensibile, fervente cattolica, eternamente in lotta tra passione e paura della dannazione, e la nobile Matilde che, come Julien Sorel è preda e vittima di emozioni contrastanti, nel suo caso desideri di gloria e orgoglioso attaccamento alla propria origine altolocata.

    said on 

  • 2

    Io l'ho abbandonato per noia a 100 pagine dalla fine (che poi ho scoperto leggendo l'introduzione). Tanta colpa ce l'ha la traduzione del 1913 che appesantisce molto e a volte è addirittura incomprens ...continue

    Io l'ho abbandonato per noia a 100 pagine dalla fine (che poi ho scoperto leggendo l'introduzione). Tanta colpa ce l'ha la traduzione del 1913 che appesantisce molto e a volte è addirittura incomprensibile. Cercate un'edizione con traduzione più moderna.

    said on 

  • 2

    Ci ho riprovato e...

    ...fino a metà tutto bene, ma poi... la domanda è stata: ma succede qualcosa? E la riposta è: sì, ma solo negli ultimi capitoli (o poco prima), come già era successo per "La certosa di Parma". Stendha ...continue

    ...fino a metà tutto bene, ma poi... la domanda è stata: ma succede qualcosa? E la riposta è: sì, ma solo negli ultimi capitoli (o poco prima), come già era successo per "La certosa di Parma". Stendhal continua, purtroppo, a non fare per me. Soffi vissuto 150 anni fa forse avrei capito meglio tutti i riferimenti culturali e sociali (che sono tantissimi) e che letti oggi, senza un'adeguata preparazioni, ho trovato fossero poco chiari e anche un bel po' contorti. Pazienza.

    said on 

  • 4

    Gli ho attribuito 4 stelline, le ultime 50 pagine però ne meritavano 5.
    Un grande romanzo romantico.
    Ah! dopo aver letto libri del genere, mi sento sempre fuori posto nell'epoca attuale. Sarei dovuto ...continue

    Gli ho attribuito 4 stelline, le ultime 50 pagine però ne meritavano 5.
    Un grande romanzo romantico.
    Ah! dopo aver letto libri del genere, mi sento sempre fuori posto nell'epoca attuale. Sarei dovuto nascere tra 700 e 800. Probabilmente avrei seguito Napoleone fino ai confini del mondo.

    said on 

  • 5

    Julien Sorel sogna la carriera militare (il rosso), ma capisce che nella sua epoca può salire di condizione sociale solo grazie alla divisa religiosa (il nero).
    Un romanzo che è politico pur senza par ...continue

    Julien Sorel sogna la carriera militare (il rosso), ma capisce che nella sua epoca può salire di condizione sociale solo grazie alla divisa religiosa (il nero).
    Un romanzo che è politico pur senza parlare apertamente di politica. Mostra la Francia della Restaurazione come una nazione corrotta, piena di intrighi, fatta di doppiogiochisti spinti dal solo intento di acquisire cariche pubbliche e ricchezze.
    Julien vuole salire di condizione sociale, sogna una rapida ascesa come il suo mito Napoleone Bonaparte, ma nella società in cui vive ci sono solo intrighi e disonestà, è impossibile migliorare la propria condizione sociale se non svendendosi a chi ha già il potere. Nella sua vita pianificata come una campagna militare piomba però la passione amorosa, lui prima la gestisce come una guerra, poi ne finisce travolto.

    Un romanzo ricco di contenuti, scritto in modo semplice ed essenziale, si fa leggere ed è adatto per trascorrere ore piacevoli.

    said on 

Sorting by
Sorting by